HOME - Approfondimenti
 
 
21 Ottobre 2016

Passaparola 2.0. Lo studio odontoiatrico e i nuovi mezzi di comunicazione


Che la modalità e le tecniche di comunicazione siano profondamente mutate in questo ultimo decennio è cosa nota.

Il mondo del web, in particolare, ha stravolto letteralmente i tempi e l'ampiezza della comunicazione. Con un ritmo sempre più vertiginoso ne sono cambiate le caratteristiche: l'immagine, la viralità e la velocità sono divenuti valori fondamentali.

Uno scenario sempre più digitale, e una comunicazione sempre più semplice, istantanea e senza frontiere.

Ma su internet si può trovare tutto e il contrario di tutto e allora, quali possono essere gli strumenti che un odontoiatra, come ogni altro libero professionista della salute, può mettere in campo per far emergere ancora di più, ad una platea potenzialmente infinitamente grande, il valore della sua attività?

Oggi il mondo dei social aiuta decisamente in questa operazione.

Se si pensa che 1,65 miliardi sono gli utenti che accedono a questo social una volta al mese (dato aggiornato al 2016) e che 28 milioni è il numero di utenti italiani che utilizza FB*, riteniamo sia importante considerare questo tipo di comunicazione come efficiente, immediata, poco costosa, in poche parole praticabile.

Ma come si può utilizzare il mezzo social nel rispetto del valore della propria professione e delle norme che la definiscono? E quali sono le regole che guidano questo strumento?

Dalle risposte a queste domande, può nascere una pagina FB professionale corretta e accattivante, fresca e ricca di informazioni volte a comunicare la propria professionalità e i propri contenuti di valore affinché l'utente possa conoscere, identificarsi e condividere.

La pagina è una vera e propria carta di identità dello studio che ha l'obiettivo di stimolare gli utenti, suscitando emozioni positive e fornendo loro informazioni utili e corrette.

Ma non solo, questo mezzo, se utilizzato nel modo giusto, permette di raccontare la propria storia in modo personalizzato, creando un proprio "stile" comunicativo.

È possibile infatti differenziarsi, comunicare i valori e punti di forza del proprio studio in modo unico, originale e riconoscibile.

 

A cura di: Maria Cristina Bellardinelli, Martina Leonardi Amaya Rodrigo


Nota
:

Per chi vuole approfondire le autrici saranno relatrici di un corso, nato dalla collaborazione fra Beta Eventi e Lampone Media, che si svolgerà ad Ancona il 19 novembre 2016 edha proprio l'intento di far conoscere il principale strumento social Facebook e il suo utilizzo concreto a fini professionali. Si mostrerà la differenza fra un profilo privato ed uno professionale, verranno forniti strumenti reali e tecniche di utilizzo sia del sistema sia dei contenuti possibili, parleremo di Privacy, di notifiche e di condivisioni, di pubblicazione di immagini e di come e sempre in ogni "uscita verso il mondo" sia importante che dietro a ciò che si fa vi sia un "pensiero", una programmazione, un piccolo ma efficace calendario editoriale.

Per informazioni a questo link

Articoli correlati

Il 2 e 3 dicembre presso l'Auditorium Antonianum - Viale Manzoni, 1 in Roma si svolgerà il convegno "La riabilitazione del mascellare superiore atrofico" promosso da SIRIO ARCOI con il dott....


Prima riunione dei componenti della Commissione Albo Odontoiatri di Ancona eletti per il prossimo triennio che hanno confermato alla presidenza il dott. Federico Fabbri (nella foto).Oltre al...


Cinquantasette condanne comprese fra due mesi e un anno e mezzo di reclusione sono state disposte dal tribunale di Bari nel primo processo che riguarda i presunti test d'ingresso truccati nel 2007...


Il sito web dello studio dentistico, affinchè diventi uno strumento di comunicazione efficace che attragga potenziali pazienti, occorre nutrirlo con contenuti nuovi e originali (blog) che...


Il web brulica di persone alla ricerca di informazioni sanitarie per risolvere un problema personale o di un loro congiunto. Per il dentista, oggi, è indispensabile essere presente là...


Altri Articoli

La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


Il Governo al lavoro per sitarlo e garantire la somministrazione al maggior numero di persone in tempi rapidi. Anelli (FNOMCeO) pensa di coinvolgere anche i dentisti


Il dott. Azzalin di Varese ci racconta la sua esperienza, diretta, di una visita nei NAS per verifiche igienico sanitarie ed amministrative


Richiesto al Ministero della Salute un report con tutti i procedimenti attivati dai vari ordini delle professioni sanitarie, odontoiatri inclusi, per violazione dell’art. 525 della 145/18


Il presidente dell’Ente di previdenza di medici e dentisti interviene durante la presentazione del 2° Rapporto Censis - Tendercapital sui buoni investimenti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina