HOME - Agorà del Lunedì
 
 
08 Febbraio 2021

Diga di gomma: è “comoda” ma è (solo) “consigliata”

Un conto è lo “standard of care” e un conto è lo “standard of practice”, ovvero quello che realmente si fa è il commento del prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì dedicato alla “diga”

di Massimo Gagliani


Tra il dire e il fare….in questo continuo oscillare si è ben inserito Odontoiatria33 che ha portato alla ribalta un articolo apparso su Dental Cadmos riguardante l’uso della diga di gomma.

Benedico un vecchio – proprio perché lo sono anch’io – istruttore dei tempi della Specialità in Odontoiatria che mi disse in due parole perché bisognasse usare quella che gli anglosassoni chiamano “rubber dam” (RD): è comoda.  

Niente arzigogoli, niente elucubrazioni medico-legali, niente giustificazioni polimerico-adesive… semplicemente un “E’ comoda”.   Il valore dei messaggi semplici.  

Nel corso della vita, per contro, ho amplificato le ragioni di questa scelta che, ai tempi, apparteneva al 5% della popolazione dentistica e, senza avere la pretesa di fare le crociate, mi sono avventurato in questionari e indagini, ricevendo spesso informazioni sconfortanti.  

Perché un conto è lo “standard of care” e un conto è lo “standard of practice”, ovvero quello che realmente si fa.  

La differenza non è così trascurabile; tant’è che, ancor oggi, nelle Raccomandazioni Cliniche Ministeriali – nel capitolo isolamento del campo operatorio per le pratiche endodontiche – alberghi ancora la dicitura “Per ottenere un adeguato isolamento del campo è consigliato l’uso della diga di gomma o di altro dispositivo che….”  

“O”.  

Magnifica vocale del Paese dove i cartelli recano la scritta “È severamente vietato…”. 
Perché mai aggettivare un verbo che, per sé stesso, significherebbe l’assoluta impossibilità a fare qualcosa?   Perché in questo Paese la strizzata d’occhio, l’ammiccamento, il sotterfugio sono specie protette; il paziente RD-fobico è il 3% a Chieti ma nel resto d’Italia non è detto che sia così.  

Perciò la RD, vox vendite attendibile, nel corso degli ultimi 5 anni ha subito una flessione nelle vendite, già non straordinarie. 
Così lo “standard of practice” si fa un baffo dello “standard of care”, con buona pace del mio amico Camillo D’Arcangelo, co-Autore dell’articolo citato, con il quale da anni, con grande piacere da parte mia, frequento la medesima barricata.  

Peccato che i No-Dam siano sempre la maggioranza…. chissà perché; forse qualcuno dice loro che è “severamente vietato” usarla?

Articoli correlati

Attraverso un questionario sono stati raccolti l’opinione dei pazienti e i dati relativi ai tempi per il suo allestimento


agora-del-lunedi     27 Settembre 2021

Ripariamo i denti rotti

Partendo da un interessante lavoro scientifico tutto italiano, il prof. Gagliani ragiona sull’importanza della restaurativa conservativa

di Massimo Gagliani


Un'opera composta da due libri per conoscere le possibili soluzioni alle molteplici problematiche cliniche inerenti i restauri adesivi dei settori posteriori. Un opera composta da...


Valutazione in vitro dell’integrità marginale dei compositi bulk dopo polimerizzazione rapida ad alta intensità

di Lara Figini


In questo Agorà del Lunedì, seconda parte, il prof. Gagliani suggerisce un semplice e banale stratagemma che rende migliore la visuale dell’endodonto facilitando il trattamento...

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Tra i temi in discussione la valutazione su una possibile revisione delle procedure anti Covid indicate per gli studi odontoiatrici


Anelli: i sanitari a rischio sono tutti, non si faccia il 'tu sì tu no. La terza dose va estesa a tutti perché «garantisce la riduzione del rischio e aiuta la categoria a continuare a lavorare in...


Giovedì 30 il termine ultimo per l’invio da parte di odontoiatri, igienisti dentali e strutture sanitarie dei dati delle fatture messe direttamente ai pazienti al Sistema Tessera Sanitaria


In occasione della quinta edizione del Dental Forum ad Asti, il 2 ottobre 2021, l’intervento “Il digitale e la nuova e-inclusion in odontoiatria” sarà focalizzato sui trend che stiamo...


Uno lavorava in un poliambulatorio medico, l’altro in un sottoscala, gli altri 2 arrotondavano facendo i buttafuori 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio