HOME - Approfondimenti
 
 
07 Marzo 2018

Proposta Lorenzin in tema di assistenza odontoiatrica

Per ANDI l’odontoiatria pubblica si risolve con i fatti, non con proposte irrealizzabili


Anche il presidente dell’ANDI Gianfranco Prada (nella foto) interviene sulle affermazioni del prossimo ex Ministro della Salute Beatrice Lorenzin sull’odontoiatria pubblica ed il rapporto con i privati contenute nel suo libro “Per salute e per giustizia. Come solo politica e scienza possono salvare il Servizio Sanitario Nazionale e perché è così difficile farlo” (Edizioni Edra), e lo fa dalle colonne di ANDI Informa on-line.    

“Alcuni Soci mi hanno scritto chiedendomi una presa di posizione sull’argomento”, dice Prada. “Prendo atto delle considerazioni dell’On. Lorenzin che, però, non sono altro che parole scritte in un libro pubblicato alla vigilia delle elezioni, non una proposta di legge o una proposta ufficiale inviata ai sindacati del settore e per questo non ritengo nemmeno necessario entrare nel merito”. “Peraltro il Ministro Lorenzin – aggiunge Prada – se in questi 5 anni di Governo avesse voluto risolvere il problema dell’odontoiatria pubblica poteva seriamente tentare di farlo. Ministro che invece non si è posto molti problemi per la salute dei cittadini quando, individuando i nuovi Lea, ha ridotto ancora di più le prestazioni e le fasce di popolazione che possono accedere gratuitamente all’odontoiatria pubblica”.  

“Come ANDI abbiamo più volte suggerito al Ministro proposte e soluzioni a cominciare dalla richiesta di aumentare gli sgravi fiscali per chi effettua cure odontoiatriche, di consentire il decollo della sanità integrativa odontoiatrica bloccata da norme anticostituzionali, ma anche solo fare conoscere ai cittadini l’Accordo già in essere col Ministero che ANDI, con altri sindacati e società scientifiche, aveva sottoscritto sull’odontoiatria sociale. La buona salute orale degli italiani è un vanto che possiamo sfoggiare solo grazie al lavoro di quella odontoiatria privata spesso accusata di essere il freno alle cure. Il fallimento dell’odontoiatria pubblica non è causato dai vari modelli regionali in cui seri professionisti ogni giorno lavorano e tentano di dare un servizio soddisfacente, nonostante mezzi sempre più ridotti, ma per il totale disinteresse da parte della politica che continua a non investire vere risorse”.  

“Non serve una ulteriore assicurazione per finanziare le cure odontoiatriche pubbliche, gli italiani l’assicurazione la pagano già e si chiama tasse”, dice Prada. “Serve una cultura verso la tutela e promozione della salute orale, partendo dalla prevenzione. Invece di preoccuparci come curare chi ha problemi di salute orale preoccupiamoci di non fare ammalare gli italiani di carie o di parodontite”, dice Prada.    

“I dentisti ANDI – conclude– da sempre rendono possibili progetti gratuiti che cercano di fare questo, con il Mese della Prevenzione Dentale, l’Oral Cancer Day, il Progetto Scuola, il Progetto Adotta un Sorriso e le tante iniziative locali mirate a dare un sorriso a chi non può permetterselo. Noi dentisti italiani, ogni giorno nei nostri studi, facciamo la nostra parte, è la politica che deve cominciare a dimostrare di voler fare qualche cosa, non a parole e pochi giorni prima delle elezioni ma nel concreto”. 

Articoli correlati

Andreolli (AIDIpro): il SSN, se vuole adempiere al proprio ruolo di tutela della salute orale del cittadino, non può prescindere dallo sviluppo dell’odontoiatria pubblica e dal ruolo...


Da clinico e da docente universitario il prof. Gagliani porta il suo punto di vista sulla questione nata dopo il servizio della Gabanelli sui Fondi integrativi

di Massimo Gagliani


Laurea abilitante, scuole di specializzazione, qualità formativa ed ovviamente numero chiuso, tra gli argomenti toccati dal prof. Roberto Di Lenarda


Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


Il punto di vista di un lettore che non ritiene manchino gli specialisti e ritiene ingiusto consentire a tutti di accedere ai concorsi perché penalizza chi si è specializzato


Altri Articoli

Venerdì 1 ottobre ad Asti al Dental Forum odontoiatri ed odontotecnici potranno esercitarsi con stanner e sotware giudati dagli esperti del team Grow Up


Sono stati gli agenti della polizia di Stato a denunciare un uomo di 53 anni per esercizio abusivo della professione medica. Secondo la stampa locale gli agenti del Commissariato di Secondigliano e...


Chi deve controllare, quali le sanzioni e come deve essere “gestito” il dipendente sprovvisto, ed i collaboratori non dipendenti?


In uno studio pubblicato su Lancet Infectious Diseases, i ricercatori della Yale School of Medicine hanno esaminato le infezioni da Covid-19 "breakthrough", ovvero che si verificano in persone...


L’obiettivo è sensibilizzare un numero sempre maggiore di donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori al seno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio