HOME - Approfondimenti
 
 
04 Luglio 2018

Attività ASO sul paziente: il Ministero chiarisce

Dopo i dubbi, le precisazioni sulle mansioni “dirette” sul paziente

Nor. Mac.

Ma il nuovo profilo consente all’ASO di effettuare l’assistenza necessaria all’odontoiatra anche nel cavo orale? I dubbi erano nati leggendo il testo del nuovo profilo in particolare all’articolo 1 comma 2 dove viene indicato che "è fatto assoluto divieto all'assistente di studio odontoiatrico di intervenire direttamente sul paziente anche in presenza dell'odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore".  

Un testo che secondo molti, dando una rigida interpretazione, avrebbe potuto vedere l’ASO che assiste il dentista nel suo operato, denunciata per esercizio abusivo della professione ed il titolare di studio per concorso, con le conseguenze derivanti dalla Legge Lorenzin. A chiedere chiarimenti al Ministero della Salute era stata la CAO Nazionale (anche il SIASO aveva inviato una nota) chiedendo un parere esplicativo. 

Ministero che prima di esprimersi ha consultato il Consiglio Superiore di Sanità che nella riunione del 12 giugno scorso così si è espresso: 

“In particolare, nel dispositivo del parere, il periodo "che si faccia assoluto divieto all'istituenda figura professionale di intervenire direttamente sul paziente anche in presenza del medico" va interpretata come " ... assoluto divieto, all'istituenda figura professionale di eseguire procedure invasive sul paziente, anche in presenza del medico". 

Ministero della salute che ha fatto proprio il parere del CSS e con una nota inviata alla CAO nazionale il 3 luglio scorso, lo ha ufficializzato. 

“Un parere in linea con quanto come CAO avevamo evidenziato”, commenta ad Odontoiatria33 il presidente CAO nazionale Raffaele Iandolo (nella foto). “L’ASO deve poter assistere l’odontoiatra nelle attività proprie della attività clinica del professionista abilitato, ma non si può tollerare che la norma potesse fornire scappatoie a chi vuole invadere ambito professionali di altri. Ritengo che il parere chiarisca ogni dubbio”.   


Sull’argomento leggi anche: 

27 Aprile 2018: Fino a dove l’ASO può intervenire sul paziente 

04 Maggio 2018: La CAO al Ministero: serve un chiarimento sul profilo dell’ASO 

Articoli correlati

Prima di vedere applicate le modifiche si dovrà attende l’approvazione in Consiglio dei Ministri e poi la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale


Penultimo passaggio necessario prima dell’approvazione definitiva del nuovo profilo che dovrebbe rimediare a tutte quelle criticità emerse in questi tre anni di applicazione 


Magenga (SIASO): il Contratto Collettivo Nazionale Studi Professionali è estremamente chiaro, lo stipendio deve essere corrisposto anche se lo studio è chiuso


Il Segretario SIASO Fulvia Magenga precisa: l’art. 348 del codice penale tutela tutti i soggetti titolari di una specifica abilitazione, quindi anche gli ASO


Come deve comportarsi il titolare dello studio nei confronti di ASO, collaboratori ma anche fornitori ed altri soggetti che accedono allo studio?


Altri Articoli

La scorsa settimana, la Camera ha approvato la proposta di legge sull’equo compenso modificando quanto già previsto con la legge del 2017 (nata solo per gli avvocati) successivamente...

di Norberto Maccagno


Marco Veneziani

Con l’autore approfondiamo le tematiche trattate nel suo ultimo lavoro: nei due volumi vengono esaminate tutte le possibili soluzioni alle molteplici problematiche cliniche...


Elaborate da SidP e validate dall’Istituto Superiore di Sanità diventano le uniche da rispettare in tema di “Trattamento della parodontite di stadio I-III”


Il Tg satirico di Canale 5 smaschera l’illecito e spiega chi può effettuare lo sbancamento dentale. Le congratulazioni all’inviata di AIDIPro


Ancora qualche giorno per presentare la domanda per poter richiedere l’esonero parziale. Le domande direttamente dal sito ENPAM


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio