HOME - Approfondimenti
 
 
13 Aprile 2016

Costo delle prestazioni, per i medici parlarne con i pazienti è un tabù


Parlare di soldi non è facile, ma la riluttanza del medico a parlare di costi sanitari può anche compromettere la salute del paziente. "Dobbiamo preparare gli operatori sanitari ad ascoltare di più i loro assistiti sugli argomenti che riguardano le spese per l'assistenza sanitaria" scrive su Health Affairs Peter Ubel della Duke University di Durham, North Carolina, coautore di uno studio in cui sono state analizzate le trascrizioni di quasi 2.000 conversazioni medico-paziente per quanto riguarda il cancro al seno, l'artrite reumatoide e il trattamento della depressione.

"Abbiamo identificato i casi in cui i pazienti hanno detto che avrebbero potuto permettersi con difficoltà i costi delle cure, valutando le risposte dei medici" scrivono i ricercatori, che nel complesso hanno notato due modi in cui i medici affrontano i guai finanziari dei loro pazienti: o li ignorano o li affrontano solo a metà.

"Per esempio, se un paziente sottolinea il costo elevato di un farmaco, il medico o tralascia ogni commento o suggerisce una soluzione temporanea come l'uso di un campione gratuito, senza esplorare le strategie a lungo termine per affrontare la questione" riprende l'autore. E senza un piano a lungo termine i pazienti possono interrompere l'assunzione del farmaco, o prenderlo in modo irregolare danneggiando in tal modo la loro salute fino al ricovero in ospedale. Dall'analisi delle conversazioni emerge che la maggior parte dei medici non parla di costi, e che quando se ne parla, non lo si fa in modo produttivo. Ma perché i medici esitano? Per prima cosa non sono abituati a discutere di soldi, e poi molti di essi pensano che parlare di denaro possa in qualche modo snaturare il rapporto medico-paziente. Infine, i medici non sono preparati ad ascoltare le preoccupazioni finanziarie dei loro assistiti.

"Detto questo, è difficile che la situazione finanziaria di un paziente in rapporto alle sue esigenze mediche possa essere affrontata e risolta nel corso di una visita di 15 minuti" riprende Ubel. E conclude: "L'idea che il medico consideri il paziente anche nella veste di consumatore condividendone le preoccupazioni per i costi e suggerendo, come per lo shopping, l'affare migliore in tema di assistenza sanitaria è ancora relativamente nuova".

Per approfondire: Health Aff (Millwood). 2016. doi: 10.1377/hlthaff.2015.1280

Articoli correlati

Tutto il mondo è paese potremmo dire dopo aver analizzato i dati divulgati dal National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) riferiti al 2015-2016 e diffusi in questi gironi....


È sempre difficile, nel corso nel primo incontro con un potenziale cliente, rispondere alla domanda: "Se pago un professionista esterno il 40% di quanto incasso per l'area ortodonzia (o per l'area...


La richiesta d'informazioni ricevuta da "Le Iene", in merito al mercato dell'amalgama, mi ha portato ad approfondire alcuni aspetti che normalmente tralasciamo, essendo questo comparto in pieno...


Introdotto con la precedente legge di stabilità, se verrà confermato il testo presentato dal Governo al Parlamento anche per il 2017 sarà possibile usufruire del maxi...


Dal punto di vista del rapporto costo-beneficio sono migliori gli impianti singoli o le protesi fisse? Charles J. Goodacre e W. Patrick Naylor della Loma Linda University, in California, hanno...


Altri Articoli

Basta seguire un telegiornale un talkshow o leggere le prime pagine di un qualsiasi quotidiano per avere la conferma di come l’elenco delle alternative ai divieti governativi,...

di Norberto Maccagno


Aziende     30 Ottobre 2020

Informati, ispirati ed educati

TePe Share è un progetto per accrescere ulteriormente la consapevolezza riguardo l’importanza di una buona igiene orale


Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per tre posti a tempo indeterminato. Le domande entro il 23 novembre 2020 


Molti i temi in agenda della neonata Commissione: dalla questione dell’abusivismo, alla sentenza del Consiglio di Stato, passando dall’organizzazione dei rapporti con le Commissioni territoriali...


Video incontro con Giacomo Derchi ed Enrico Manca con consigli, indicazioni e considerazioni su materiali e tecniche da utilizzare. Occasione anche per sfogliare insieme il loro libro edito da Edra


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo