HOME - Approfondimenti
 
 
29 Settembre 2016

Odontoiatria dello sport, opportunità per atleti e professionisti. Le raccomandazioni e proposte FDI per un'attività fisica più sicura


È con una nutrita serie di raccomandazioni che la Federazione mondiale dei dentisti (Fdi) interviene in tema di odontoiatria e sport. Tra le misure proposte, gli spunti in termini formativi e gli argomenti da porre sia all'attenzione dei cittadini che a quella degli addetti ai lavori, figurano: rafforzare l'importanza dell'utilizzo di paradenti su misura e di materiali capaci di ammortizzare gli urti; promuovere azioni preventive per il mantenimento dei tessuti orali in buona salute; introdurre l'indicazione per maschere personalizzate e scudi per proteggere il volto, da realizzare sotto la supervisione di dentisti o comunque di operatori esperti; formare i team odontoiatrici riguardo al metabolismo delle sostanze in potenziale conflitto con le norme Wada (l'Agenzia mondiale anti-doping); affermare l'importanza della salute orale degli atleti, anche per ottenere buone prestazioni; rafforzare la consapevolezza dell'importanza della relazione tra la salute orale degli atleti e la loro salute generale; promuovere i benefici, anche in termini di salute orale che possono essere prodotti da una dieta bilanciata e corretta.

Anche se poco nota, l'odontoiatria dello sport (in quanto branca della medicina dello sport) si occupa di prevenzione e di trattamento delle lesioni orali associati alla sempre più diffusa, anche a livello amatoriale, pratica sportiva.

Nella carenza generale di una formazione in proposito, i giovani atleti e gli sportivi della domenica sono esposti a una grande varietà di lesioni orali. Anche se l'indicazione all'utilizzo di apparecchi protettivi personalizzati per la bocca si sta diffondendo, e nonostante la loro efficacia sia ampiamente dimostrata, la Federazione rileva la necessità di approfondimenti in base alle caratteristiche di ogni specifica attività sportiva, all'età dei praticanti, ai materiali che vengono impiegati, alle modalità e ai tempi di utilizzo (le evidenze più recenti indicano che i paradenti possono perdere la loro efficacia col passare del tempo, a causa dell'utilizzo e della manutenzione).

Lesioni, fratture delle ossa facciali e concussioni cerebrali dovrebbero ricevere maggiori attenzioni, in quanto la pratica di molti sport può comportare urti ad elevata energia.

È poi di grande attualità il potenziale effetto indiretto in termini di doping di alcune prescrizioni effettuate in ambito odontoiatrico. È il caso di alcuni farmaci oppioidi: ad esempio, i farmaci contenenti codeina non sono proibiti dalla Wada, ma nell'organismo si trasformano in morfina, che invece è una sostanza vietata. Infine si ricorda che alcuni problemi dentali, come la carie o le lesioni cervicali non cariose, possono derivare da un allenamento eccessivo, da una dieta scorretta, da carichi generati da atti parafunzionali oltre che da una mancanza di educazione degli sportivi in merito alla salute orale.

Adelmo Calatroni

Articoli correlati

Dopo la determinazione 241/2017 dell'AIFA del 16 febbraio scorso, che aveva autorizzato l'utilizzo dei medicinali Botox e Dysport secondo determinate specifiche, anche ai laureati in odontoiatria,...


Nonostante la sconfitta patita ieri con il Montenegro, le Azzurre della Nazionale Femminile di Basket chiudono ugualmente al primo posto del Gruppo C del campionato di qualificazione a Euro Basket...


Sono note le problematiche per la salute orale date dagli Energy drink, le bevande utilizzate dagli portivi per reintegrare i Sali minerali persi durante l'attività fisica. Altro problema,...


Per scarsa igiene nel suo studio in pieno centro a Vigevano è stato denunciato penalmente un dentista (vero) di 65 anni residente nel Milanese. Secondo la stampa locale a scoprire le mancanze...


Altri Articoli

1.200 cliniche dentali presenti su tutto il territorio spagnolo apriranno le loro porte alle future mamme. Questi gli aspetti chiave da seguire suggeriti alle donne in gravidanza


Collaboratori, titolari di studio e team odontoiatrico, visti dal consulente di gestione. Le criticità, i consigli e le “soluzioni”


FESPA denuncia la mancanza di dotazione minima strutturale degli ambulatori Odontoiatrici del Verbano Cusio Ossola che ora rischiano la chiusura


A rischio 17 mila posti di lavoro, emendamento che impedirebbe ad una fascia considerevole di popolazione di accedere a cure odontoiatriche di qualità e a costi accessibili


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi