HOME - Approfondimenti
 
 
27 Aprile 2018

Il Consiglio Nazionale Forense ammette la pubblicità delle tariffe

Ma non devono essere particolarmente basse, altrimenti è illegittima


La pubblicità, degli avvocati, può riguardare anche le tariffe praticate a patto che il compenso pubblicizzato sia congruo e proporzionato all’impegno qualitativo e quantitativo svolto.A sostenerlo è una recente sentenzadel Consiglio Nazionale Forense, chiamato a giudicare un ricorso di alcuni avvocati sanzionati per aver pubblicizzato le proprie tariffe professionali, che sdogana la pubblicità dei costi dei compensi nel Codice Deontologico, ma con precise limitazioni. 

Secondo quanto stabilito, ed anche in riferimento a quanto imposto dalla Bersani, “non può (più) considerarsi contrario al decoro ed alla correttezza un messaggio pubblicitario che contenga tutti gli elementi richiesti dalla norma deontologica e che solo enfatizzi quello del corrispettivo che, tra l’altro, come noto, costituisce un elemento contrattuale di interesse primario per il cliente e, quindi, un elemento fondamentale per un’informazione pubblicitaria professionale corretta e completa”. 

Se, quindi, non è più contrario al decoro professionale pubblicizzare il proprio tariffario, promuovere tariffe particolarmente “basse” rimane un aspetto “deontologicamente riprovevole”.

Infatti, attraverso un’altra sentenza (numero 244/2017), sempre il Consiglio Nazionale Forense ha ribadito “la illiceità dell’accettazione di compensi irrisori, forma di accaparramento di clientela e dunque illegittima”. 

Decisioni decisamente importanti per indicare un modo di intendere la pubblicità per le libere professioni, che saranno sicuramente da analizzare nel dibattito sempre aperto nel settore odontoiatrico in tema di pubblicità. Da considerare, però, che per gli avvocati, a differenza dei medici e odontoiatri, il Ministero della Giustizia aggiorna periodicamente i parametri per il calcolo del compenso per le attività da loro svolte, il decreto con l’ultimo aggiornamento è stato pubblicato proprio oggi in Gazzetta Ufficiale. 

Articoli correlati

Il Consiglio dell’Ordine ha dato mandato ad un pool di avvocati guidato dal presidente Catricalà per sostenere le limitazioni in tema di pubblicità commerciali in sanità


Richiesto al Ministero della Salute un report con tutti i procedimenti attivati dai vari ordini delle professioni sanitarie, odontoiatri inclusi, per violazione dell’art. 525 della 145/18


Óscar Castro ha incontrato i rappresentanti di diversi partiti politici spagnoli affrontando questi due temi di grande importanza


Il commento dell’avvocato Silvia Stefanelli alla sentenza del TAR che impone all’Ordine di consentire l’accesso agli atti delle sentenze disciplinari


Tra gli articoli e approfondimenti che non riscuotono grande interesse dei lettori (pochi click), ci sono quelli deontologici ed etici. Ammetto, anche io “raccolgo” con poco...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Partendo da una ricerca italiana il prof. Gagliani pone alcune riflessioni sul ruolo centrale dell’odontoiatra nel “monitoraggio della salute del cittadino e quello della...

di Massimo Gagliani


Il presidente Filippo Anelli: vaccinare subito contro il Covid-19 tutti i medici libero professionisti e soprattutto anche gli odontoiatri


Una riforma da sempre richiesta dal settore odontoiatrico per evitare le attuali differenti regole normative tra Regioni su temi come autorizzazioni sanitarie e ASO


Sono giovani, prevalentemente donne che esercitano al Nord. Lombardia, Lazio, Veneto le regioni con il maggior numero di iscritti


In Europa si fa strada l'idea di un certificato europeo, una sorta di passaporto dei vaccini, per tornare a viaggiare nei prossimi mesi 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta