HOME - Approfondimenti
 
 
20 Giugno 2016

Precaria salute orale degli americani secondo un report dell'Ada: determinanti le disparità economiche


La salute orale ha un impatto rilevanti sul benessere complessivo delle persone: se c'era bisogno di conferme, la più recente arriva dagli Usa, dove la American dental association (Ada) ha diffuso un report sul tema, differenziando i dati per ciascuno degli States. A livello nazionale, il 29% degli adulti a basso reddito riferisce condizioni del cavo orale talmente cattive da influenzare negativamente i colloqui di lavoro; uno su quattro riporta di aver ridotto per questa ragione la partecipazione ad attività sociali; due su cinque lamentano difficoltà a masticare. Le maggiori preoccupazioni evidenziate dal documento sono proprio le profonde disparità determinate nei cittadini statunitensi dalle condizioni economiche, riguardo a tutti gli aspetti della salute orale così come al benessere generale.

Anche le aspettative differiscono molto in funzione del reddito e se circa la metà della popolazione benestante ritiene probabile la perdita dei propri denti naturali con il passare degli anni, questi timori si manifestano in tre su quattro delle persone povere.

E, in effetti, è il costo a rappresentare l'ostacolo principale per gli americani ad andare regolarmente dal dentista, a tutte le età e in qualunque fascia di reddito.

Rispetto al 2000, l'unico miglioramento riguarda i bambini, tra i quali la percentuale di carie non trattate è in costante declino e le visite odontoiatriche sono sempre più frequenti: restano anche in questo caso differenze a seconda delle condizioni economiche e alle etnie, ma in generale le tendenze relativamente alla popolazione pediatrica vanno nella direzione auspicata.

Per gli adulti, come si diceva, la situazione non è altrettanto positiva e l'Ada suggerisce di rivedere la separazione tra bocca e resto del corpo tuttora esistente nelle politiche sanitarie: all'interno di Medicaid (il programma sanitario federale degli Usa) i benefici riconosciuti per le procedure odontoiatriche sostenute dagli adulti sono opzionali e la maggior parte degli Stati prevede soltanto una copertura di base. Correggere questo inconveniente avrebbe però un costo non indifferente e stimato intorno a un miliardo e mezzo di dollari.

Inoltre i dentisti americani ritengono che i bisogni orali dovrebbero essere definiti e misurati diversamente da come avviene oggi: l'attenzione di molte agenzie governative è attualmente rivolta alla presenza e gravità delle malattie dei denti, spesso limitate a carie e parodontite, mentre c'è pochissima enfasi sulla valutazione dei contributi che una buona salute orale offre al benessere fisico, sociale ed emotivo.

Adelmo Calatroni

Articoli correlati

Fra le principali richieste dell'Associazione: protezione legale e miglioramento al programma di protezione dei compensi


Intanto il National Academies of Science, Engineering and Medicine indica i dentisti tra le categorie da vaccinare come prioritarie


L’American Dentist Association ha chiesto al Center for Disease Control and Prevention di includere gli odontoiatri fra i professionisti della salute a cui verrà somministrato il vaccino contro...


O33endodonzia     25 Novembre 2020

Endodonzia minimamente invasiva

Uno studio pubblicato sul Journal of Endodontics ha valutato l'effetto di cavità d’accesso conservative e di tronco-conicità canalari ridotte sulle proprietà biomeccaniche dei denti trattati...

di Lara Figini


L’American Dental Association scende in campo sostenendo la competenza degli odontoiatri statunitensi che si sono offerti di somministrare i vaccini


Altri Articoli

In questo Agorà del Lunedì, seconda parte, il prof. Gagliani suggerisce un semplice e banale stratagemma che rende migliore la visuale dell’endodonto facilitando il trattamento...

di Massimo Gagliani


Il presidente FNOMCeO al Ministro Speranza. Gli oltre 63mila dentisti possono mettere da subito a disposizione le migliori competenze e strutture adeguate


Nuova circolare del Ministero della Salute che alza nuovamente il limite di età per la somministrazione 


La medicina è donna, l’odontoiatria ci sta arrivando ma la politica della professione è ancora in mano solo agli uomini con il rischio che le scelte che saranno fatte,...

di Norberto Maccagno


Il rapporto WHO che riconosce la salute orale come "parte integrante del benessere generale della persona"


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP