HOME - Approfondimenti
 
 
30 Marzo 2018

Si avvicina scadenza per l’invio dello spesometro per il secondo semestre

Che fare con i dati già inviati attraverso i Sistema tessera Sanitaria?


C’è tempo fino al 6 aprile 2018 per la comunicazione dei dati delle fatture del secondo semestre 2017. Ma chi ha già inviato i dati delle fatture emesse attraverso il Sistema Tessera Sanitaria come si deve comportare?  

Se lo è chiesto Il Sole 24 Ore nella diretta Facebook di ieri. Secondo gli esperti del quotidiano economico per i dati che sono oggetto di trasmissione al sistema Tessera Sanitaria, il comma 3 dell’articolo 3 del Dlgs 175/2014 ha previsto l’obbligo di invio all’agenzia delle Entrate dei dati delle fatture emesse per prestazioni sanitarie al fine di poter predisporre la dichiarazione dei redditi precompilata. L’inclusione di queste informazioni nello spesometro, ribadiscono dal quotidiano di via Monterosa, “sarebbe, nella sostanza, una duplicazione di dati di cui l’Agenzia è già in possesso”.  

Stessa tesi avanzata da molti interpelli e richieste di chiarimenti dei sindacati di settore.  

Con il comunicato stampa del 12 settembre 2017, l’Agenzia aveva precisato che, nella comunicazione dei dati per il primo semestre era possibile non inserire le fatture oggetto di trasmissione al Sistema Tessera Sanitaria (sistema TS) e che tale comunicazione sarebbe stata esaustiva anche ai fini dello spesometro.  

“Il comunicato stampa di per sé è uno strumento precario per fornire indicazioni ufficiali –chiariscono dal Sole- e allo stato attuale nulla è stato chiarito per l’invio dei dati del secondo semestre; sembrerebbe sensato, tuttavia, che tale semplificazione trovasse applicazione anche in occasione del secondo invio”.  

Sole che ricorda, comunque, che medici, dentisti e le strutture sanitarie obbligate alla trasmissione dei dati al sistema TS restano comunque obbligate alla trasmissione delle fatture di acquisto nonché alla trasmissione delle fatture non soggette alla trasmissione al sistema TS e di quelle che non sono state trasmesse in quanto non voluto da parte del paziente.  

Articoli correlati

Arriva in extremis il Dpcm con la proroga dello Spesometro la cui scadenza era prevista per oggi 28 febbraio. Proroga anticipata qualche settimana fa dal Sottosegretario all’Economia. Con...


Come si deve comportare il medico o il dentista che invia i dati al STS in tema di Spesometro?Ad indicarlo, anche se indirettamente, è l’Agenzia delle Entrate rispondendo ad un quesito posto da un...


Per la pubblicità stop solo per quella sul gioco di azzardo, modifiche su redditometro e spesometro


La nuova scadenza dell'invio dei dati delle fatture emesse e ricevute nel secondo semestre 2017 passa dal 28 febbraio al 6 aprile. Alla stessa data è fissata la scadenza per le eventuali...


La Camera ha approvato, ieri, in via definitiva il testo collegato alla Manovra con 237 voti favorevoli, 156 contrari e 3 astenuti. Il provvedimento aveva incassato poco prima la fiducia. Tra i temi...


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni