HOME - Approfondimenti
 
 
02 Luglio 2018

Amalgama dentale: da oggi i dentisti UE si allineano ai colleghi italiani

Ma i veri obblighi scattano a gennaio, ancora aperta la questione separatori d’amalgama

Norberto Maccagno

Ieri primo luglio è entrato in vigore il primo tassello del regolamento UE sull’utilizzo dell’amalgama dentale, in realtà il regolamento riguarda la gestione dei rifiuti di mercurio in funzione della tutela dell’ambiente. 

Ad interessare il settore odontoiatrico è l’articolo 10 che dal primo luglio 2018 obbliga i dentisti europei a non utilizzare otturazioni in amalgama per i denti decidui, sui ragazzi con meno di 15 anni e nelle donne in gravidanza o nel periodo di allattamento, sempre che il dentista non lo ritenga necessario per esigenze cliniche.  

Attenzioni che i dentisti italiani devono rispettare da almeno 15 anni, visto che un decreto del Ministro della Salute Girolamo Sirchia imponeva già queste indicazioni, oltre al divieto di utilizzare l’amalgama dentale in forma diversa da quella incapsulata predosata.

Quest’ultimo obbligo, già in vigore per gli italiani, diventerà operativo per i dentisti UE solo dal gennaio 2019. Sempre il decreto italiano indica che  non è possibile posizionare l'amalgama dentale in vicinanza di altri restauri metallici, al fine di evitare rischi di corrosione; evitare per prudenza la posa e la rimozione dell'amalgama in pazienti con allergia per l'amalgama, gravidanza, allattamento, bambini sotto i sei anni d'età, pazienti con gravi nefropatie; in caso di sopravvenute reazioni locali, in particolare di lesioni lichenoidi in vicinanza di un amalgama, o nei casi, sicuramente accertati, di allergia a tale materiale, è indicata la rimozione dell'otturazione.  

Obbligo dei separatori di amalgama 

I veri adempimenti, per i dentisti italiani, nasceranno il 1 gennaio 2019 (il regolamento europeo entra in vigore senza che gli stati membri lo ratifichino) quando dovranno garantire che il proprio studio sia dotato di separatori di amalgama per trattenere e raccogliere le particelle di amalgama (per almeno il 95%), incluse quelle contenute nell'acqua usata. Il regolamento indica che questo ausilio per prevenire l’inquinamento da mercurio deve essere adottato dagli studi che effettuano otturazioni in amalgama, la rimuovano, estraggono denti con otturazioni in amalgama.

Non viene indicato se l’ausilio deve essere montato su ogni riunito dello studio o, come avevano chiesto le associazioni odontoiatriche anche a livello europeo, solo su quello dove si “lavora” l’amalgama. Entro il primo luglio 2018 ogni Stato membro, attraverso i rispettivi Ministeri della Salute, avrebbe dovuto definire un piano nazionale con le misure che intende attuare al fine di eliminare gradualmente l'utilizzo dell'amalgama dentale.

Non ci risulta che l’Italia l’abbia ancora predisposto.  Nel piano potrebbero, però, anche essere inserite tutte quelle indicazioni necessarie per rendere meno onerosa allo studio odontoiatrico l’applicazione del regolamento.  

La palla passa, quindi, alle Associazioni di categoria ed anche all’Ordine che in meno di sei mesi dovranno riuscire a sensibilizzare il Ministero, anche attraverso il Gruppo Tecnico dell’Odontoiatria, e cercare un compromesso che da una parte offra tutte quelle garanzie per cui il regolamento stesso è nato –tutela dell’ambiente- e dall’altro non penalizzi eccessivamente i dentisti italiani.  


Sull’argomento leggi anche:           

19 Dicembre 2016: Amalgama dentale tossica o non tossica. Il punto dalla letteratura scientifica   

05 Aprile 2017: Amalgama dentale, il Ministero intende realizzare linee guida specifiche. Ad elaborarle una commissione ad hoc 

12 Febbraio 2018: Amalgama dentale e regolamento UE. Ad un anno e mezzo dagli obblighi la palla passa agli Stati membri per individuare l'applicazione  

Articoli correlati

Nonostante il “vento del cambiamento” che ha interessato il Governo del nostro Paese, ed anche quello odontoiatrico, in questo mese di agosto il settore dentale si è trovato nuovamente a...


"Se non fossimo intervenuti l'amalgama dentale sarebbe stata bandita in brevissimo tempo e gli adempimenti a carico degli studi odontoiatrici sarebbero stati molto più pesanti e...


L'amalgama dentale si potrà ancora utilizzare ma con delle accortezze legate prevalentemente al suo smaltimento, fatte salve le indicazioni già emanate dal Ministero della Salute. E'...


Nel 2012 il COEN Group della Commissione Europea, che  assieme al Medical Devices Experts Group si occupa di dispositivi medici, ha elaborato un questionario con il fine di analizzare gli...


Nel febbraio del 2009 l'Agenzia delle Nazioni Unite per l'Ambiente con la risoluzione 25/5 istituiva un Comitato Negoziale Intergovernativo per la stesura  di un trattato giuridicamente...


Altri Articoli

La domanda lanciata nell’Agorà del Lunedì di oggi è: ci sono denti rotti da riparare più del solito? Ma prima di rispondere dovete leggere le considerazioni del prof. Gagliani


SIdP: curare l’infiammazione delle gengive fa abbassare fino al 30% e per almeno 6 mesi i principali fattori di rischio cardiovascolare ma con un buon controllo della placca batterica è...


Paglia: la prevenzione della salute orale deve prevedere un approccio materno-infantile, migliorare il benessere di madri, neonati e bambini è la chiave per la salute della prossima generazione


Quale è il valore della sentenza del consiglio di Stato e quali le implicazioni pratiche sulle due professioni? Il parere dell’avvocato Giungato


Bando della Foundation Nakao for Worldwide Oral Health: obiettivo l’assegnazione di finanziamenti per la ricerca. Candidature fino all’11 dicembre 2020


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio