HOME - Approfondimenti
 
 
15 Dicembre 2016

Costi per i corsi ECM. Ma quanto può scalare dalle tasse il dentista?


In questi mesi molto si è parlato della Ddl sul lavoro autonomo e sulla possibilità di detrarre il 100% dei costi della formazione dei liberi professionisti. Tra i provvedimenti bloccati dalle conseguenze della vittoria del No al referendum costituzionale e l'apertura della crisi di Governo anche questo provvedimento.

Quindi dopo tutto questo anticipare chiedersi: ma oggi, i professionisti quanto possono portare in deduzione delle spese sostenute per l'aggiornamento professionale?

La normativa di riferimento è il Dpr 22 del 1986 ma sono le successive Circolari dell'Agenzia delle Entrate ad aver "chiarito", nel tempo, come comportarsi.

La numero 53/E del 2008 ha indicato nel 50% la deducibilità per dei costi sostenuti per corsi di aggiornamento o master universitari mentre la circolare 35/E del 20 settembre 2012 precisava che tale regime fiscale doveva essere seguito anche per le professioni, come medici e dentisti, che devono assolvere ad un aggiornamento obbligatorio.

Tra le spese detraibili, sempre al 50%, ci sono anche quelle di viaggio e di soggiorno, vitto ed alloggio incluso anche se, nella realtà, la percentuale sarebbe del 35% ma su questo puto, per i dentisti, non tutti i consulenti fiscali danno una interpretazione univoca.

In realtà le Entrate specificano che le spese di viaggio e soggiorno sostenute dal professionista durante l'espletamento del proprio lavoro sarebbero deducibili nella misura del 75% e di conseguenza per quelle per aggiornamento dovrebbero essere considerate al 50% (quanto previsto per tutte le spese di aggiornamento) del 75% (quanto previsto per le spese di viaggio, vitto ed alloggio del professionista), quindi il 35%.

Il Ddl Lavoro Autonomo, approvato al Senato ed ora in attesa di ricominciare l'iter legislativo alla Camera prima di diventare legge, prevede invece la deducibilità del 100% delle spese del costo dei corsi e master entro un limite di 10 mila euro annui. Sono escluse dalla deducibilità le spese di viaggio e di soggiorno che rimangono deducibili al 75% per quelle inerenti vitto ed alloggio ed al 50% per il viaggio. Queste spese non possono comunque superare il 2% dell'ammontare dei compensi dichiarati nell'anno.

Norberto Maccagno

Articoli correlati

L’Ordine di Bergamo attiva il primo Dossier di Gruppo per odontoiatri, il presidente CAO Stefano Almini ci spiega come funziona ed i vantaggi abbinati alla adesione


Una delibera Agenza riduce il numero di crediti per i professionisti coliti dai terremoti, ecco le altre possibilità di riduzione o di esonero per i crediti ECM


L’ultimo DiDomenica prima delle vacanze estive diventa un’ottima occasione per girarsi indietro e riguardare questi primi mesi dell’anno, anche se rileggendo i titoli delle oltre 700 notizie...

di Norberto Maccagno


Intanto il Comitato Centrale FNOMCeO studia soluzione per regolarizzare situazione da presentare alla Commissione ECM


In vista del termine del triennio formativo e dell’obbligo per medici ed odontoiatri iscritti all’Albo di ottemperare al debito formativo previsto l’OMCeO Milano, sul proprio sito,...


Altri Articoli

Capofila del progetto, in quanto Regione promotrice dell’iniziativa contenuta nel piano di lavoro, è la Basilicata


Presso FICO di Bologna un nuovo appuntamento con “La Piazza della Salute”, aperto a tutti e all’insegna dell’informazione e prevenzione partendo dalla salute dei propri denti fino a uno...


Fino a sabato confronto tra gli esperti sui temi, classici e non, della patologia e della medicina orale


Gli odontoiatri in prima linea per individuare fenomeni di violenza, dall’Ordine di Medici di Napoli le “direttive” 


Oltre alla clinica anche il cambio di consegne alla presidenza e le elezioni di chi guiderà SIDO dal 2023 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi