HOME - Approfondimenti
 
 
19 Aprile 2018

Profilo dell’odontotecnico. ANDI: finalmente si parla di ruolo e non di mansioni in studio

Prada a Federodontotecnica: disponibile al dialogo


Gentile direttore 

Le chiedo spazio per commentare la posizione di Federodontotecnica in merito al profilo dell’odontotecnico che ho letto su Odontoiatria33. Sono contento che per una volta si riesca a cogliere il senso della questione: il futuro ruolo dell’odontotecnico nel Team odontoiatrico. Da sempre parlare di profilo dell’odontotecnico diventa motivo di scontro tra i Sindacati odontoiatrici e quelli odontotecnici, ma la vera quesitone è quella che da tempo ANDI pone e che leggo, con piacere, ora sia condivisa anche dal sig. Vito Lombardi, presidente della neonata associazione odontotecnica, che non ho ancora avuto il piacere di conoscere e mi attiverò al più presto per farlo. La vera questione è quali debbano essere le competenze dell’odontotecnico per migliorare la salute dei nostri pazienti.  

Chiunque non può che essere d’accordo che una professione regolamentata da una legge del 1928 vada rivista, ma quel profilo vecchio di cento anni penalizza l’odontotecnico non certo perché gli impedisce di effettuare manovre cruente ed incruente nella bocca del paziente, bensì perché non lo tutela di fronte alle nuove realtà, in un mercato che si è evoluto ed ampliato, diventando globale. 

Al tempo del Regio decreto le corone erano stampate adattando un disco di metallo con un martello, ora vengono progettate al computer e realizzate da una stampante

Migliaia di dentisti e migliaia di odontotecnici giornalmente collaborano secondo le proprie competenze per riabilitare i pazienti. E lo fanno rispettando le regole, con professionalità. Con i mezzi di comunicazione attuali anche la questione di analizzare insieme le caratterizzazioni di un dente non può più essere considerata una scusa plausibile affinché l’odontotecnico chieda di essere “professione sanitaria”.  

Ma quanti sono gli odontotecnici che vorrebbe andare in studio per ottimizzare ogni lavoro che consegnano all’odontoiatra? Senza neppure avere la certezza di essere pagati per questo.  

Certo essere legittimato a farlo farebbe comodo a chi non opera correttamente: all’odontotecnico titolare di Srl con annesso il “fido” complice prestanome, che si vedrebbe giustificare le manovre abusive che pratica in bocca degli ignari pazienti, e farebbe comodo al dentista prestanome che mentre il tecnico “ottimizza” al posto suo fa altro.  

All’odontotecnico oggi serve, come giustamente ammette il presidente di Federodontotecnica, un percorso di studi che lo prepari alle vere sfide del futuro, all’uso delle nuove tecnologie e dei nuovi materiali e non certo spacciarsi per un piccolo dottore-dentista di serie “D”. 

ANDI vuole collaborare a rafforzare la figura dell’odontotecnico fabbricante di dispositivi protesici prescritti dall’odontoiatra, vuole tutelare la legalità e contrastare la possibilità che alcuni dentisti senza scrupoli si facciano realizzare protesi in Cina, senza i necessari controlli e garanzie per il paziente.

Chi invece immagina o vuole fare altro troverà in questa ANDI un duro oppositore. 

Dott. Gianfranco Prada Presidente Nazionale ANDI

Articoli correlati

Dal presidente ANTLO Mauro Marin le previsioni per il futuro della professione che è a rischio sopravvivenza a seconda delle scelte che verranno o non verranno prese


Il presidente di Federodontotecnica interviene sul tema, ma prende le distanze da ANDI


Prada al GTO: ‘’la questione non è neppure da prendere in considerazione’’


Ritengo necessario intervenire su alcune affermazioni dell'intervista ai due dirigenti AIOP in merito alla questione "prove di congruità e ottimizzazione dentro o fuori del cavo orale".Mi...


Un Ordine non deve essere sindacalizzato. La denuncia è stata lanciata dalla presidente uscente della FNOMCeO Roberta Chersevani alla vigilia delle elezioni per il rinnovo del gruppo...


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni