HOME - Approfondimenti
 
 
16 Dicembre 2015

730 precompilato. Ad uno studio servono circa 50 ore per inserire i dati delle fatture emesse o 2.500 euro se si delega il commercialista


"Il calcolo è presto fatto, avendo sotto mano le fatture emesse in un anno, diciamo 500, e considerando 6 minuti il tempo necessario per inserire tutti i dati richiesti per ogni singola fattura, alla fine per rispettare la norma che ci costringe a comunicare le spese sostenute dai nostri pazienti, ci servono almeno 50 ore. 7-8 giorni di lavoro considerando le pause necessarie e quelle obbligatorie".

A rilevarlo è Davis Cussotto (nella foto), odontoiatria libero professionista che su Odontoiatria33 scrive di nuove tecnologie ed organizzazione dello studio.

Il dott. Cussotto, ieri, dopo aver letto l'articolo pubblicato su Odontoaitria33 ha provato, cronometro alla mano, ad inserire i dati di una fattura. 5-6 minuti quelli necessari tra la compilazione, la verifica, l'invio e la riapertura della nuova pagina per inserire i dati di un'altra fattura.

"E non devo sbagliare nulla e ovviamente avere le fatture già organizzate sulla scrivania", dice Cussotto.

In totale, per uno studio che nel 2015 ha emesso 500 fatture serviranno almeno 50 ore, 7-8 giorni se si considerano le pause caffè, quelle fisiologiche e quelle obbligatorie per chi opera davanti al monitor del computer".

Il costo ipotizzato da Cussotto, se si decide di affidare il compito alla segretaria, se lo studio ne ha una, è di circa 18 euro all'ora.

"Se lo studio non ha la segretaria dovremo chiedere alla nostra assistente di aiutarci oppure farlo direttamente noi nei ritagli di tempo ed allora -ipotizza Cussotto- probabilmente il mese che ci separa dalla scadenza del 31 gennaio non sembra sufficiente salvo non volgiamo impegnare le vacanze di Natale per adempiere a questo obbligo".

Altra possibilità è quella di delegare il proprio commercialista all'inserimento. In questo caso il costo varia da professionista a professionista. Secondo quelli contattati da alcuni nostri lettori il costo per l'inserimento si aggirerebbe introno ai 5 euro per ogni fattura; nel caso di 500 fatture per rispettare la norma lo studio dovrebbe sborsare intorno ai 2.500 euro.

Sicuramente più agevolati gli studi che utilizzano un software gestionale, sempre che questo converta la fattura nel file con le specifiche indicate nella norma.

Alcune software house hanno attivato un servizio web dove il cliente può accedere, inserire i dati delle fatture, o importare quelli dall'anagrafica (i dati dello studio, richiesti invece ogni volta dal STS, in questo caso rimangono sempre in memoria a differenza di quanto avviene se si utilizza la piattaforma del STS) ed inviare, anche un tutte insieme, i dati al Sistema.

Servizio simile quello che ANDI metterà a disposizione, gratuitamente, per i propri soci da lunedì; stando a quanto ci ha spiegato il presidente Gianfranco Prada.

"I soci ANDI -spiega- potranno accedere al servizio direttamente dalla loro area riservata sul sito ANDI, inserire per ogni fattura solo codice fiscale, data ed importo ed inviare direttamente al STS i dati".

Norberto Maccagno


Articoli correlati

Mancano poco meno di due settimane alla scadenza del 31 gennaio 2018 entro la quale i dentisti devono trasmettere attraverso al Sistema Tessera Sanitaria la comunicazione con i dati delle fatture...


A 6 giorni dalla scadenza prevista (31 gennaio) per l'invio attraverso il Sistema Tessera Sanitaria dei dati delle fatture emesse o rimborsate per le prestazioni sanitarie incassate nel 2016 arriva...


La fine dell'anno è ancora lontana ma molti studi odontoiatrici e medici, per evitare di passare le notti davanti al computer come avvenuto lo scorso gennaio, per inserire i dati di tutte le...


Come è noto, è scaduto da pochi giorni il termine per l'invio delle spese sanitarie al Sistema TS da parte di tutti gli odontoiatri in base alla nuova normativa in vigore. Questo nuovo...


Scaduto il temine (ieri 9 febbraio) per l'invio dei dati delle spese sanitarie sostenute dai propri pazienti nel 2015 è già ora di pensare a quelle del 2016.I primi che devono...


Altri Articoli

Nessuna norma per l’odontoiatria ma vengono approvati due Ordini del Giorno, quello proposto dall’On. Nevi che impegna il Governo a prorogare la prima scadenza del DPCM sul profilo ASO e quello...


Importante celebrazione per ricordare da dove si era partiti, la strada fatta, i successi ottenuti, gli obiettivi futuri ed omaggiare il suo padre fondatore: Giulio Preti 


O33Cronaca     20 Febbraio 2020

Accordo tra Primo Group e CareDent

Nasce un Gruppo con 150 studi odontoaitrici. Accordo nato grazie alla sottoscrizione di Aksìa Group SGR, tramite il fondo Aksìa Capital V, del prestito obbligazionario convertibile emesso da...


Stretta sulle procedure per utilizzare in compensazione i crediti tributari. Ecco cosa prevede la norma e i consigli dei consulente fiscale AIO


Storica sentenza di un tribunale australiano nei confronti di un anonimo paziente che invitava a stare alla larga da uno studio dentistico. Google dovrà fornire le generalità


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni