HOME - Approfondimenti
 
 
02 Ottobre 2018

Università, i più preparati scelgono medicina

Pubblicata oggi la graduatoria, tra i primi mille solo 25 studenti hanno scelto odontoiatria

Norberto Maccagno

Mentre si discute sulla necessità di rivedere le modalità di accesso ai corsi di laurea in medicina ed odontoiatria oggi 2 ottobre, sul sito www.accessoprogrammato.miur.it, gli studenti che hanno effettuato il test possono vedere la loro posizione nella graduatoria unica. 

Rispetto ai 67.005 studenti che si erano iscritti, sono stati 59.743 coloro che hanno sostenuto il test per tentare di entrare tra i 9.779 posti disponibili per medicina e i 1.096 per odontoiatria. 


Ad entrare in graduatoria, superando la soglia dei 20 punti, sono stati 40.317 studenti

Il punteggio più alto è stato 84,30, ottenuto da uno studente che ha scelto di iscriversi a medicina a Verona, il secondo ha totalizzato 84 (entra a medicina a Brescia), il terzo (82,80) entrato a medicina a Torino. 

Per trovare il primo candidato ad aver scelto la facoltà di odontoiatria bisogna scendere alla posizione numero 46 dove si trova uno studente di Padova che ha totalizzato 74,80 punti. Il secondo ed il terzo si sono classificati rispettivamente alla postazione numero 52 e 53 entrambi totalizzando 74,2 punti e scegliendo la facoltà di Catania. In totale sono 7 gli studenti che hanno scelto odontoiatria tra i primi 100 classificati, di questi 6 hanno scelto la facoltà di Catania. Un solo studente ambisce a diventare dentista tra i successivi 100 (iscritto a Torino).  

Tra i primi mille sono 25 gli studenti che hanno scelto la facoltà di odontoiatria.  

In questa prima graduatoria gli ultimi posti assegnati ad odontoiatria hanno totalizzato circa 43,50 punti classificandosi sotto il posto numero 9.500.

Secondo Test Busters, per odontoiatria possono “sperare” negli scorrimenti coloro che si sono classificati non dopo la posizione 12mila

Sempre Test Busters ricorda che gli studenti a cui è stato “assegnato” il posto hanno 4 giorni di tempo per immatricolarsi, pena la decadenza. Chi invece è “prenotato” potrà immatricolarsi oppure aspettare (confermano nella sua area riservata del sito) l’interesse a rimanere in graduatoria senza perdere quel posto e sperare che qualche posto “migliore” si liberi.

Chi invece è in “attesa” o “fine posti” non dovrà fare altro che aspettare che si liberi un posto.

Articoli correlati

Per il prof. Gagliani per evitare che sia un inutile privilegio si deve rimodulare e calibrare l’insegnamento alle trasformazioni che il mondo del lavoro odontoiatrico sta vivendo

di Massimo Gagliani


Il Ministero ha indicato le date di svolgimento dei test d’ingresso alle facoltà con numero programmato. Ecco il quadro completo, compresi gli atenei privati


Confermate le anticipazioni: circa cento posti in più rispetto allo scorso anno. Aumenta anche il numero degli atenei che salgono a 37  


Nisio: serve una programmazione su almeno 5 anni che tenga conto anche delle lauree estere e si deve rivedere il numero degli atenei italiani


Iandolo: numeri che non tengono conto della reale situazione e rischiano di creare nei prossimi anni un numero importante di disoccupati


Altri Articoli

La Regione conferma vaccinazione per tutti gli operatori sanitari e di interesse sanitario. Per i non iscritti all’Ordine la prenotazione deve essere fatta singolarmente


Il primo impegno del nuovo presidente sarà il XIII Meeting Mediterraneo AIOP dal 15 al 17 aprile in modalità virtuale


Ricerca UniSalute: tra le preoccupazioni degli italiani i costi delle cure dentistiche. Un terzo di chi acquisterebbe una polizza sanitaria chiede che contemplino anche le cure odontoiatriche


Corretta prescrizione ed utilizzo degli antibiotici in odontoiatria. Questi i consigli del prof. Roberto Mattina


Sinergia Associazione Italiana Odontoiatri-Tokuyama: i soci riceveranno un "Welcome kit" fino al 30 aprile


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente