HOME - Approfondimenti
 
 
08 Febbraio 2018

Campagna elettorale ed odontoiatria. Campolongo (ANPO) pone la questione dell'odontoiatria pubblica


Il Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri di Odontoiatria, Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale (ANPO) approfitta del dibattito elettorale per richiamare l'attenzione sull'accesso alle cure odontoiatriche ed indicare alla Politica tre punti da inserire nell'agenda del prossimo Parlamento

La domanda che pone ANPO è provocatoria: "l'Odontoiatria pubblica è sostenibile?

Il Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri di Odontoiatria, Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale, in una nota a firma del Segretario Nazionale Fulvio Campolongo (nella foto) "ritiene che sarebbe etico, equo ed appropriato, e necessariamente sostenibile, implementare un programma di odontoiatria pubblica nell'ambito della prevenzione attiva a favore della popolazione in età evolutiva, attraverso l'adozione di una normativa nazionale e di una regolamentazione di maggior dettagli.

Le criticità di ANPO al Parlamento ed al Governo uscente è quello di aver trascurato nei nuovi LEA l'odontoiatria. Lea giudicati come "peggiorativi rispetto ai precedenti livelli di assistenza approvati nel 2001: in particolare, vengono a mancare gli impianti, l'ortodonzia eÌ prevista solo per sei mesi, non eÌ chiara la possibilità di applicazione di protesi fissa".

"Evidentemente -scrive Campolongo- l'odontoiatria non appartiene alla sanitaÌ italiana".

Il non aver colto "l'opportunità di un intervento migliorativo sull'odontoiatria pubblica", spiega il Segretario Nazionale, "è particolarmente grave posto che sono noti i dati epidemiologici che da sempre caratterizzano la popolazione pediatrica italiana come è altrettanto noto a tutti il quadro di disomogeneità di applicazione dei LEA a livello nazionale".

"Al Ministro e ai Componenti il Gruppo tecnico sull'odontoiatria del Ministero -continua- ci sembra di poter dire che non eÌ sufficiente pubblicare le Linee guida ma forse è necessario un intervento realistico che definisca il ruolo dell'odontoiatria pubblica superando, in molti ambiti, la fase di enunciazione di "principi", traducendo il livello speculativo (pensare/programmare) in piani operativi di prevenzione e di erogazione di assistenza di qualità (fare).

Questi i tre gli obiettivi prioritari individuati dal Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri di Odontoiatria, Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale e ritenuti come prioritari per l'agenda politica del prossimo Parlamento:

1) individuare le modalità organizzative minime essenziali obbligatorie - modello, strutture, operatori - in coerenza con Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva;

2) rimuovere il requisito della specializzazione per l'assunzione di dirigenti odontoiatri per favorire l'incremento delle piante organiche delle strutture odontoiatriche;

3) impegnare la Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, Regioni e Province autonome a individuare le modalità tecniche per il continuo monitoraggio dell'applicazione del dispositivo normativo, nei contesti territoriali, e per la verifica degli effetti prodotti.

Articoli correlati

Gentile direttoreDopo l'interessante lettura dell'intervista a Gerhard Seebergher e la recente pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale del Decreto concernente le "Condizioni di erogabilità e...


Dopo l'articolo in cui abbiamo riportato i dati del Servizio Studi ANDI che evidenziano come oltre il 70% dei bambini sotto i 5 anni non è mai andato dal dentista, il Ministero della salute...


Presso la sede nazionale dell’ANPO di Roma il 12 aprile us. si è riunita la Giunta Esecutiva del Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri di Odontoiatria, Odontostomatologia e Chirurgia...


Campolongo (CIPOOOCMF – ANPO): soddisfatti che CAO ed ENPAM condividano con noi l’auspicio


Nominati due rappresentanti dell’Associazione Nazionale Primari Ospedalieri (ANPO)


Altri Articoli

ePur legittimando l’obbligo vaccinale, i Giudici rilevavo differenti trattamenti tra chi svolge l’attività come autonomo e chi come dipendente. Dubbi anche sulla sospensione dall’Albo


La pandemia ha ampliato gli adempimenti burocratici per lo studio odontoaitrico, per il dott. Cirulli la morte da burocrazia si evita con strategia mirate ed efficaci


Sulla base di studi epidemiologici condotti negli ultimi cinquant’anni, la prevalenza di ASD sembra aumentare a livello globale ma i pazienti con diagnosi di ASD non differiscono dagli altri per...


Le indicazioni per provider e discenti. Confermato il numero di crediti triennali da raccogliere e la possibilità di recuperare parte dei crediti mediante l’autoformazione


E’ mancato all’affetto dei suoi cari il prof. Nicola Gagliani, papà di Massimo docente presso l’Università di Milano, Coordinatore scientifico dell’area odontoiatrica del Gruppo...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi