HOME - Approfondimenti
 
 
27 Aprile 2016

In pensione prima ma con tagli. La soluzione potrebbe arrivare dai Fondi integrativi che però sembrano non attrarre medici e dentisti


L'ultima è la pensione anticipata dalle banche a chi va via in anticipo, esodati inclusi, per una somma che il pensionato restituirà con gli interessi una volta che a pagare l'assegno provvederà l'Inps, raggiunti i requisiti di legge.

Ma le proposte per dare flessibilità al mercato del lavoro in uscita in questi giorni sono varie.

E a ben riflettere appaiono complementari le ipotesi di anticipo della pensione del presidente Inps Tito Boeri di consentire la pensione a tutti a 63 anni con un 3% penalizzazione annuo (ma si permetterebbero a quanto pare anche soli 20 anni di anzianità) e quella dell'ex ministro del lavoro Cesare Damiano, che prevede la possibilità di uscire dal mondo del lavoro a 62 anni con anzianità 41 anni e senza penalizzazione.

Al di là degli ambiti descritti (prevalentemente Inps con pochi medici e dentisti interessati in quanto iscritti ad ENPAM), le ipotesi prevalenti di anticipo della pensione, che interessano tutti i contribuenti, contemplano la possibilità di una penalizzazione del 2-3% annuo sull'assegno.

Per rimpiazzare quote di reddito del 7-10% diventa importante scommettere sulla previdenza complementare.

E qui vengono le dolenti note: secondo Covip, l'ente di vigilanza sui Fondi integrativi, gli iscritti a forme di previdenza complementare sono poco più di 7 milioni, ma almeno 1,6 avrebbero interrotto la contribuzione: o hanno perso il lavoro o la crisi ha drasticamente diminuito il loro reddito. Per rilanciare il "secondo pilastro" si ipotizza di abbassare dal 20 al 16% l'aliquota sui rendimenti, che fino a due anni fa era dell'11% e quindi godeva di un trattamento agevolato. "In questi anni, in generale, più che un abbandono dei fondi pensione rileviamo una preoccupante non-scommessa su questa opportunità", riflette su Doctor33 Luigi Daleffe (nella foto) dentista, past president ANDI responsabile di Fondosanità (di cui è stato anche presidente), il fondo integrativo per medici e dentisti nato da Fondodentisti.

"La legge di stabilità 2015 che ha portato dall'11 al 20% la tassazione dei rendimenti ha influito psicologicamente su tutti i lavoratori e in particolare su chi si è sempre tenuto lontano dai fondi. La loro riflessione è stata che il governo in qualsiasi momento può rendere poco conveniente la scommessa. Invece occorrerebbe rilanciarla".

"Alla crisi dei fondi in ambito medico - dice Daleffe - credo abbiano influito poco anche dal punto di vista psicologico i pochi casi di perdita reddituale. Anzi, negli ultimi anni abbiamo riscontrato una lievissima crescita degli iscritti a Fondosanità (medici, odontoiatri, farmacisti, veterinari, infermieri iscritti Enpapi). Si è verificata tra i liberi professionisti soprattutto, e si deve al fatto che in tempi di crisi chi ha la possibilità tende a mettere via qualcosa. Ma si deve anche a un secondo fattore: all'indomani della riforma del regolamento ENPAM siamo andati in giro per tutti i capoluoghi a illustrarla, e io stesso ho illustrato ai giovani le opportunità consentite da un secondo pilastro, e in effetti dei nuovi iscritti molti sono giovani".

Articoli correlati

Niente panico! È vero, ci troviamo nel bel mezzo di una crisi finanziaria di cui sembra difficile tracciare i confini, su cui ben pochi si azzardano ormai a fare previsioni, salvo l’inevitabile...


Gli esperti consigliano di cominciare fin da giovani a pensare al proprio futuro pensionistico, meglio ancora se da studenti. Ed anche per agevolare questo, da qualche anno ENPAM consente ai futuri...


Il dottor Carlo Maria Teruzzi è il nuovo presidente di FondoSanità, il fondo di previdenza complementare rivolto a medici, odontoiatri, infermieri, farmacisti e veterinari. Teruzzi, che...


cronaca     19 Febbraio 2013

FondoSanità, bilancio positivo

Tempo di bilanci per il FondoSanità. Il 2012 è stato positivo per il prodotto previdenziale che ha il compito di costruire una pensione di scorta per migliaia di odontoiatri, medici,...


Altri Articoli

Tassi più bassi rispetto agli anni passati. Potranno essere chiesti dagli odontoiatri under 35 per l'acquisto prima casa o studio professionale


Si è spento nella giornata di ieri, primo luglio, il cordoglio del presidente CAO: ''Piangiamo un professionista esemplare''


Uno studio dell'Università di Padova ha valutato la conoscenza del COVID-19, la percezione del rischio e l’attitudine al trattamento odontoiatrico nella popolazione dei dentisti italiani


ANSOC al Ministro Speranza: serve una revisione tariffaria, troppa incongruenza tra il costo di produzione delle prestazioni odontoiatriche e le rispettive tariffe corrisposte


L’obiettivo dichiarato è riaprire in sicurezza al più presto per prestare le cure necessarie ai pazienti, ristrutturare il debito finanziario, tutelare i creditori, i dipendenti e collaboratori....


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION