HOME - Approfondimenti
 
 
16 Marzo 2017

Giornata Mondiale del Sonno, 2 milioni gli italiani che ne soffrono ma ancora molti non lo sanno. Ruolo centrale del dentista per la diagnosi e la cura delle forme più lievi ma comuni


I Disturbi respiratori del sonno, come russamento e apnee notturne, sono un problema medico e sociale sempre più diffuso e sottovalutato dalla popolazione. Un disturbo pervasivo e comune che colpisce almeno il 4% degli uomini e il 2% delle donne. Le apnee del sonno provocano, fra le altre cose, sonnolenza diurna e stanchezza, e possono essere causa di altre patologie come ipertensione, cardiopatie, ictus, diabete, oltre a causare un generale indebolimento del sistema immunitario. La mancanza di sonno inoltre parrebbe essere legata anche a molte condizioni psicologiche come la depressione, l'ansia e alcune psicosi. Non dimentichiamo poi gli incidenti stradali: secondo uno studio condotto dal team del dottor Sergio Garbarino dell'Università di Genova, e pubblicato sulla più prestigiosa rivista scientifica del settore, Sleep, quasi il 22% degli incidenti stradali sia attribuibile al fattore sonnolenza. In cifre, si tratta di 7.360 sinistri, per una spesa di 1,5 miliardi di euro l'anno.

Una problematica ancora poco conosciuta dai cittadini come risulta da un'indagine condotta da Philips sui medici odontoiatri appartenenti alla Società Italiana Medicina del Sonno Odontoiatrica (SIMSO). Emerge in particolare un legame tra i disturbi del sonno e la salute odontoiatrica ma non tutti ne sono a conoscenza: il 60% degli intervistati dichiara che il legame tra i disturbi del sonno e odontoiatria è ancora poco noto e che quindi i pazienti non pensano di poter affrontare l'argomento con il proprio dentista.

"Durante l'analisi anamnestica il medico odontoiatra propone al paziente un questionario dove sono contenute domande relative alla qualità del sonno, a conferma della correlazione tra salute dentale e disturbi del sonno. Il medico odontoiatra, inoltre, è in grado di identificare i soggetti maggiormente a rischio delle apnee notturne attraverso un'analisi della masticazione: la presenza di mandibola piccola e retrusa e, nei bambini, il palato stretto possono comportare questo disturbo", ha evidenziato in un comunicato stampa la dottoressa Marzia Segù, Presidente della SIMSO.

"Oltre alla correlazione con i disturbi del sonno -continua- esiste anche un legame tra salute dentale e diabete. In entrambi i casi è possibile fare prevenzione intervenendo anche sulla dieta prediligendo un'alimentazione leggera e l'assenza di assunzione di bevande alcoliche."

I (pochi) pazienti che si rivolgono ai dentisti per i disturbi del sonno sono stati consigliati dal medico di medicina generale (il 30%), da amici e familiari (il 30%) ma soprattutto hanno preso questa decisione dopo aver cercato informazioni in internet (il 40%). Come confermato dal Philips Future Health Study, il recente studio condotto su un campione rappresentativo della popolazione italiana di pazienti, l'85% dei pazienti cerca le risposte a una domanda di carattere medico in internet e il 55% legge le recensioni su un medico o un altro professionista sanitario prima di consultarlo.

"Diagnosticare e trattare correttamente un disturbo del sonno spesso significa non solo migliorare la qualità della vita del paziente e di chi sta accanto, ma anche prevenire malattie importanti, come l'ipertensione arteriosa." Dichiara Luigi Ferini- Strambi, Presidente della World Association of Sleep Medicine. "Le patologie del sonno sono 60, secondo la recente classificazione diagnostica dei disturbi del sonno. Soltanto il trattamento dell'insonnia e della sindrome delle apnee morfeiche ostruttive porterebbe ad enormi vantaggi sia per il singolo individuo che per la società".

In occasione della Giornata Mondiale del Sonno che si celebra venerdì 17 marzo, la Fondazione ANDI Olus punta a sensibilizzare popolazione e dentisti sul problema con la campagna "Allarme apnee notturne". I dentisti volontari saranno a disposizione dei cittadini .

Per formare i dentisti Fondazione ANDI ha predisposto negli anni sulla piattaforma dentistionline.it due corsi FAD, uno introduttivo - gratuito con 7,5 crediti ECM per i soci ANDI - e uno di approfondimento disponibile solo per coloro che hanno concluso la prima sessione.

Per chi poi volesse mettere a disposizione dei propri pazienti maggiori informazioni e materiale dedicato (brochure, locandine e questionari) è possibile richiederlo direttamente alla Fondazione allo 02/30461080 oppure compilare il form su fondazioneandi.org.

Articoli correlati

Nella prima riunione raccolto il sostegno di PD, FI e Fratelli d’Italia. L’iter ora prevede audizioni di esperti e delle associazioni di pazienti


Antonella Polimeni

La prof.ssa Antonella Polimeni presenta la seconda edizione di un testo didattico in cui vengono esaminati tutti gli aspetti relativi al trattamento dei pazienti in età evolutiva


I disturbi respiratori del sonno (SDB, Sleep Disordered Breathing) sono un gruppo eterogeneo di condizioni croniche in cui si verificano ripetuti episodi di ipopnea e/o apnea durante il riposo...


Per CERGAS SDA Bocconi sono 31 miliardi di euro l’anno i costi diretti, sanitari e non, e indiretti: su 12 milioni di casi medio-gravi stimati, solo il 4% viene accertato


Diversi studi di letteratura riportano che anche nei bambini il russare e l’apnea ostruttiva notturna (OSA) sono relativamente frequenti, con una prevalenza del 27% e del 5,7%...

di Lara Figini


Altri Articoli

Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


Cronaca     10 Luglio 2020

Abusivo denunciato a Roma

Immagine di archivio

Scoperto a seguito delle segnalazioni di alcuni pazienti. Posto sotto sequestro anche lo studio


Un webinar organizzato dalla CAO di Varese ha analizzato il periodo di pandemia attraverso sondaggi effettuati su dentisti europei, lombardi e della provincia di Trento. Riguarda l’intero evento


Disposizione contenuta nel Decreto Semplificazioni. Sanzioni anche per gli Ordini che non vigileranno o non comunicheranno gli elenchi  


Scarica il capitolo tratto dal libro “Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori”, manuale che analizza l’approccio basato sull’uso di allineatori senza perdere di vista...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION