HOME - Approfondimenti
 
 
29 Novembre 2016

Possiamo guadagnare di più e meglio? I consigli dell'esperto all'imprenditore odontotecnico


Nel settore dentale stanno avvenendo grandi cambiamenti che coinvolgono tutti gli operatori del comparto. La congiuntura economica degli ultimi anni riducendo i margini di guadagno, sta facendo emergere le criticità presenti da tempo all'interno del settore dentale.

La tendenza generale del settore è quella di procedere per istinto e/o per tentativi. Per chi come me, pratica professionalmente l'ottimizzazione dei processi produttivi all'interno di aziende che operano in vari settori, questo appare certamente una limitazione a che le aziende crescano e possano prosperare.

Presupposto per avere un'azienda florida e sana è la conoscenza intima ad esempio, dei propri costi di produzione, attraverso un'analisi numerica precisa ed approfondita. Ciascun imprenditore dovrebbe conoscere a fondo questi dati ed evitare di prendere decisioni sulla base di spinte emozionali e/o commerciali.

Una pianificazione aziendale motivata da dati numerici certi consente di elaborare con "consapevolezza" strategie di sviluppo e di crescita.  Tutti noi invece, conosciamo per certo, sia odontoiatri che odontotecnici i quali a volte hanno investito ingenti capitali in macchinari e/o tecnologie senza effettuare a monte questa attenta analisi economica.

Il risultato pratico di queste operazioni è quello di avere macchinari acquistati per produrre chairside fermi in studio in un angolo, o odontotecnici che hanno acquistato tecnologie progettate per produzione numeriche esuberanti che faticosamente forniranno loro un guadagno.

Esempio principe, per restare al settore odontotecnico, è l'erronea prassi con cui viene preparato il listino prezzi. Spesso, questa delicata operazione viene effettuata sulla base del listino del diretto concorrente.

"Equilibrio e Competizione" significa trovare il giusto bilanciamento tra costi, tempi e qualità, significa fare un'analisi dei costi aziendali e più specificatamente dei costi di produzione, significa intercettare e risolvere "veramente" i bisogni e le aspettative del cliente per guadagnare di più e meglio insieme, poiché il paziente, è bene ricordarlo, è il comune datore di lavoro dell'odontoiatra e dell'odontotecnico.

A cura di: ALESSANDRA UGOLI dottore commercialista alessandra.ugoli@yahoo.it

La dott.ssa Ugoli terrà una relazione in cui approfondirà i temi trattati durante il Congresso dal titolo "Professione e professionalità odontotecnica" organizzato da CNA/SNO sabato 3 dicembre a Roma

Articoli correlati

Dal presidente ANTLO Mauro Marin le previsioni per il futuro della professione che è a rischio sopravvivenza a seconda delle scelte che verranno o non verranno prese


Sabato 9 novembre a Vicenza al congresso ANTLO, tavola rotonda sul futuro della professione odontotecnica al digitale


Cardamone: odontotecnico, figura tecnica estremamente importante ma non può e non deve essere inserito tra le professioni sanitarie


Nel 2007 erano 15.165, dieci anni dopo i laboratori censiti dallo studio di settore (anno 2017 dichiarazione 2018) sono 11.933, dati dell’Agenzia delle Entrate che confermano le difficoltà...


Nell’ambito delle attività sindacali che fanno parte del progetto di Federodontotecnica, è stato definito l’accordo che regolamenta il rapporto di lavoro tra le Imprese odontotecniche ed il...


Altri Articoli

Ancora troppo poche le certezze per indicare strumenti e procedure scientificamente validate che possano garantire la sicurezza degli operatori 


Servirà un nuovo adempimento burocratico per consentire ad ENPAM di inviare l’indennizzo statale dei 600 euro. Per quello dei 1000 euro ancora tutto fermo, ma quando arriverà sarà tassato


Corso live con il prof. Mattero Chiapasco martedì 14 aprile. L’obiettivo è di fornire tutte le informazioni necessarie per prevenire e gestire in modo efficace le complicanze


Una ricerca Key-Stone, in collaborazione con IDI Evolution, cerca di sondare come i professionisti ipotizzano ed intendono affrontare la situazione. Il 14% pensa che sarebbe più opportuno chiudere...


Lo afferma nella conferenza stampa della Protezione Civile delle 18. Intanto scoppia la polemica tra ANDI ed SIASO sul parere dell’INAIL sulle mascherine


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni