HOME - Agorà del Lunedì
 
 
08 Marzo 2021

Dal restauro all’endodonzia: un percorso inverso

In questo Agorà del Lunedì, seconda parte, il prof. Gagliani suggerisce un semplice e banale stratagemma che rende migliore la visuale dell’endodonto facilitando il trattamento

di Massimo Gagliani


Ci eravamo lasciati lunedì scorso con “…..tutti noi facciamo conservativa & endodonzia, in misura più o meno rilevante. E se ci fermassimo a riflettere: può essere l’una secondaria all’altra o dovrebbero essere sinergiche?”  

Oggi si completa il percorso; più che un percorso, alcuni spunti di riflessione.  

La comunità scientifica si è a lungo interrogata sulla valenza del restauro coronale rispetto al trattamento endodontico; finalmente, circa dieci anni fa, uno studio ha posto fine alla diatriba che, sul piano della logica da bar non avrebbe avuto molte discussioni.  

Un buon restauro e una buona endodonzia portano i risultati migliori. Non ci voleva Cavour….  

Per contro, riflettendo e osservando, spesso la scarsa endodonzia è figlia di errori procedurali che riguardano l’apertura della camera pulpare, ovvero dell’accesso coronale. Ma se l’accesso coronale fosse già studiato in relazione alla tipologia del restauro da eseguire, non avremmo risparmiato un sacco di lavoro?

Abbassamento delle cuspidi già nella prima fase dell’intervento quando si opti per un restauro a copertura cuspidale, ovvero quello più garantito per denti che abbiano creste marginali deboli o assenti, tanto per esemplificare.

Questo semplice e banale stratagemma rende migliore la visuale dell’endodonto e, come tale, facilita il trattamento dello stesso.  
In questi denti la carie ha prodotto effetti fortemente invalidanti, perché non rimpiazzare da subito il tessuto perso con dei materiali adesivi che, prima dell’uso di irriganti e quant’altro, avranno legame con la dentina migliore e più duraturo nel tempo.  

Stimiamo che nella fase ricostruttiva ci sia la necessità di un perno?  
Perché non prepararne, almeno sommariamente, l’alloggiamento prima di fare il trattamento di tutto il canale?

Avremo più spazio per accedere alle parti profonde dell’endodonto. Ecco che la parte restaurativa avanza e la parte endodontica rappresenta solo la conclusione di un processo logico che, avvalorato dagli studi, porta a ri-definire le sequenze operative.
Una sorta di lavoro in parallelo che migliora l’analogo sequenziale.

E poi con le metodiche digitali di ricostruzione….ma questa sarà un’altra storia per un altro lunedì.  

Articoli correlati

I trattamenti endodontici vantano ormai successi prevedibili. Talvolta però può verificarsi un fallimento come conseguenza di un’infezione persistente o di una...

di Lara Figini


Un Agorà del Lunedì a puntate. In questa, il prof. Gagliani parla di come la Seconda Guerra Mondiale abbia cambiato l’endodonzia e della Scuola di Odontoiatri Generici 

di Massimo Gagliani


Durante il periodo di lockdown da pandemia da Covid-19 i dentisti, in qualità di operatori sanitari, hanno continuato a esercitare garantendo però il trattamento esclusivamente...

di Lara Figini


Un conto è lo “standard of care” e un conto è lo “standard of practice”, ovvero quello che realmente si fa è il commento del prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del...

di Massimo Gagliani


In endodonzia l’otturazione canalare è di fondamentale importanza per il successo del trattamento endodontico, in quanto è una procedura che mira a sigillare ermeticamente il...

di Lara Figini


Altri Articoli

La Regione conferma vaccinazione per tutti gli operatori sanitari e di interesse sanitario. Per i non iscritti all’Ordine la prenotazione deve essere fatta singolarmente


Il primo impegno del nuovo presidente sarà il XIII Meeting Mediterraneo AIOP dal 15 al 17 aprile in modalità virtuale


Ricerca UniSalute: tra le preoccupazioni degli italiani i costi delle cure dentistiche. Un terzo di chi acquisterebbe una polizza sanitaria chiede che contemplino anche le cure odontoiatriche


Corretta prescrizione ed utilizzo degli antibiotici in odontoiatria. Questi i consigli del prof. Roberto Mattina


Sinergia Associazione Italiana Odontoiatri-Tokuyama: i soci riceveranno un "Welcome kit" fino al 30 aprile


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente