HOME - Approfondimenti
 
 
21 Dicembre 2016

Stati Uniti, nuove norme federali per ridurre il mercurio immesso nell'ambiente gli obblighi per gli studi odontoiatrici


L'Environmental Protection Agency statunitense ha promulgato degli standard volti a ridurre lo scarico di mercurio e altri metalli nelle acque reflue da studi dentistici, che attualmente supera complessivamente le cinque tonnellate all'anno e comporta un grave danno ambientale.

Le nuove regole entreranno in vigore a breve, anche se aziende e professionisti avranno tempo fino al 2019 per adeguarsi. Ovviamente questo richiederà un impegno finanziario agli odontoiatri americani, ma l'Agenzia non lo giudica eccessivo, spiegando ad esempio che l'utilizzo di un separatore di amalgama comporterà per uno studio odontoiatrico un aggravio medio annuale di circa 800 dollari. Del resto, ricorda Epa, sono già oltre 100mila quelli che già lo utilizzano.

Le nuove norme richiederanno che il processo di trattamento dell'amalgama sia in grado di soddisfare due requisiti fondamentali: la raccolta e il riciclo degli scarti di amalgama e la pulizia a fondo del riunito.

Riguardo ai già citati separatori di amalgama, il provvedimento ne richiede non solo l'installazione, ma anche la conformità ad alcuni specifici requisiti, in particolare con gli standard già previsti da Ansi (American National Standards Institute) e Ada (American dental association), che prevedono almeno il 95% di efficacia nella rimozione del materiale inquinante.

I nuovi regolamenti si applicano agli studi dentistici, alle scuole di odontoiatria e alle cliniche che immettono acqua nella rete municipale di scarico, mentre saranno escluse le strutture che si limitano a trattamenti di patologia orale, radiologia orale e maxillofacciale, chirurgia orale e maxillofacciale, ortodonzia, parodonzia e odontoiatria protesica.

Le reazioni del mondo odontoiatrico statunitense sono state generalmente positive. Secondo Gary Roberts, presidente dell'Ada, la principale associazione a cui afferiscono i dentisti statunitensi, "questo nuovo regolamento federale è decisamente preferibile alle diverse norme che variano a seconda dello stato e della località".

Adelmo Calatroni

Articoli correlati

Ieri 22 aprile si è celebrata la Giornata Mondiale della Terra. In queste settimane i temi della tutela dell’ambiente hanno attirato l’attenzione dei media italiani anche grazie alla presenza...


Tra gli obblighi normativi che entreranno in vigore per lo studio odontoiatrico il primo gennaio 2019, c’è anche quello sull’utilizzo e lo smaltimento dell’amalgama dentale a seguito...


Pubblicato sul sito del Ministero della Salute il verbale della riunione di settembre del Gruppo Tecnico sull’Odontoiatria presso il Ministero della Salute approvato nella riunione dell’8...


Credo che tutti, o quasi, si sia oramai aggiornati sul Regolamento UE 2017/852 che prevede la riduzione graduale dell’amalgama ed i vincoli sia sull’utilizzo che sulla rimozione della stessa dal...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Per l’Agenzia delle Entrate la causa ostativa non potrà trovare applicazione se i due rapporti di lavoro persistono senza modifiche sostanziali per l’intero periodo di sorveglianza


Il problema è per gli studi al piano strada. La provocazione di Migliano: “se non venite voi a prenderli, ve li portiamo noi”


I centri dentistici DentalPro collaboreranno con la rete degli Empori Solidali delle Caritas diocesane per offrire cure gratis a determinati pazienti


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi