HOME - Approfondimenti
 
 
02 Ottobre 2018

Numero programmato, AIO: rivedere criteri ammissione a corsi odontoiatria

Fiorile: serve adottare un sistema di verifica della qualità formativa europeo


“Guardiamo con interesse alla proposta del Ministro della Salute di rivedere l’attuale numero programmato a Medicina ed Odontoiatria: un’idea che come AIO abbiamo proposto quattro anni fa quando molti studenti italiani, magari non avendo superato test d’ammissione spesso lontani dalla realtà, ricorrevano al Tar e vincevano, o si iscrivevano ad atenei stranieri e, a fine corso o a metà, tornavano a casa. Siamo contenti che il mondo politico stia facendo sue alcune nostre riflessioni”. 

Fausto Fiorile (nella foto) commenta le frasi del Ministro Giulia Grillo che su Facebook posta l’intenzione del Governo di tornare indietro sul numero programmato e di fare del primo anno di università il vero banco di selezione come avviene in Francia

“Nel Congresso di quattro anni fa –ricorda Fiorile – noi ci ponemmo varie domande: i test d’ammissione tengono conto della vocazione dello studente? il numero programmato è aggirabile o no? Il rispetto delle esigenze d’accoglienza degli atenei sta davvero rendendo più competitivi i nostri corsi di laurea? Trentaquattro corsi sparsi per l’Italia, alcuni con pochissimi iscritti, formano i futuri dentisti tutti con la stessa qualità? A margine abbiamo lanciato una provocazione: se le porte dell’ateneo si riaprono, e la pletora odontoiatrica non si riassorbe perché i laureati tornano dall’estero, la selezione forse non è efficace. Oggi giungono le parole di Grillo, a testimoniare che AIO aveva e ha colto nel segno”.  

Fiorile ricorda come anche la Federazione degli Ordini stia aprendo a una revisione del modello, senza dimenticare che per Medicina e Odontoiatria ci sono sfumature diverse: per la medicina la priorità oggi è introdurre nel Servizio sanitario più laureati, a valle del corso di laurea, per sopperire ai tanti pensionamenti mentre in odontoiatria solo una piccola parte di laureati è destinata alla specialità e al SSN.  

“Come Associazione Odontoiatrica riteniamo giunto il momento di allargare la nostra riflessione alle altre forze della professione: CAO Nazionale, Sindacati e Docenti degli Atenei. Quanto alla soluzione indicata dal Ministro, il modello francese - dice Fiorile – indica la bontà del ragionamento di AIO quando l’avevamo posta come possibile soluzione. Al momento non diamo un endorsement a questa o quella alternativa, ma appoggiamo un dibattito per riformare un criterio di ammissione ai corsi universitari oggi non più idoneo”.  

Altra proposta, “siccome il giovane che oggi fruisce di una scelta formativa ne beneficia o ne paga le conseguenze a sei anni di distanza, a valle di qualsiasi cambio o conferma di modello formativo riproponiamo a chi ci vorrà accompagnare in questo dialogo con le forze politiche la richiesta di adottare un sistema di verifica della qualità formativa europeo, vero strumento per giudicare se una scelta formativa è buona o da rivedere”.

Articoli correlati

Per il prof. Gagliani per evitare che sia un inutile privilegio si deve rimodulare e calibrare l’insegnamento alle trasformazioni che il mondo del lavoro odontoiatrico sta vivendo

di Massimo Gagliani


Il Ministero ha indicato le date di svolgimento dei test d’ingresso alle facoltà con numero programmato. Ecco il quadro completo, compresi gli atenei privati


Confermate le anticipazioni: circa cento posti in più rispetto allo scorso anno. Aumenta anche il numero degli atenei che salgono a 37  


Nisio: serve una programmazione su almeno 5 anni che tenga conto anche delle lauree estere e si deve rivedere il numero degli atenei italiani


Iandolo: numeri che non tengono conto della reale situazione e rischiano di creare nei prossimi anni un numero importante di disoccupati


Altri Articoli

Acquistare dispositivi di protezione individuale e prodotti monouso in modo semplice e a prezzi concorrenziali


Poca letteratura si occupa dell’efficacia dei metodi di comunicazione in questo settore, sottolinea il prof. GaglianiIndicando come diafano l’atteggiamento che il dentista generico ha nei...

di Massimo Gagliani


Il bonus pubblicità 2021 sarà concesso nella misura unica del 50% degli investimenti pubblicitari effettuati al netto delle risorse disponibili. Entro fine mese le domande


Più di 100.000 adulti metteranno l’apparecchio nel 2021 ed è un vero boom di allineatori trasparenti,con una spesa di oltre 300 milioni, secondo le stime Key-Stone


La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio