HOME - Approfondimenti
 
 
07 Luglio 2016

La fidelizzazione del paziente passa anche da una "coerenza di stile" nelle comunicazioni. Ecco le tre cose da fare


La targa dello studio, il biglietto da visita la stampa del preventivo così come il sito web sono strumenti di comunicazione, parti di una stessa "famiglia" che identifica il brand del dentista.

La coerenza di stile, contenuti e font rassicurano il paziente che per la prima volta si approccia allo studio e aiutano a fidelizzarlo.
Lo stile grafico deve essere univoco e coerente. Documenti buttati li a caso perchè progettati in epoche diverse da persone diverse comunicano confusione e disorganizzazione e non giovano al successo dello studio.
La coerenza comunicativa, illustrata da Cristina Mariani nel saggio "Il preventivo nello studio dentistico", assume un valore maggiore quando ci troviamo sul web.

Raggiungere un buon posizionamento (ranking) locale sul web significa migliorare la propria visibilità e farsi conoscere da potenziali pazienti.

Ci sono molti modi per farlo. La coerenza si realizza con contenuti curati e aggiornati, da pubblicare sul sito web, vero fulcro della comunicazione e su un corollario di social media. Questo migliora il ranking organico (non a pagamento) sui motori di ricerca. Il potenziale paziente noterà più facilmente il professionista tra i dentisti della zona quando eseguirà la ricerca on line.

Megan McGuire esperta di comunicazione sul web, spiega nel suo blog, le 3 cose da fare per migliorare la coerenza comunicativa sul web:

1) Ogni pagina che pubblichi sul web deve recare bene in evidenza il NAP (nome,indirizzo e telefono) questo è l' elemento più importante per essere facilmente individuato dal paziente.

2) Se possiedi un logo o uno slogan, assicurati che compaia accanto al NAP.

3) Quando ti iscrivi a un portale o a un social media compila accuratamente tutte le informazioni necessarie ad identificare la tua attività utilizzando gli stessi testi descrittivi e le stesse immagini, ovviamente molto curate.

I motori di ricerca possono interpretare citazioni diverse e incoerenti come appartenenti a studi dentistici diversi, non dando quindi il giusto risalto al posizionamento organico.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DavisCussotto

 

Articoli correlati

Ovvero, far vivere ai clienti un’esperienza gratificante, innovativa, coinvolgente


Storica sentenza di un tribunale australiano nei confronti di un anonimo paziente che invitava a stare alla larga da uno studio dentistico. Google dovrà fornire le generalità


La realizzazione di un sito web per lo studio dentistico deve nascere da una fase progettuale che vede la collaborazione del dentista con la web agency incaricata al fine di ottenere un risultato...


Altri Articoli

La lettura, ironica, data da alcuni lettori su Facebook della sentenza del Tar Lombardia che ha accolto il ricorso di un dentista sospeso dall’ATS perché non vaccinato, consentendo di...

di Norberto Maccagno


Non cambia la sede, sempre Bologna, le iscrizioni (gratuite) entro il 25 marzo. Queste le nuove scadenze per invio abstract e poster


Firmato il DPCM sulle attività essenziali, non servirà il Green pass per accedere a cure e visite neppure per gli accompagnatori, fermo restando il rispetto delle regole sul triage


Il 7,2% di medici ed odontoiatri che, sulla piattaforma del Green pass, risultano ‘inadempienti’ e da verificare. Anelli: “si tratta di un dato grezzo che non fotografa la situazione reale”


ANSOC scrive al Ministero chiedendo un incontro insieme alle altre Associazioni di riferimento. Di Fulvio: “Inspiegabile ed assurda la riduzione di rimborso da somme già insufficienti a coprire i...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi