HOME - Agorà del Lunedì
 
 
17 Maggio 2021

La prima visita…digitale

I pazienti apprezzano le procedure odontoiatriche digitali, i dentisti sembrano più reticenti. Alcune considerazioni del prof. Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il patto terapeutico è uno dei fondamenti della nostra professione, qualunque esso sia. La prima visita è il passo essenziale nel quale si stabilisce un contatto empatico, si studiano psicologie, si interpretano i desideri del paziente.  

Tanto per essere chiaro, ho spesso considerato, sbagliando di grosso, le problematiche estetiche come un aspetto secondario della professione, volta soprattutto a ripristinare la sostanza dento-parodontale persa con qualsivoglia metodo.Concetti che sono invecchiati con me e che vanno ospitati in un differente paradigma di comportamento nel momento in cui si affronta il primo approccio con il paziente.
Su questo si potrebbero scrivere dei libri, altri più bravi di me hanno contribuito in modo sostanziale, ben di più di quanto questo editoriale possa fare. 

Una cosa però mi sta incuriosendo; la percezione del paziente di fronte alla tecnologia digitaleparticolarmente nel corso della prima visita.È evidentissimo che eseguire una procedura del genere, non solo, ma anche attraverso l’impiego di uno scanner intraorale, porti vantaggi evidenti anche ai meno attenti. Il solo stupore per la tecnologia è un elemento cardine; ma c’è di più. 

Un’ampia letteratura parla a favore del gradimento che i pazienti manifestano per le procedure di tipo digitale (in fondo) e non da oggi. Eppure su questo tema, che è solo legato a problematiche di tipo organizzativo (i costi si assorbono con l’organizzazione), la resistenza degli odontoiatri pare senza confini. Perché?  

Per chi volesse approfondire ecco due interessanti lavori:

Arnold Rosen “Leveraging Technology for Productivity and Best Outcomes” Dent Today.

Clinical efficiency and patient preference of digital and conventional workflow for single implant crowns using immediate and regular digital impression: A meta-analysis  Oral Implants Res. 2020 Aug;31(8):669-686.


Articoli correlati

La descrizione di un caso di una riabilitazione completa con un approccio completamente digitale diventa un ottimo spunto per ragionare ed approfondire. Guarda il video incontro


Per il prof. Gagliani si deve governare la possibilità l’algoritmo sceglierà la terapia odontoiatrica progettando nuovi paradigmi per la professione


Per il presidente della Digital Dental Academy la rivoluzione digitale in odontoiatria è oramai il passato. Ecco perché e come superare “la depressione professionale” di chi non lo accetta


I vantaggi, le criticità, i consigli e le considerazioni sul digitale nelle varie branche dell’odontoiatria. Costanza Micarelli intervista il prof. Massimo Gagliani

di Costanza Micarelli


Anche l’evoluzione dell’odontoiatria al digitale, come tutte le evoluzioni di una professione, si divide tra chi vede il cambiamento con euforia tecnologica e chi lo vede come...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Tra i temi in discussione la valutazione su una possibile revisione delle procedure anti Covid indicate per gli studi odontoiatrici


Anelli: i sanitari a rischio sono tutti, non si faccia il 'tu sì tu no. La terza dose va estesa a tutti perché «garantisce la riduzione del rischio e aiuta la categoria a continuare a lavorare in...


Giovedì 30 il termine ultimo per l’invio da parte di odontoiatri, igienisti dentali e strutture sanitarie dei dati delle fatture messe direttamente ai pazienti al Sistema Tessera Sanitaria


In occasione della quinta edizione del Dental Forum ad Asti, il 2 ottobre 2021, l’intervento “Il digitale e la nuova e-inclusion in odontoiatria” sarà focalizzato sui trend che stiamo...


Uno lavorava in un poliambulatorio medico, l’altro in un sottoscala, gli altri 2 arrotondavano facendo i buttafuori 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio