HOME - Approfondimenti
 
 
27 Aprile 2016

In pensione prima ma con tagli. La soluzione potrebbe arrivare dai Fondi integrativi che però sembrano non attrarre medici e dentisti


L'ultima è la pensione anticipata dalle banche a chi va via in anticipo, esodati inclusi, per una somma che il pensionato restituirà con gli interessi una volta che a pagare l'assegno provvederà l'Inps, raggiunti i requisiti di legge.

Ma le proposte per dare flessibilità al mercato del lavoro in uscita in questi giorni sono varie.

E a ben riflettere appaiono complementari le ipotesi di anticipo della pensione del presidente Inps Tito Boeri di consentire la pensione a tutti a 63 anni con un 3% penalizzazione annuo (ma si permetterebbero a quanto pare anche soli 20 anni di anzianità) e quella dell'ex ministro del lavoro Cesare Damiano, che prevede la possibilità di uscire dal mondo del lavoro a 62 anni con anzianità 41 anni e senza penalizzazione.

Al di là degli ambiti descritti (prevalentemente Inps con pochi medici e dentisti interessati in quanto iscritti ad ENPAM), le ipotesi prevalenti di anticipo della pensione, che interessano tutti i contribuenti, contemplano la possibilità di una penalizzazione del 2-3% annuo sull'assegno.

Per rimpiazzare quote di reddito del 7-10% diventa importante scommettere sulla previdenza complementare.

E qui vengono le dolenti note: secondo Covip, l'ente di vigilanza sui Fondi integrativi, gli iscritti a forme di previdenza complementare sono poco più di 7 milioni, ma almeno 1,6 avrebbero interrotto la contribuzione: o hanno perso il lavoro o la crisi ha drasticamente diminuito il loro reddito. Per rilanciare il "secondo pilastro" si ipotizza di abbassare dal 20 al 16% l'aliquota sui rendimenti, che fino a due anni fa era dell'11% e quindi godeva di un trattamento agevolato. "In questi anni, in generale, più che un abbandono dei fondi pensione rileviamo una preoccupante non-scommessa su questa opportunità", riflette su Doctor33 Luigi Daleffe (nella foto) dentista, past president ANDI responsabile di Fondosanità (di cui è stato anche presidente), il fondo integrativo per medici e dentisti nato da Fondodentisti.

"La legge di stabilità 2015 che ha portato dall'11 al 20% la tassazione dei rendimenti ha influito psicologicamente su tutti i lavoratori e in particolare su chi si è sempre tenuto lontano dai fondi. La loro riflessione è stata che il governo in qualsiasi momento può rendere poco conveniente la scommessa. Invece occorrerebbe rilanciarla".

"Alla crisi dei fondi in ambito medico - dice Daleffe - credo abbiano influito poco anche dal punto di vista psicologico i pochi casi di perdita reddituale. Anzi, negli ultimi anni abbiamo riscontrato una lievissima crescita degli iscritti a Fondosanità (medici, odontoiatri, farmacisti, veterinari, infermieri iscritti Enpapi). Si è verificata tra i liberi professionisti soprattutto, e si deve al fatto che in tempi di crisi chi ha la possibilità tende a mettere via qualcosa. Ma si deve anche a un secondo fattore: all'indomani della riforma del regolamento ENPAM siamo andati in giro per tutti i capoluoghi a illustrarla, e io stesso ho illustrato ai giovani le opportunità consentite da un secondo pilastro, e in effetti dei nuovi iscritti molti sono giovani".

Articoli correlati

Niente panico! È vero, ci troviamo nel bel mezzo di una crisi finanziaria di cui sembra difficile tracciare i confini, su cui ben pochi si azzardano ormai a fare previsioni, salvo l’inevitabile...


Gli esperti consigliano di cominciare fin da giovani a pensare al proprio futuro pensionistico, meglio ancora se da studenti. Ed anche per agevolare questo, da qualche anno ENPAM consente ai futuri...


Il dottor Carlo Maria Teruzzi è il nuovo presidente di FondoSanità, il fondo di previdenza complementare rivolto a medici, odontoiatri, infermieri, farmacisti e veterinari. Teruzzi, che...


cronaca     19 Febbraio 2013

FondoSanità, bilancio positivo

Tempo di bilanci per il FondoSanità. Il 2012 è stato positivo per il prodotto previdenziale che ha il compito di costruire una pensione di scorta per migliaia di odontoiatri, medici,...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi