HOME - Approfondimenti
 
 
11 Aprile 2018

Assistente Studio Odontoiatrico, queste le mansioni e le manovre consentite dalla nuova legge

Il Segretario SIASO fa il punto e chiarisce alcuni dubbi


Dopo la pubblicazione del Decreto sul profilo dell’Assistente allo Studio Odontoiatrico sulla Gazzetta Ufficiale ecco quali sono le attività consentite per la nuova figura professionale del Team odontoiatrico.

L’articolo uno definisce con chiarezza i compiti dell’ASO, ovvero svolgere “attività finalizzate all'assistenza dell'odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore durante la prestazione clinica, alla predisposizione dell'ambiente e dello strumentario, all'accoglimento dei clienti ed alla gestione della segreteria e dei rapporti con i fornitori, cosi come specificato nell'allegato 1 del presente Accordo. E' fatto assoluto divieto all'Assistente di Studio odontoiatrico di intervenire direttamente sul paziente anche in presenza dell'odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore”. 

Quindi cosa può fare l’ASO?

“Assistere l’odontoiatra durante le sue attività di competenza”, chiarisce Fulvia Magenga Segretario SIASO (nella foto), il sindacato della ASO. “Come previsto nell’allegato uno del Decreto, l’ASO durante la fase clinica assiste l’odontoiatra o le altre figure professionali autorizzate a trattare il paziente durante le loro attività cliniche, supporta l’odontoiatra nell’organizzazione dei soccorsi per le emergenze ed aiuta la persona assistita ad affrontare eventuali disagi durante gli interventi”.

L’ASO non potrà, così recita il Decreto, intervenire direttamente sul paziente e neppure “svolgere alcuna attività di competenza delle arti ausiliarie delle professioni sanitarie (per esempio quelle tipiche dell’odontotecnico NdR) e delle altre professioni sanitarie per le quali è richiesto il possesso della laurea (per esempio le attività odontoiatriche ed anche quelle tipiche della professione di igienista dentale NdR)”.

E sulle parole divieto di “intervenire direttamente” potrebbero nascere dei dubbi interpretativi ammentate il Segretario Magenga che anticipa ad Odontoaitria33 che il sindacato inoltrerà al più presto una richiesta di chiarimenti al Ministero della Salute. 

Oltre ad assistere l’odontoiatra, l’ASO ha mansioni di accoglienza della persona assistita, dell’allestimento degli spazi operativi e del trattamento della documentazione clinica e amministrativo contabile.

Queste nello specifico le attività individuate dal Decreto per le varie specifiche.

  • Allestimento spazi e strumentazioni di trattamento odontoiatrico: sanifica e sterilizza i diversi ambienti di lavoro; prepara l’area di intervento clinico, la decontamina, la disinfetta e la riordina; esegue il controllo e lo stoccaggio dei materiali dentali, dello strumentario e delle attrezzature; raccoglie ed esegue stoccaggio e lo smaltimento rifiuti sanitari differenziati.
  • Accoglienza persona assistita: accoglie la persona assistiti nello studio; raccoglie i dati anagrafici e personali al fine di completare il documento contenente l’anamnesi della persona assistita; assiste la persona prima, durante e dopo i trattamenti; cura i rapporti con i professionisti e gli altri operatori dello studio; cura i rapporti con i consulenti e i collaboratori esterni.
  • Trattamento documentazione clinica e amministrativo contabile: gestisce le procedure amministrative di accoglienza e dimissione della persona assistita; gestisce le prenotazioni e il calendario degli appuntamenti; gestisce lo schedario delle persone assistite; gestisce la documentazione clinica e il materiale radiografico e iconografico delle persone assistite; gestisce i rapporti con i fornitori, gli agenti di commercio, gli informatori scientifici, i consulenti e i collaboratori esterni; gestisce il magazzino e la cassa.

Articoli correlati

Prima di vedere applicate le modifiche si dovrà attende l’approvazione in Consiglio dei Ministri e poi la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale


Penultimo passaggio necessario prima dell’approvazione definitiva del nuovo profilo che dovrebbe rimediare a tutte quelle criticità emerse in questi tre anni di applicazione 


Magenga (SIASO): il Contratto Collettivo Nazionale Studi Professionali è estremamente chiaro, lo stipendio deve essere corrisposto anche se lo studio è chiuso


Il Segretario SIASO Fulvia Magenga precisa: l’art. 348 del codice penale tutela tutti i soggetti titolari di una specifica abilitazione, quindi anche gli ASO


Come deve comportarsi il titolare dello studio nei confronti di ASO, collaboratori ma anche fornitori ed altri soggetti che accedono allo studio?


Altri Articoli

La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


Elite Computer Italia, una delle aziende leader nello sviluppo di software e servizi informatici per il settore dentale, parte di Henry Schein One, presenta le ultime soluzioni nel...


Riguarda il Webinar con Daniele Cardaropoli per approfondire e confrontarsi sulle più attuali in tema di chirurgia parodontale.


Più sicuro se abbinato ad una registrazione analogica. L’esperienza di Costanza Micarelli: la tecnologia è un enorme aiuto ma solo se abbinata ad esperienza e conoscenze del clinico e del tecnico


Il Decreto-Legge 21 settembre 2021, n. 127  (DL Green Pass Lavoro) recante Misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio