HOME - Agorà del Lunedì
 
 
28 Giugno 2021

I dati aiutano, più o meno dell’esperienza, a prevedere i fallimenti?

Il prof. Gagliani continua con le sue considerazioni su come l’intelligenza artificiale potrà aiutare il dentista nel suo lavoro

di Massimo Gagliani


Ritorno sul tema introdotto la scorsa settimana per delinearlo al meglio; intendiamoci, siamo agli embrioni. Tuttavia se mai si comincia mai si arriva.
L’Intelligenza Artificiale (AI, per dirla con l’acronimo anglosassone) dovrebbe essere il frutto delle intelligenze di molti uomini che, uniti negli intenti, riescono ad assommare un numero straordinario di informazioni che, algoritmi strutturati a dovere, dovrebbero ricondurre a soluzioni inappellabili. 

Una piccola strada verso l’infallibilità che sappiamo appartenere al Papa e a pochi altri che si credono tali. 

Una recente revisione sistematica, comprendente ben 19 articoli sull’argomento, precisa che: “l’interpretazione corretta dei dati è importante nella diagnosi dentale, la standardizzazione degli stessi potrebbe aumentare l'accuratezza dei modelli di intelligenza artificiale non solo nella diagnosi della carie dentale e della frattura verticale della radice ma anche nella previsione dei fallimenti dei restauri dentali.  
Pertanto, la disponibilità di volumi di dati consultabili da tutti faciliterà lo sviluppo dei modelli di intelligenza artificiale”. 

E ancora: “I criteri per definire la tipologia del materiale da restauro, per esempio, sono stati desunti da dati raccolti basati sull'esperienza di docenti di scuole di odontoiatria e di clinici con studio privato……”
Infine “Solo la disponibilità di dati aperti faciliterà lo sviluppo di modelli di intelligenza artificiale.” 

Gli orizzonti esplorati diventano sempre più ampi, si spazia dalla tipologia di preparazione dentale in rapporto al moncone dentale, alla scelta delle connessioni tra elementi in lavori protesici; un ambito spesso foriero di delusioni tra dentisti e odontotecnici. Visto con l’occhio disincantato del professionista con i capelli bianchi (i pochi rimasti) mi verrebbe da sorridere perché quella che si contrabbanderebbe come

AI viene comunemente definita come “esperienza” per i più forbiti, “marciapiede” per quelli di bosco e di riviera come il sottoscritto. 

Mi metto per contro nei panni dei giovani professionisti che, avendo ricevuto insegnamenti eterogenei, frammentati e spesso poco qualificati si trovino a dovere fronteggiare situazioni cliniche su cui fare esperienza, ovvero sbagliare sulla pelle dei pazienti.
Un percorso che abbiamo, in misura maggiore o minore, fatto tutti ma che non è detto si debba perpetuare nella vita futura.

Forse questo il vero orizzonte dell’AI, stante il fatto che l’esperienza sia debolmente trasmissibile

Articoli correlati

agora-del-lunedi     27 Settembre 2021

Ripariamo i denti rotti

Partendo da un interessante lavoro scientifico tutto italiano, il prof. Gagliani ragiona sull’importanza della restaurativa conservativa

di Massimo Gagliani


agora-del-lunedi     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


agora-del-lunedi     13 Settembre 2021

Impressioni di settembre

Qualche riflessione del prof. Gagliani all’indomani del ritorno di Expodental sul mondo dell’apprendimento, dell’aggiornamento e dell’interazione tra aziende e professionisti

di Massimo Gagliani


Uno studio italiano ha dimostrato la validità contro il Covid, il prof. Gagliani, che utilizza la sistematica, ha notato che funziona anche per le problematiche settiche in chirurgia orale

di Massimo Gagliani


agora-del-lunedi     26 Luglio 2021

L’anno che verrà

Riflessioni del prof. Gagliani sul periodo trascorso e quello che verrà dal punto di vista dell’aggiornamento culturale e della professione


Altri Articoli

Tra i temi in discussione la valutazione su una possibile revisione delle procedure anti Covid indicate per gli studi odontoiatrici


Anelli: i sanitari a rischio sono tutti, non si faccia il 'tu sì tu no. La terza dose va estesa a tutti perché «garantisce la riduzione del rischio e aiuta la categoria a continuare a lavorare in...


Giovedì 30 il termine ultimo per l’invio da parte di odontoiatri, igienisti dentali e strutture sanitarie dei dati delle fatture messe direttamente ai pazienti al Sistema Tessera Sanitaria


In occasione della quinta edizione del Dental Forum ad Asti, il 2 ottobre 2021, l’intervento “Il digitale e la nuova e-inclusion in odontoiatria” sarà focalizzato sui trend che stiamo...


Uno lavorava in un poliambulatorio medico, l’altro in un sottoscala, gli altri 2 arrotondavano facendo i buttafuori 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio