HOME - Approfondimenti
 
 
21 Settembre 2017

I vantaggi del direttore sanitario odontoiatra. Delogu e Fiorile commentano il Ddl Concorrenza rivendicando le scelte di AIO


Abbiamo atteso con pazienza dando tempo a tutti di metabolizzare la portata degli articoli sull'odontoiatria compresi nella legge denominata "DDL Concorrenza". Oggi siamo lieti di poter annotare una serie di interventi autorevoli che rimarcano l'importanza di tali articoli, soprattutto per i risvolti pratici che si riverberano con forza sull'organizzazione delle strutture odontoiatriche svolte in forma di società.

La questione del Direttore Sanitario Odontoiatra è nel DNA dei laureati in Odontoiatria della prima ora, quelli che hanno costruito l'AIO. Siamo stati noi, e ne siamo orgogliosi, a intravedere i benefici dell'introduzione, nel "ddl concorrenza", di una norma sul direttore sanitario odontoiatra, come obbligo per le strutture odontoiatriche, che dovesse avere un rapporto esclusivo assicurando la presenza fisica in un'unica Struttura . Anche se non tutti erano d'accordo con noi e non hanno appoggiato la nostra proposta.

Il tema invece è centrale, e "fino a ieri" foriero di dubbi interpretativi su chi potesse assumere tale incarico, come prova il fatto che l'Ordine di Padova ha dovuto chiedere un parere alla FNOMCeO che l'ufficio legale ha rilasciato il 18 settembre 2015. In quell'occasione l'allora segretario sindacale nazionale AIO Sodano, sottolineava che in un reparto odontoiatrico occorre un "comandante" iscritto all'Albo Odontoiatri per "identificare la catena organizzativa". Inoltre, "sia nei centri odontoiatrici complessi sia negli studi mono-professionali, AIO chiede la massima tutela per le figure odontoiatriche operanti. Il tempo del lavoro a cottimo è finito, a guidare è il rapporto con il paziente con le relative responsabilità derivanti al professionista".

Considerazioni crediamo condivise da chiunque conosca la funzione dei codici deontologici. Eppure anche tra noi professionisti si levarono voci critiche, si disse che imponendo un direttore sanitario per struttura sarebbero lievitati i costi e ne avrebbe risentito la tasca dei pazienti che ricorrono alle società perché magari più "accessibili" del dentista "monoprofessionale"; chi doveva accompagnarci in questa lotta si dichiarò perplesso. Comunque sia, purtroppo alcuni emendamenti proposti da tutta la professione, altrettanto fondati e appoggiati da AIO come quello che riservava i due terzi del capitale di una società a professionisti odontoiatri iscritti all'Ordine, sono stati osteggiati dalla maggioranza del parlamento fino alla fine del percorso legislativo e non sono stati approvati. Il Legislatore, comunque, ha ritenuto di sostenere gli emendamenti AIO sulla regolamentazione della figura del direttore sanitario per le strutture odontoiatriche a garanzia della qualità delle cure nell'interesse del bene primario che è la salute dei cittadini. Vi invitiamo, per onor di cronaca, a leggere il documento originale che AIO inviò in data 20 febbraio 2016 ai ministeri competenti e alle commissioni parlamentari che discutevano il disegno di legge.

E ora? Ora, il direttore sanitario odontoiatra nelle strutture gestite da società di capitali, resta l'unico riferimento professionale posto a garanzia della deontologia dei comportamenti e dei processi come molti interventi di questi giorni hanno sottolineato sulla stampa. E allora ci sia consentito di dire che questa norma è una vittoria storica per l'odontoiatria e siamo fieri ed orgogliosi come AIO di esserne stati gli artefici certamente anche grazie alla sensibilità che, almeno su questo punto, la parte politica ha dimostrato.

Pierluigi Delogu Past President Nazionale AIO

Fausto Fiorile Presidente Nazionale AIO

Per approfondire:

12 Settembre 2017: Direttore sanitario, questi obblighi e responsabilità tra normativa nazionale e regionale. Niente obbligo per le StP

Articoli correlati

Foto che accompagna il post sulla pagina Facebbok del Ministro Grillo

La norma era contenuta in un emendamento presentato dal Movimento 5 Stelle alla legge di bilancio e riguardava le farmacie in mano alle società (possibilità introdotta dalla legge sulla...


La vicenda della chiusura, in Spagna, delle cliniche della catena iDental riporta alla luce quale dovrebbe essere la vera questione da affrontare sul tema dell’ingresso del...


Il presidente CAO: obbligatorio per legge con due terzi del capitale in mano ai professionisti


Dal 29 agosto sono in vigore le norme contenute nella Legge sulla Concorrenza, tra queste l'obbligo per le società operanti come attività odontoiatrica di nominare un direttore sanitario unico...


Altri Articoli

Sabato a Torino il Convegno da titolo ''Il  modello Torino di Odontoiatria Sociale : il diritto alla salute orale  in un percorso per il Welfare di comunità’’


In Italia 3,7 milioni di diabetici ma uno su tre non sa di averlo, SIdP ricorda le implicazioni odontoiatriche


Un approfondimento dell’Agenzia delle Entrate chiarisce le finalità della norma. Conferma anche il divieto di invio di fattura elettronica per le prestazioni sanitarie per tutto il 2020


Annunciata sinergia tra OELLE   e COI AIOG sul tema dell’odontoiatria legale su tutto il territorio nazionale


Per i prossimi quattro anni l’Associazione Italiana Odontoiatri è stata riconosciuta come provider di crediti ADA CERP per altri quattro anni, fino al 2023


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi