HOME - Approfondimenti
 
 
03 Marzo 2017

Perioblast, un approccio biologicamente guidato e personalizzato per la cura della parodontite. Lo spiega il suo ideatore


"Negli ultimi 30 anni, i nostri sforzi come clinici e come ricercatori sono stati concentrati su come trovare una soluzione terapeutica per la malattia parodontale efficace e potenzialmente stabile a lungo termine". Le parole sono di Francesco Martelli (nella foto), ideatore del trattamento Perioblast, che sta registrando un successo crescente, in Italia e all'estero.

Il trattamento è figlio innanzitutto di un'indagine approfondita della natura dell'infezione parodontale e del suo complesso rapporto con il sistema immunitario dell'ospite. La profonda comprensione dei determinanti biologici della malattia ha infatti portato allo sviluppo di strategie terapeutiche sempre più personalizzate, anche verso quei casi di parodontite particolarmente aggressiva, fino ad oggi ritenuti non curabili.

L'approccio è biologicamente guidato e non invasivo, basato su un rigido percorso che prevede: diagnosi, trattamento, prognosi e mantenimento con piano di prevenzione secondaria. Una sofisticata diagnosi, basata sul criterio di ripetibilità e operatore indipendente (immagini radiologiche 2D e 3D, dati strumentali e laboratoristici) che affianca il clinico nella sua valutazione soggettiva, mette in grado chiunque di verificare con sistemi e metodi oggettivi i risultati delle terapie effettuate e la loro stabilità a lungo termine. Oggi, grazie alla biologia molecolare e attraverso un approfondito percorso diagnostico, è possibile infatti capire i fondamenti biologici della malattia ed elaborare così trattamenti personalizzati basati sull'utilizzo combinato del microscopio operatorio e del laser. Questo approccio innovativo permette di evitare la stragrande maggioranza degli interventi chirurgici eliminando stress e dolore per i pazienti e stabilizzandoli molto meglio con adeguati protocolli di follow up.

Perioblast (PERIOdontal Bio Laser ASsisted Therapy) si basa sull'utilizzo integrato di laser, microscopio e analisi biomolecolari. Grazie a queste tre tecnologie è possibile curare la parodontite anche nelle sue forme più aggressive e spesso refrattarie alla terapia, indipendentemente dalla flora batterica coinvolta, dalla predisposizione individuale, dagli stili di vita del paziente e dalla capacità ed esperienza dell'operatore.

L'efficacia di Perioblast è stata peraltro validata dalla pubblicazione nel 2016 sulla rivista "European Journal of Clinical Microbiology and Infectious diseases" di uno studio multicentrico e retrospettivo con il maggior numero di pazienti trattati mai realizzato in parodontologia (2.700 individui).

Adelmo Calatroni

Articoli correlati

Approfondimento in occasione del terzo Simposio Internazionale sul trattamento dei tessuti molli parodontali e perimplantari a Firenze


Promossa da SIdP, per tutto l’anno un numero verde a disposizione die pazienti per informazioni e consigli


I pazienti non sono regolari nelle visite parodontali e le cause potrebbero essere per difetti di comunicazione


Affrontare un dente strutturalmente compromesso è sempre stata una procedura impegnativa per i dentisti.I denti con carie profonda o con frattura della porzione coronale possono...

di Lorenzo Breschi


I denti che vengono trattati con chirurgia parodontale ricostruttiva hanno una buona prognosi a lungo termine, anche nel caso di lesioni parodontali profonde intraossee....

di Lara Figini


Altri Articoli

Dopo l’Europa il Gruppo Editoriale EDRA sbarca negli Stati Uniti e lo fa puntando su due settori strategici come la veterinaria e l’odontoiatria


Al 38° Congresso AIOP si è approfondito il tema “dell’umanizzazione” della protesi e dei pazienti fragili. Guarda la Tavola rotonda organizzata sul tema


Dopo la presentazione del Manuale di Odontoiatria Speciale, dal suo 20° Congresso la SIOH punta alla formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra verso un’odontoiatria a misura dei pazienti...


Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


Pubblicato in GU il Decreto con la norma che obbliga anche gli igienisti dentali all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria delle fatture emesse nei confronti dei pazienti. Ecco le modalità


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi