HOME - Approfondimenti
 
 
30 Ottobre 2018

Servizio di Report, la posizione delle società aderenti ANTAMOP. ‘’Serve un tavolo per condividere una soluzione non lo scontro’’


La puntata di Report di ieri sera mostra i danni della mancata regolamentazione di certe pratiche. Diciamolo subito, onde evitare malintesi. Se liberalizzare significa concedere a gruppi finanziari ed economici di dubbia provenienza, i cui veri titolari sono nascosti da catene di scatole cinesi di cui si perde il conto, o addirittura con capitali di provenienza dubbia o illecita, deve essere chiaro che non si tratta di un obiettivo condivisibile e da noi condiviso. 

A maggior ragione se l’unico obiettivo è quello di realizzare utili (quanto più spesso, minori perdite) ottenuti risparmiando sui materiali, forzando i protocolli, sfruttando lavoratori e collaboratori e facendo overtreatment. Inseguendo reali obiettivi (cross selling, acquisizione di dati sensibili, dumping) che con la salute hanno nulla a che vedere. Il servizio di Report si è scagliato contro le catene in genere o quanto meno questo è stata la percezione. Di catene ce ne sono tante, e non sono neanche tutte uguali. Ce ne sono persino in mano a titolari dentisti e nessuno ci ha mai fornito la prova che questo sia sufficiente a scongiurare il rischio di certe condotte. 

Certo, se i "bravi dentisti" che dovevano revisionare i piani di cura in presunto overtreatment dei pazienti civetta presso le catene prescelte fossero state due persone diverse da due importanti esponenti dell’AIO, sarebbe stato meglio e magari tutta la faccenda avrebbe avuto maggiore credibilità.In questo modo si è fornito un formidabile assist agli uffici legali delle catene per mettere in dubbio la veridicità dell’assunto. Ma questi, a ben vedere, sono dettagli. Che in molti centri appartenenti alle catene si faccia overtreatment – e che identica cosa si faccia anche in alcuni studi dentistici con tanto di Giuramento di Ippocrate ben incorniciato e appeso – è una ovvietà che non doveva certamente essere Report a ricordarci. 

La realtà è molto semplice. Si poteva evitare di arrivare a tanto. Chi segue da molto tempo la posizione di Antamop sa di cosa stiamo parlando.

Ma riepiloghiamo la faccenda: noi abbiamo partecipato alla battaglia delle liberalizzazioni e dalla parte opposta a quella dei Sindacati odontoiatrici e dell’Ordine. Allora come oggi, non si parlava di estromettere dal settore questi signori, ma tutte le strutture di capitale, comprese quelle in mano ai dentisti: il motivo, al di là delle chiacchere e delle motivazioni di facciata, è stato sempre e solo uno: impedire ai dentisti di usufruire di uno strumento di esercizio che avrebbe annacquato il controllo da parte degli Ordini e delle Associazioni in primis. E solo in second’ordine, quello di buttare fuori gli imprenditori dal mercato odontoiatrico. Deve essere per questo – oltre che per gli innegabili vantaggi che le strutture di capitale offrono – che molti degli alti esponenti delle stesse associazioni che combattono, lancia in resta, le srl cattive, sono a loro volta titolari di ambulatori organizzati proprio sotto forma di srl. 

Quale credibilità potranno mai avere questi signori nei confronti della categoria e delle istituzioni? Ovviamente assai scarsa. 

Che questa sia sempre stata la realtà è dimostrato da una serie di fatti emblematici ed indiscutibili: tutte le volte che noi abbiamo proposto un tavolo comune è stato sempre rifiutato: chiedevamo di concordare un testo di legge speciale per la pubblicità sanitaria. Chiedevamo di richiedere alla politica un sistema ben più stringente di verifiche e controlli, fino al punto di sospendere le autorizzazioni nei casi più gravi. Questi tavoli non ci sono mai stati, non dico con noi, ma con nessun altro.

La “politica” è sempre stata quella di trovare un capro espiatorio per capitalizzarlo a fini elettorali. Null’altro. Chiacchere e distintivo o battaglie antistoriche, come quelle contro tutte le srl nel DDL Concorrenza, contro tutta la pubblicità sanitaria, per la reintroduzione di un controllo preventivo sulla pubblicità che è di fatto inattuabile. 

Allora come oggi le “idee” sono sempre le stesse e – lo dico con tristezza – identici saranno gli esiti. L’imprenditoria in sanità può essere un valore aggiunto: sia che si tratti di imprenditoria medica che non.

Chi ci mette la faccia e agisce alla luce del sole e in modalità virtuose deve avere il diritto di continuare a lavorare senza dover subire queste continue ondate di fango su tutto il comparto.

Sarò franco: non ho davvero alcuna fiducia che i soliti lo capiscano: come al solito la srl buona è sempre e solo la loro e l’unica politica è quella di impedire di farla agli altri. Ma so già che per le stesse ragioni sono condannati a restare sostanzialmente ininfluenti: ancora una volta, non sarà certo per merito loro che accadrà qualcosa e persino qualcosa di buono nella vita reale.

Quanto a quella virtuale, lasciamo pure che si raccontino tra loro la loro verità.La gran parte del settore e persino dei dentisti la verità la conosce già e la conosce benissimo. 

A cura di: Pietro Paolo Mastinu, Direttivo Antamop

Articoli correlati

La Comisión Nacional de los Mercados y la Competencia (CNMC), una sorta della nostra AGCM, ha aperto un'azione disciplinare contro il Consejo General de Dentistas ed il  Colegio de...


I.denticoop, la cooperativa di dentisti nata nel 2013 entra nel gruppo DentalPro che ne ha acquisito la maggioranza della nuova Srl, in cui entrano anche Coop Alleanza...


Striscia la Notizia torna sulla vicenda IdeaSorriso ed i problemi nati dalla chiusura di alcuni centri che hanno lasciato senza cure pazienti che avevano attivato finanziamenti o dato...


Lo chiamano Disease mongering: vendere, anziché farmaci o terapie, malattie inesistenti o gonfiate per pericolosità. Una pratica che dilaga quando, anziché obiettivi di salute, si privilegiano...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi