HOME - Agorà del Lunedì
 
 
29 Marzo 2021

Impianti e stili di vita

Ultimo approfondimento del prof. Massimo Gagliani questa volta dedicata alla sinergia odontoiatra-igienista-paziente

di Massimo Gagliani


Finisco questo trittico sulle conseguenze del diabete sull’implantologia facendo alcune considerazioni su stili di vita e sopravvivenza degli impianti; lo studio riferito in calce me ne da l’opportunità, essendo basato su una popolazione di circa 4300 pazienti seguiti per un ventennio e oltre diecimila impianti.  

I risultati nella popolazione presa in esame sono parsi molto incoraggianti: solo l’ 1,6% degli impianti persi ma il 3,3% dei pazienti interessati.   Tuttavia, scandendo i risultati nel tempo, si è visto che, nei casi controllati più a lungo nel tempo, ovvero oltre 15 anni, il 6% degli impianti andava perso e il 14% dei pazienti rivelava questo problema che poteva assommarsi a quello legato alle infiammazioni dei tessuti peri-implantari, sino alle peri-implantiti, che sconfinavano verso il 10-12% degli impianti e quasi il 20% dei pazienti.  

Segno che un paziente su cinque manifestava prima o poi questo problema.  

Ultimo, non meno importante, l’incidenza di questa patologia era fortemente correlata al fumo e al diabete, in altre parole agli stili di vita.   Cosa ci insegna questo studio; tutto e niente.
Poco di più di quanto già sapessimo, molto se riflettiamo sulle abitudini nostre e sulle abitudini dei pazienti.  
In altre parole, rinnova un patto di conservazione nel lungo periodo fatto di coinvolgimento nelle terapie, ma soprattutto nel mantenimento delle stesse attraverso protocolli di cura e di profilassi quasi spasmodici, in cui la sinergia odontoiatra-igienista-paziente deve diventare ogni giorno più salda.

Personalmente ho osservato – è citazione di valore aneddotico, ma pur sempre valida – disastri nei pazienti che, complice l’emergenza COVID-19,  per un anno e mezzo non hanno seguito programmi di mantenimento e profilassi dei tessuti parodontali, sia su denti, sia su impianti.  

Un altro danno non irrilevante della pandemia.    


Per approfondire:

French D, Ofec R, Levin L. Long term clinical performance of 10 871 dental implants with up to 22 years of follow-up: A cohort study in 4247 patients. Clin Implant Dent Relat Res. 2021 Mar 25. doi: 10.1111/cid.12994. Epub ahead of print. PMID: 33768695.

Articoli correlati

Per il prof. Matteo Chiapasco la formazione è alla base del successo. “Non basta sapere inserire l’impianto ma si deve conoscere il contesto anatomico e valutare quello clinico” 


Iandolo: “Strumentalizzazione dei canali TV nazionali, danno d’immagine per tutta la categoria degli odontoiatri”


Garantirsi una buona “web reputation” è uno degli aspetti che anche lo studio odontoiatrico dovrebbe considerare.Da tempo l’amico Davis Cussotto ne parla su Odontoiatria33 dando...

di Norberto Maccagno


Il prof. Gagliani si sofferma su di un lavoro che analizza un'overdenture mandibolare supportata da quattro impianti corti si è dimostrata una modalità di trattamento valida per mandibole atrofiche

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Venerdì 1 ottobre ad Asti al Dental Forum odontoiatri ed odontotecnici potranno esercitarsi con stanner e sotware giudati dagli esperti del team Grow Up


Sono stati gli agenti della polizia di Stato a denunciare un uomo di 53 anni per esercizio abusivo della professione medica. Secondo la stampa locale gli agenti del Commissariato di Secondigliano e...


Chi deve controllare, quali le sanzioni e come deve essere “gestito” il dipendente sprovvisto, ed i collaboratori non dipendenti?


In uno studio pubblicato su Lancet Infectious Diseases, i ricercatori della Yale School of Medicine hanno esaminato le infezioni da Covid-19 "breakthrough", ovvero che si verificano in persone...


L’obiettivo è sensibilizzare un numero sempre maggiore di donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori al seno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio