HOME - Agorà del Lunedì
 
 
22 Marzo 2021

Impianti e diabetici: quali regole?

Continuano le riflessioni sul tema del prof. Gagliani, in questo Agorà del Lunedì si sofferma dove sia meglio posizionare gli impianti in un paziente diabetico

di Massimo Gagliani


Nel vasto panorama delle patologie odontoiatriche dell’anziano, il posizionamento degli impianti in soggetti con atrofie dei mascellari rimane sempre un’incognita. Tale incognita aumenta in proporzione a quelle che, oggi più che mai, sentiamo continuamente nominare, ovvero le co-morbilità. È innegabile che il diabete di tipo 2 sia oggi una patologia in largo aumento e sia la conseguenza nichilista della famosa frase: “Inutile viver da malati per morire sani!”. 

A parte gli scherzi lo stile di vita ci ha portato verso questa deriva e, volendo per contro vivere a lungo, si cerchino tutti gli espedienti per sopravvivere. Ciò detto, il posizionamento di impianti nei pazienti diabetici rappresenta un fattore di rischio non trascurabile; fanno luce su questo argomento ricercatori dell’Università di San Paolo (Brasile) che hanno esaminato il posizionamento di impianti dentali nelle situazioni più critiche, quelle in cui l’osso scarseggi e l’opportunità, magari non solo clinica ma anche economica, restringa il numero di impianti da inserire. 

Bene; dal solo posizionamento degli impianti scaturiscono risultati sorprendenti: la collocazione sopracrestale sembra essere di gran lunga più favorevole riguardo a quella iuxta-crestale.

Un piccolo accorgimento tecnico per migliorare la situazione clinica – sembrerebbe dallo studio su cui vi riferirà come sempre la d.ssa Lara Figini su Odontoiatria33 nei prossimi giorni – in questi frangenti clinici che sempre più di frequente dovremo affrontare.   


Per approfondire:

Could implant position influence the peri-implant parameters in edentulous mandibles of diabetics rehabilitated with overdentures? A split-mouth randomized study A.Conte et alInternational Journal of Oral and Maxillo Facial Surgery – 2021 – pre-press 

Ghiraldini, Bruna et al. “Could the Apico‐coronal Position of the Implant Influence the Peri‐implant Parameters in Type 2 Diabetics?” Clinical oral implants research 30.S19 (2019): 18–19.  

Articoli correlati

Per il prof. Matteo Chiapasco la formazione è alla base del successo. “Non basta sapere inserire l’impianto ma si deve conoscere il contesto anatomico e valutare quello clinico” 


Iandolo: “Strumentalizzazione dei canali TV nazionali, danno d’immagine per tutta la categoria degli odontoiatri”


Garantirsi una buona “web reputation” è uno degli aspetti che anche lo studio odontoiatrico dovrebbe considerare.Da tempo l’amico Davis Cussotto ne parla su Odontoiatria33 dando...

di Norberto Maccagno


Il prof. Gagliani si sofferma su di un lavoro che analizza un'overdenture mandibolare supportata da quattro impianti corti si è dimostrata una modalità di trattamento valida per mandibole atrofiche

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Tra i temi in discussione la valutazione su una possibile revisione delle procedure anti Covid indicate per gli studi odontoiatrici


Anelli: i sanitari a rischio sono tutti, non si faccia il 'tu sì tu no. La terza dose va estesa a tutti perché «garantisce la riduzione del rischio e aiuta la categoria a continuare a lavorare in...


Giovedì 30 il termine ultimo per l’invio da parte di odontoiatri, igienisti dentali e strutture sanitarie dei dati delle fatture messe direttamente ai pazienti al Sistema Tessera Sanitaria


In occasione della quinta edizione del Dental Forum ad Asti, il 2 ottobre 2021, l’intervento “Il digitale e la nuova e-inclusion in odontoiatria” sarà focalizzato sui trend che stiamo...


Uno lavorava in un poliambulatorio medico, l’altro in un sottoscala, gli altri 2 arrotondavano facendo i buttafuori 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio