HOME - Approfondimenti
 
 
11 Ottobre 2016

La Corte Costituzionale cancella la CCEPS. Cosa cambia in tema di ricorso alle sanzioni ordinistiche?


La composizione della Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie (CCEPS), l'organo che decide sulle impugnazioni proposte dagli iscritti agli Albi dei medici e degli odontoiatri avverso le decisioni assunte in primo grado dagli organi professionali è stata giudicata illegittima dalla Corte Costituzionale.

Con la sentenza del 7 ottobre scorsa, la Consulta ha giudicato incostituzionale l'articolo del Dlgs.cps del 1946 che prevede la nomina di due componenti designati dal ministero della Salute che sceglie i "giudici" tra i suoi funzionari. A rivolgersi alla Consulta era stato un dentista straniero che si era visto rifiutare dall'OMCeO di Milano l'iscrizione all'Albo degli odontoiatri.

Secondo quanto pubblicato, la Consulta ha giudicato incostituzionale l'articolo 17 decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233 (Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse) che prevede la "nomina di due componenti di derivazione ministeriale della Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie". Per i Giudici tale nomina potrebbe minare "l'indipendenza e imparzialità" che "devono colorare l'azione giurisdizionale" in quanto il Ministero della salute è anche parte del procedimento.

In sostanza il Ministero è, contemporaneamente, giudice e parte.

Il pronunciamento della Consulta era attesa da tempo e questo aveva impedito al Ministero della Salute di rinominare i componenti della CCEPS, oramai scaduta, paralizzando di fatto l'azione giudiziaria disciplinare come avevano recentemente denunciato il presidente FNOMCeO Roberta Chersevani ed il presidente CAO Giuseppe Renzo lanciando un allarme sul rischio di impunità.

"Dopo la sentenza della Corte Costituzionale si crea sicuramente un vuoto legislativo", ci spiega l'avvocato Silvia Stefanelli (nella foto), esperto di diritto sanitario in Bologna.

"Ora il Ministro Lorenzin dovrà ragionare su un nuovo provvedimento legislativo che individui la composizione della CCEPS secondo quanto indicato dalla Consulta. Sempre che sia intenzione del Ministero riproporre la CCEPS e non optare per la creazione di on organismo terzo come adottato da altri ordini professionali, seguendo la riforma Balduzzi".

Ma nel concreto la sentenza che implicazioni avrà sugli iscritti?

"Le conseguenze sono ancora tutte da valutare", continua l'avvocato Stefanelli. "Personalmente reputo che la sentenza possa influenzare le posizioni processuali ancora aperte mentre non potrà inficiare le decisioni della CCEPS già passate in giudicato (cioè non impugnate in Cassazione). Ritengo che vi sia la possibilità per i sanitari sanzionati che hanno presentato ricorsi in Cassazione di sollevare la questione davanti alla Cassazione stessa - che peraltro aveva bloccato tutte le fissazioni di udienza in attesa della decisione della Consulta.

In sostanza si potrà chiedere che la decisione già assunta da una CCEPS non correttamente costituita possa essere cassata e rinviata per una nuova decisone avanti ad una Commissione correttamente costituita.

Poi si apre il tema, molto delicato, della posizione di tutti i sanitari che stanno scontando una sanzione (es una sospensione) in forza di una decisione assunta da un organo la cui costituzione p stata considerata oggi illegittima".

Nor.Mac.

Articoli correlati

Da oggi 15 febbraio entrano in vigore le nuove pene per il reato di esercizio abusivo di una professione con le aggravanti per quelle sanitarie previsto dalla Legge Lorenzin.In sintesi, per il finto...


Attese da "secoli", approvando il Ddl Lorenzin il Parlamento, prima di chiudere la legislatura, ha regalato al settore odontoiatrico le tanto invocate sanzioni più severe per abusivi e...


L'approvazione della Legge "Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento" potrebbe aprire un fronte anche per gli odontoiatri in tema di obbligo di consenso...


La sentenza del Tar Liguria con la quale viene confermata la decisione del Comune di Sarzana di sospendere l'autorizzazione sanitaria di uno studio DentalPro per irregolarità sulla normativa...


Altri Articoli

“Ci tassano anche l’aria”. Novembre è da sempre il mese più adatto per questo detto, soprattutto per gli autonomi alle prese con le rate dei pagamenti delle tasse e tra qualche giorno con...

di Norberto Maccagno


Directa, azienda produttrice di materiali odontoiatrici con sede in Svezia, ha annunciato l’acquisizione della linea di strumenti di estrazione Physics Forceps® dal produttore...


Ampio e articolato il giudizio del prof. Giampietro Farronato, titolare della Cattedra di Ortognatodonzia all’Università di Milano, sull’andamento dell’incontro.  Partendo dal...


Dopo aver deplorato la persistente circolazione in ambito delle cd. catene di numerose e radicate “fake news” Michel Cohen, Amministratore Delegato di DentalPro, “catena” di...


Secondo la Presidente COI AIOG, Maria Grazia Cannarozzo dall’incontro uscirebbe  un quadro preciso della professione, seppur attraversato da varie visioni. Anche se obiettivi in sé, i...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi