HOME - Approfondimenti
 
 
02 Dicembre 2016

Creare il proprio Team Building: il successo dello studio passa anche da questo. I 4 fattori per realizzarlo


Chi decide di promuovere il proprio studio può decidere di puntare sul servizio, sui prezzi, promuovere determinate offerte oppure semplicemente il proprio "brand". Anche se si è titolari di uno studio monoprofessionale.

Già perché il termine "brand" indica un marchio o un simbolo che distingue una impresa o un prodotto da un altro. Per il professionista il "brand" è il nome dello studio in cui lavora e spesso coincide con il proprio cognome.

"La cultura è il tuo "brand" è un mantra in voga tra gli esperti di marketing e comunicazione. e viene attribuito a Tony Hsieh, laurea ad Harward, e rampante imprenditore nell' e-commerce.

Jay Geier esperto di formazione manageriale del personale sanitario attraverso lo "Scheduling Institute" di Atlanta (USA, scrive nel suo Blog che il il dentista è troppo focalizzato su ciò che sa fare veramente bene in campo clinico, dimenticando di investire tempo e risorse economiche per creare una vera cultura d'impresa.

Solo così è possibile aumentare la produttività , gli utili e il passaparola positivo dei pazienti.

La cultura di impresa si crea dedicando tempo per la formazione del team anche al di fuori del luogo di lavoro. I risultati che si raccolgono sono migliori nello studio "monosede", dove il dentista manager controlla direttamente il proprio team piuttosto che nelle cliniche a catena che hanno un turnover più rapido del personale.

Ecco le quattro strade da percorrere secondo Geier:

1) Restituisci con un pò di generosità al territorio in cui lavori, impegnati insieme ai membri del team in attività di volontariato in ambito sanitario rivolte ai meno abbienti.

2) Metti in agenda un paio di volte l'anno una o due giornate fuori dallo studio per distrarsi dalla routine quotidiana e fare team building. Una gita, un evento culturale a cui partecipare sono ottimi esempi per creare legami all'interno del gruppo.

3) Allena continuamente la squadra e investi regolarmente in formazione professionale, i tuoi collaboratori apprezzano l'impegno per il loro successo. Il personale formato e motivato è la più grande risorsa che abbiamo.

4) Crea dei momenti conviviali con il team di lavoro, celebra insieme al gruppo una ricorrenza; dai la possibilità al team di interagire in un momento di divertimento, lontano dal paziente.

Gli effetti del Team Building non si faranno aspettare. Il paziente percepisce un gruppo di lavoro affiatato e questo genera due conseguenze:

A) Il grado di soddisfazione delle cure ricevute si accresce.

B) Inizierà a parlare di come sia stata diversa la sua esperienza nel tuo studio, generando passaparola positivo.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatria libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

Storica sentenza di un tribunale australiano nei confronti di un anonimo paziente che invitava a stare alla larga da uno studio dentistico. Google dovrà fornire le generalità


Capita a La Spezia, l’avvocato del paziente sarebbe riuscito a dimostrare che il paziente era in preda ad un momento di ira


I consigli per superare quattro situazioni sempre più frequenti nel rapporto tra paziente e dentista attraverso il web

di Davis Cussotto


Grazie alle nuove tecnologie, realizzare dei video di qualità durante l’attività clinica è oggi più che mai semplice. I consigli del prof. Cacioppo 


Le Corte di Giustizia europea stabilisce che ci vuole sempre l’autorizzazione del proprietario, anche se liberamente accessibili in rete


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni