HOME - Approfondimenti
 
 
11 Luglio 2017

Bonus pubblicità anche per i professionisti. Possibili agevolazioni fiscali anche per chi promuove il proprio studio o laboratorio

di Martina Caneva, Luigi Canullo, Marco Tallarico


Tra le norme contenute nella manovra finanziaria 2017 spunta anche il bonus pubblicità per aziende e professionisti. La norma consentirà di beneficiare del credito d'imposta dal 75% e fino al 90% per gli investimenti promozionali ma anche di beneficiare del bonus, da utilizzare anche in compensazione con la dichiarazione dei redditi, sulle campagne pubblicitarie su televisioni, giornali e radio.

Per beneficiare del bonus pubblicità bisognerà effettuare investimenti in campagne pubblicitarie in misura maggiore almeno dell'1% rispetto all'anno precedente e l'importo del credito d'imposta è aumentato al 90% se gli investimenti in pubblicità sono effettuati da micro imprese, PMI e start up innovative.

Ancora da approvare il decreto attuativo con le regole specifiche in cui vengono specificate modalità per richiedere gli sgravi e quali contribuenti potranno richiederlo e per quale tipologia strumento editoriale.

Stando all'articolo inserito nella manovra 2017, comunque, anche i professionisti potranno beneficiare come le aziende. I professionisti, però, sembrerebbe possano beneficiare dell'agevolazione solo se la pubblicità rispetta quanto previsto dal D.P.R. n. 137 del 7 agosto 2012, con il quale viene autorizzata la pubblicità informativa che non sia ingannevole, equivoca o denigratoria e sia focalizzata sull'attività delle professionisti regolamentate; specializzazioni e titoli posseduti; struttura del proprio studio; compensi richiesti per le prestazioni professionali. Vincoli che non dovrebbero invece riguardare le pubblicità delle imprese come per esempio le società odontoiatriche e comunque non è chiaro come e chi valuti se la pubblicità rispetta le norme e se questa valutazione sia legata alla richiesta di sgravio.

Nor.Mac.

Articoli correlati

Il Senato spagnolo ha approvato due mozioni volte a regolamentare la pubblicità sanitaria e tutelare il consumatore


Il Consiglio dell’Ordine ha dato mandato ad un pool di avvocati guidato dal presidente Catricalà per sostenere le limitazioni in tema di pubblicità commerciali in sanità


Richiesto al Ministero della Salute un report con tutti i procedimenti attivati dai vari ordini delle professioni sanitarie, odontoiatri inclusi, per violazione dell’art. 525 della 145/18


Óscar Castro ha incontrato i rappresentanti di diversi partiti politici spagnoli affrontando questi due temi di grande importanza


Il commento dell’avvocato Silvia Stefanelli alla sentenza del TAR che impone all’Ordine di consentire l’accesso agli atti delle sentenze disciplinari


Altri Articoli

Venerdì 1 ottobre ad Asti al Dental Forum odontoiatri ed odontotecnici potranno esercitarsi con stanner e sotware giudati dagli esperti del team Grow Up


Sono stati gli agenti della polizia di Stato a denunciare un uomo di 53 anni per esercizio abusivo della professione medica. Secondo la stampa locale gli agenti del Commissariato di Secondigliano e...


Chi deve controllare, quali le sanzioni e come deve essere “gestito” il dipendente sprovvisto, ed i collaboratori non dipendenti?


In uno studio pubblicato su Lancet Infectious Diseases, i ricercatori della Yale School of Medicine hanno esaminato le infezioni da Covid-19 "breakthrough", ovvero che si verificano in persone...


L’obiettivo è sensibilizzare un numero sempre maggiore di donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori al seno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio