HOME - Approfondimenti
 
 
11 Dicembre 2017

Scontro legale negli Usa su allineatori trasparenti e scanner intraorali. Align Tecnology Inc. vuole portare 3 Shape in tribunale


Align Tecnology Inc. la company Americana con sede a San Jose (California) che produce e distribuisce gli allineatori trasparenti Invisaling e lo scanner intraorale da impronta iTero, ha deciso di scendere in "guerra" contro la 3 Shape la multinazionale danese che produce 3 Shape Trios, citandola in giudizio con l'accusa di aver infranto i brevetti del software gestionale.

La Align Tecnology Inc. ha dapprima presentato reclami davanti alla commissione federale per il commercio (U.S. International Trade Commission) sostenendo che 3Shape violerebbe le leggi statunitensi sull'importazione e ha richiesto la sospensione della vendita dello scanner 3Shape Trios e del suo software gestionale. Ha poi presentato 4 denunce presso il tribunale Distrettuale del Delaware per una presunta violazione del brevetto sul sistema di scansione intraorale e sul suo software, richiedendo un risarcimento monetario. Fondata nel 1997 da Zia Chishti e Kelsey Wirth, Align Tecnology ha fatturato nel 2016 1,08 miliardi di dollari

Secondo quanto Roger E. George (vice presidente di Align)ha dichiarato alla stampa statunitense, "la sua azienda è all'avanguardia mondiale nell'odontoiatria digitale e in 20 anni di ricerca e sviluppo ha creato un ampio portafoglio di brevetti che rappresentano altrettanti capisaldi nell'evoluzione digitale del settore dentale". "Difendiamo vigorosamente la nostra proprietà intellettuale", ha detto Geoge, "sia che si tratti di allineatori trasparenti, scanner intraorali o software gestionali".

La Align Tecnology Inc. era recentemente stata oggetto delle attenzioni della stampa anche per la sua presenza (con il 19%) nel capitale sociale di SmileDirect, azienda che realizza allineatori trasparenti fai da te senza andare dal dentista. O meglio il dentista, così viene spiegato, progetta il caso e prescrive il dispositivo ma il paziente non lo vede mai, in quanto le impronte vengono rilevate dai pazienti stessi attraverso un kit che viene spedito a casa. Alcuni Ortodonzisti dell' ADA ( American Dental Association) che hanno messo in guardia i pazienti suo social web, informandoli dei rischi che si possono correre, sono stati oggetto di azioni legali per aver divulgato informazioni false e fuorvianti su SmileDirect.

Davis Cussotto

Articoli correlati

3M Corporation annuncia un'importante partnership con 3Shape, azienda specializzata nello sviluppo di strumenti innovativi per l'ortodonzia con un portfolio di scanner 3D e di soluzioni software...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi