HOME - Approfondimenti
 
 
11 Aprile 2018

Assistente Studio Odontoiatrico, queste le mansioni e le manovre consentite dalla nuova legge

Il Segretario SIASO fa il punto e chiarisce alcuni dubbi


Dopo la pubblicazione del Decreto sul profilo dell’Assistente allo Studio Odontoiatrico sulla Gazzetta Ufficiale ecco quali sono le attività consentite per la nuova figura professionale del Team odontoiatrico.

L’articolo uno definisce con chiarezza i compiti dell’ASO, ovvero svolgere “attività finalizzate all'assistenza dell'odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore durante la prestazione clinica, alla predisposizione dell'ambiente e dello strumentario, all'accoglimento dei clienti ed alla gestione della segreteria e dei rapporti con i fornitori, cosi come specificato nell'allegato 1 del presente Accordo. E' fatto assoluto divieto all'Assistente di Studio odontoiatrico di intervenire direttamente sul paziente anche in presenza dell'odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore”. 

Quindi cosa può fare l’ASO?

“Assistere l’odontoiatra durante le sue attività di competenza”, chiarisce Fulvia Magenga Segretario SIASO (nella foto), il sindacato della ASO. “Come previsto nell’allegato uno del Decreto, l’ASO durante la fase clinica assiste l’odontoiatra o le altre figure professionali autorizzate a trattare il paziente durante le loro attività cliniche, supporta l’odontoiatra nell’organizzazione dei soccorsi per le emergenze ed aiuta la persona assistita ad affrontare eventuali disagi durante gli interventi”.

L’ASO non potrà, così recita il Decreto, intervenire direttamente sul paziente e neppure “svolgere alcuna attività di competenza delle arti ausiliarie delle professioni sanitarie (per esempio quelle tipiche dell’odontotecnico NdR) e delle altre professioni sanitarie per le quali è richiesto il possesso della laurea (per esempio le attività odontoiatriche ed anche quelle tipiche della professione di igienista dentale NdR)”.

E sulle parole divieto di “intervenire direttamente” potrebbero nascere dei dubbi interpretativi ammentate il Segretario Magenga che anticipa ad Odontoaitria33 che il sindacato inoltrerà al più presto una richiesta di chiarimenti al Ministero della Salute. 

Oltre ad assistere l’odontoiatra, l’ASO ha mansioni di accoglienza della persona assistita, dell’allestimento degli spazi operativi e del trattamento della documentazione clinica e amministrativo contabile.

Queste nello specifico le attività individuate dal Decreto per le varie specifiche.

  • Allestimento spazi e strumentazioni di trattamento odontoiatrico: sanifica e sterilizza i diversi ambienti di lavoro; prepara l’area di intervento clinico, la decontamina, la disinfetta e la riordina; esegue il controllo e lo stoccaggio dei materiali dentali, dello strumentario e delle attrezzature; raccoglie ed esegue stoccaggio e lo smaltimento rifiuti sanitari differenziati.
  • Accoglienza persona assistita: accoglie la persona assistiti nello studio; raccoglie i dati anagrafici e personali al fine di completare il documento contenente l’anamnesi della persona assistita; assiste la persona prima, durante e dopo i trattamenti; cura i rapporti con i professionisti e gli altri operatori dello studio; cura i rapporti con i consulenti e i collaboratori esterni.
  • Trattamento documentazione clinica e amministrativo contabile: gestisce le procedure amministrative di accoglienza e dimissione della persona assistita; gestisce le prenotazioni e il calendario degli appuntamenti; gestisce lo schedario delle persone assistite; gestisce la documentazione clinica e il materiale radiografico e iconografico delle persone assistite; gestisce i rapporti con i fornitori, gli agenti di commercio, gli informatori scientifici, i consulenti e i collaboratori esterni; gestisce il magazzino e la cassa.

Articoli correlati

Commentando l’articolo sull’apertura di un novo ambulatorio odontoiatrico a Firenze, Alexander Peirano (CAO Firenze) pone delle riflessioni sulle scelte del SSN


I legali del Sindacato sosterranno le cause per ottenere il giusto inquadramento. Intanto il Segretario Magenga minaccia azioni legali nei confronti dell’ASO che lamentava difficoltà


Maurizio è un mio compagno delle superiori, ora è l’ortodontista dei miei figli. Dopo il diploma ha lavorato qualche anno e poi ha deciso di iscriversi a medicina, in realtà...

di Norberto Maccagno


IDEA e AIASO sostengono che bisogna trovare una soluzione alle criticità con la massima urgenza, per farlo, dicono, serve un tavolo di concertazione al Ministero


Nella lettera al Direttore, il dott. Raffaele Prencipe sostiene che non si sarebbero dovute prevedere norme retroattive


Altri Articoli

Rispettare l’ambiente costa fatica (in realtà poca), rinunce (anche queste poche) e quello dell’impegnarsi per il bene collettivo alla fine rischia di rimanere una frase che suona bene, ma molto...

di Norberto Maccagno


Si chiama Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati e si pone come portavoce di tutti coloro che credono nella Sanità Integrativa e vogliono renderla una opportunità per...


Quelle odontoiatriche seguono lo stesso principio. Di Gioia (POIESIS): anche in caso di prestazioni rese nell’ambito anatomico di competenza extra orale


Caprara: è una strada da percorrere per il nostro bene e quello dei nostri pazienti, non per tornaconti personali o per strategie di marketing


Intervista al presidente SIE alla vigilia del Congresso Nazionale. Vittorio franco: è una delle più importanti branche dell’odontoiatria che merita di essere “specialità” 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi