HOME - Approfondimenti
 
 
11 Giugno 2018

La privacy spiegata al dentista, per tutelare sia lui che il suo paziente

Il professore della Luiss: prima si deve capire per poi applicare senza farsi prendere dal panico


Consapevolezza è la parola d’ordine che il prof. Gianluigi Ciacci (nella foto) –docente alla Luiss di Roma- ha voluto lanciare parlando della normativa europea sulla privacy ai presidenti CAO, riuniti a Roma lo scorso fine settimana per l’Assemblea Nazionale.  

E la seconda è stata: “no panico”

Una relazione molto chiara che ha cercato di fare capire la vera rivoluzione del Regolamento europeo: non si deve cercare di realizzare il modulo da fare firmare ma capire come fare a tutelare la privacy del vostro paziente e quando è necessario farlo, ha suggerito. 

E per spiegare le logiche ed i meccanismi, il prof. Ciacci ha cominciato a parlare di privacy non dal punto di vista degli adempimenti per lo studio odontoiatrico, ma dal punto di vista del cittadino, del perché è utile che venga rispettato il regolamento. E per farlo ha descritto alcune “conseguenze” pratiche, anche per i dentisti in versione cittadini, che una non tutela può creare. 

Parte finale dell’intervento, poi, l’applicazione nello studio odontoiatrico con alcune risposte su Dpo, registro, informativa etc. Sotto la videoregistrazione dell’intero intervento. 


Articoli correlati

Il dato sanitario (rinuncia alla vaccinazione) può essere trattato dall’Ordine senza consenso dell’iscritto? Il presidente Sanvenero scrive al Garante della Privacy 


L’avvocato Montaldo: attenzione all’utilizzo che se ne fa. La fotografia è anche un dato personale e, nel caso in specifico, un dato sanitario


Può invece imporre l’utilizzo dei sistemi di protezione. L’Autority interviene anche sulla possibilità di verificare se il dipendente si è sottoposto a vaccinazione oppure si è rifiutato


Utilizzare strumenti di telemedicina per “visitare” a distanza i propri pazienti può costituire una violazione della privacy, servono ulteriori consensi? Il parere del Garante 


Nessun problema di privacy per il triage effettuato prima della visita. Nel caso di un paziente con sintomi, allo studio non spetterebe il compito di comunicarlo ad Enti preposti alla salute pubblica


Altri Articoli

Il prof. Gagliani pone l'attenzione su di una ricerca che evidenza come la scienza dei materiali e l’intelligenza artificiale possa contribuire a rendere l’ambiente poco ospitale per i virus

di Massimo Gagliani


Che fosse nato male il D.L. 44/21 lo avevo già sottolineato nello scorso DiDomenica, ma non avrei immaginato che venisse sconfessato dopo neppure una settimana dalla sua...

di Norberto Maccagno


In attesa del Decreto con modalità operative, l’ENPAM ha dato il via libera alla procedura online per individuare i medici e gli odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero 


Si avvicina (nuovamente) la scadenza che obbligherà gli studi ad avere solo ASO qualificati. Ecco gli scenari per i già assunti, chi potrà essere assunto fino al 20 aprile e chi dopo


Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiali i Decreti firmati dal Ministro della Salute Roberto Speranza attraverso i quali assegna le deleghe al sottosegretario alla...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente