HOME - Approfondimenti
 
 
29 Maggio 2017

Turismo sanitario in mostra a Milano. L'odontoiatria porta gli italiani all'estero mentre il Bel Paese fatica a interessare i pazienti stranieri


Dal 25 al 27 maggio, operatori sanitari e turistici, istituzioni e pazienti si sono incontrati a Milano, a InterCare, la prima Fiera e Congresso Internazionale di Turismo Medicale organizzata in Italia. Sotto la lente d'ingrandimento, un fenomeno alimentato dalla crescente globalizzazione della ricerca e delle cure sanitarie che spinge milioni di persone, tra gli 11 e i 14 milioni, a informarsi e spostarsi da un posto all'altro del mondo per curarsi, e che solo nel 2015 ha fatto registrare un fatturato complessivo stimato tra i 70 e i 100 miliardi di dollari con previsioni di crescita annuali del 20% (fonte: Italian Association Medical Tourism Development). Chirurgia plastica, odontoiatria, chirurgia cardio vascolare, ortopedia, oncologia la classifica delle cura mediche più richieste a livello mondiale da chi si rivolge ad una struttura fuori dal suo paese di origine.

Un mercato molto promettente cui diversi Stati, anche prossimi all'Italia per confini e tradizioni, si sono affacciati da diversi anni in maniera strutturata, proponendo pacchetti più che altro individuali che combinano cure sanitarie e soggiorni in località turistiche, come spiega Maja Renduliæ, fondatore di RexRea, società presente da più di 20 anni nel mercato delle assicurazioni sanitarie, oggi impegnata a promuovere le più prestigiose cliniche della Croazia in collaborazione con le maggiori agenzie turistiche di tutta Europa. "Offriamo le migliori cure mediche e odontoiatriche a prezzi contenuti - dal 20 al 30% in meno rispetto al mercato Italiano -, in collaborazione con le strutture sanitarie più accreditate del nostro Paese, dove operano i professionisti provenienti dalle università più prestigiose, impiegando tecnologie all'avanguardia, come quelle basate sulle cellule staminali, e materiali di elevata qualità". "Gli italiani che usufruiscono delle strutture ricettive e delle cure sanitarie nel nostro Paese, richieste per lo più nel settore odontoiatrico (circa il 45%), sono tra i nostri ospiti preferiti. Certo, il modello che offriamo si discosta notevolmente da quello USA dei resort a 5 stelle, ma non è questo il nostro target - aggiunge la collega Vanda Scheidl -. Non siamo bravi come gli americani nel promuovere la nostra offerta, ma sappiamo di poter contare su una tradizione di turismo anche medicale che punta oggi a diventare destinazione d'eccellenza per il turismo sanitario grazie a una rete di collaborazioni che stiamo sviluppando con le istituzioni dei diversi Paesi e il supporto degli enti governativi croati".

Eppure, l'Italia, con le cure d'avanguardia offerte nelle strutture specialistiche d'eccellenza che alimentano il suo Sistema Sanitario Nazionale quotato tra i migliori al mondo, e il suo territorio ricco di attrazioni paesaggistiche, storiche e culturali spesso di valore incommensurabile, non sembra aver ancora agganciato l'opportunità di rilancio economico e anche scientifico, che potrebbe svilupparsi dal turismo medicale registrando più che altro un sensibile flusso di pazienti in uscita dai suoi confini: 340.000 nel 2014, secondo le stime di Whatclinic.com, a fronte dei circa 5.000 pazienti stranieri che si rivolgono ogni anno alle sue strutture sanitare. Invertire questa tendenza a beneficio dell'intero sistema Italia è possibile anche puntando a fare conoscere e promuovere in prima battuta le eccellenze sanitarie del nostro Paese, come spiega a InterCare Paola Amendola, co-founder della start up Ihealthyou, portale per la ricerca delle strutture sanitarie in Italia e nel resto dell'Europa - ad oggi, Francia, Spagna, Germania e UK -, rintracciabili per patologia, paese ed esami diagnostici. Con oltre 2.000 strutture, 195 aree cliniche, più di 1.500 patologie e 400 esami diagnostici, la piattaforma, accessibile via web e da smartphone e disponibile in diverse lingue (spagnolo, francese, tedesco, inglese, russo e arabo), si rivolge principalmente ai pazienti del bacino europeo e medio orientale, supportandoli nella ricerca delle migliori strutture mediche e degli specialisti più qualificati.

Cristina Campanale

Articoli correlati

La denuncia arriva dal network di cliniche odontoiatriche Amicodentista che rivela come "il 30% dei pazienti che si rivolgono a questo tipo di strutture estere, deve poi sottoporsi a nuovi...


Rischia di finire in tribunale la disputa tra la CAO Nazionale ed il sito Travel to Dentist "reo" di aver pubblicato uno scritto dal titolo "Le Bugie dei dentisti Italiani sulle cure dentali...


Invece di cercare di arginare il fenomeno del turismo sanitario perché non sfruttarlo e promuovere l'ottima qualità delle cure fornite nel Bel Paese ed andare ad intercettare quei...


In italiano lo chiamiamo turismo sanitario, nel resto del mondo "Health Tourism" ed è quella pratica per la quale le persone associano il proprio soggiorno al desiderio di migliorare il...


Altri Articoli

Abbiamo chiesto a Massimo Depedri di ipotizzare il valore dei costi fissi di uno studio odontoiatrico di piccole, medie e grandi dimensioni e dell'impatto delle misure previste dai DPCM


Riflessioni di una igienista dentale pensando al rientro, ai rischi immediati, ai pazienti, alle paure. Con una esortazione finale: ‘’dovremo inventarci, anche, nuove...


Possibile presentare le domande, ma non ancora in tutte le regioni. L’assegno arriverà dall’INPS ma c’è anche la possibilità di farle anticipare dalle banche. E se il datore di lavoro...


A Roma primo e innovativo progetto ai tempi di Coronavirus per continuare la formazione delle ASO in vista dell’esame di abilitazione


Landi (CED): chiediamo UE di intervenire per mitigare l’impatto a lungo termine di COVID-19 sulla disponibilità di cure orali in tutta Europa sostenendo i dentisti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP