HOME - Approfondimenti
 
 
01 Marzo 2016

151 esima edizione  del Midwinter Meeting di Chicago all'insegna del digitale e del Cad-Cam. In USA il flusso digitale in protesi è già una realtà


Il CAD / CAM e odontoiatria digitale sono stati i temi più trattati alla 151 esima edizione del Midwinter Meeting di Chicago.

Il digital workflow, il cosiddetto flusso digitale in protesi è nato prima nel laboratorio odontotecnico con gli scanner da modelli. La scansione intraorale oggi è matura ed affidabile, è da qui che deve partire il digital workflow, direttamente nella bocca del paziente.

A sostenerlo nella sua lectures è stato Jonathan Ferencz DDS, past President dell'American College of Prosthodontists.

La tecnica di scansione intraorale è facile da acquisire. Uno studio Accademico ha messo in evidenza che il tempo medio di apprendimento è sostanzialmente uguale tra uno studente in odontoiatria e un professionista maturo.

Un semplice file racchiude l'immagine tridimensionale della preparazione eseguita. Il margine, se le procedure sono rispettate, è più preciso di quello che l'odontotecnico legge su un modello di gesso e che farà da supporto alla cera per la modellazione.

In un comunicato stampa il più grande laboratorio odontotecnico USA, Glidewell Laboratories (conta 2900 dipendenti e serve 42.000 dentisti nel mondo) ha dichiarato che nel 2015 non sono più state eseguite fusioni a cera persa: tutta la produzione è nata da un software CAD/CAM. I manufatti prodotti da impronte intraorali sono stati il 32 % nello scorso anno e il trend di crescita è in rapida ascesa.

Ad oggi le applicazioni del digitale in odontoiatria sono 6:

1) La protesi fissa su denti naturali e impianti

2) La protesi rimovibile parziale e scheletrata. La totale nasce ancora da una impronta tradizionale con rilievo della centrica e dimensione verticale, ma eseguita la scansione dei modelli può essere disegnata al CAD e stampata con stampanti 3D.

3) La realizzazione di dime per la chirurgia guidata. Nascono interfacciando i dati della radiologia 3D con i modelli delle arcate dentarie.

4) La protesi maxillo faciale per il trattamento di fratture o di neoplasie.

5) La realizzazione di allineatori ortodontici, apparecchi funzionali e dispositivi intraorali per la terapia delle apnee notturne.

6) La chirurgia robotica guidata è una tecnologia molto utilizzata per la chirurgia prostatica e per l'isterectomia. Nata una decina di anni fa a Chicago (sistema chirurgico Da Vinci) sta trovando applicazioni in implantologia.

A cura di: Davi Cusotto, odontoiatria libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

I materiali al silicato tricalcico ad oggi in commercio sono svariati e vengono utilizzati per le procedure di riempimento del canale radicolare, per l’otturazione apicale,...

di Lara Figini


La chirurgia del terzo molare è la più comune procedura in chirurgia orale, e le sue più frequenti complicanze o disagi post-operatori sono il dolore, il gonfiore e il...

di Lara Figini


Semplicità è la parola chiave della nuova gamma di micromotori per implantologia e chirurgia orale sviluppata da Bien-Air Dental


I terzi molari, o denti del giudizio, normalmente erompono tra i 17 e i 26 anni e poiché sono gli ultimi denti a entrare in arcata in un’elevata percentuale di casi non trovano...

di Lara Figini


Le suture sono il dispositivo medico più utilizzato per la chiusura delle ferite.Analogamente ad altri materiali impiantati nel corpo umano, i materiali da sutura sono considerati...

di Giulia Palandrani


Altri Articoli

Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di Paesi europei per sensibilizzare e condividere le esperienze.


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni