HOME - Approfondimenti
 
 
12 Novembre 2018

Appello alla politica sulla sanità integrativa. Iandolo (Cao): ''Tra terzi paganti e terzi lucranti, a rimetterci è il paziente’’

Nor. Mac.

Dopo aver evidenziato i rischi di “sovradiagnosi, radiografie inutili, trattamenti inappropriati venduti al cliente/paziente solo per  'far cassa' in centri odontoiatrici appartenenti a 'catene' o franchising”, il presidente della CAO Nazionale Raffale Iandolo (nella foto) punta il dito contro i fondi integrativi che definisce “terzi paganti e terzi lucranti” che incentiverebbero “cure al risparmio” e per le quali “ad avere l’ultima parola sui materiali da utilizzare e sulle prestazioni da erogare non è l’odontoiatra, ma una compagnia di assicurazioni”.  

“È il caso dei fondi sanitari, che sempre più spesso stipulano convenzioni con studi odontoiatrici per erogare anche tali cure ai loro assistiti, salvo pretendere poi di avere voce in capitolo anche su questioni di natura professionale, come appunto le decisioni diagnostico terapeutiche, e persino deontologica, intromettendosi nel rapporto medico-paziente”, si legge in una nota FNOMCeO. 

La nota CAO arriva dopo le polemiche nate a seguito delle problematiche sulla gestione delle pratiche, e dei pagamenti, di Previmedical che gestisce gli assistiti del fondo MetaSalute.  

“Il controllo deontologico degli aspetti riguardanti diagnosi e terapia e il monitoraggio della correttezza dell’esercizio professionale sono prerogative esclusive dell’Ordine dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri, messe in atto dalla Commissione Albo Odontoiatre”, ribadisce il presidente Iandolo. È inconcepibile che siano fondi, assicurazioni o società di capitali ad arrogarsi tali prerogative”. 

“Siamo seriamente preoccupati per i nostri pazienti – continua Iandolo –, stritolati tra terzi paganti e terzi lucranti, sballottati tra overtreatment e cure erogate con il misurino e lasciati completamente in balia di logiche economicistiche. Non resteremo spettatori inerti dello svilimento della nostra Professione, che è posta dalla Legge a tutela del Diritto alla salute dei cittadini e mai e poi mai accetterà di svendersi al miglior offerente”. 

“Prima di qualsiasi altra valutazione – afferma – è nostro dovere dal punto di vista etico e deontologico garantire sempre la libera scelta dell’odontoiatra da parte del paziente. A queste condizioni il paziente vedrà tutelata la propria salute anche in caso del cosiddetto terzo pagante”. 

“Ogni deroga rispetto a queste tutele va combattuta in ogni maniera – conclude Iandolo – nel rispetto dell’articolo 32 della Costituzione, che tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività.  Lanciamo dunque un appello alla Politica perché ci sostenga nella tutela dei diritti dei pazienti”.

Articoli correlati

CAO Roma approfondisce il tema cercando di capire come le scelte che vengono fatte sul SSN, impattano anche sulla sanità privata e quella odontoiatrica in particolare


Intervista a Maria Rita Vannetti presidente della neonata Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati


Previmedical contesta le affermazioni di ANDI e diffida: “non ci usi per accreditarsi nei confronti dei dentisti e per contrastare lo sviluppo della sanità integrativa”


Si chiama Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati e si pone come portavoce di tutti coloro che credono nella Sanità Integrativa e vogliono renderla una opportunità per...


Dopo aver raccolto più di 400 reclami dai propri iscritti, di cui quasi 200 arrivati nel primo semestre 2019, AltroConsumo ha deciso di rivolgersi all’Autorità Garante della Concorrenza e Mercato...


Altri Articoli

FESPA denuncia la mancanza di dotazione minima strutturale degli ambulatori Odontoiatrici del Verbano Cusio Ossola che ora rischiano la chiusura


A rischio 17 mila posti di lavoro, emendamento che impedirebbe ad una fascia considerevole di popolazione di accedere a cure odontoiatriche di qualità e a costi accessibili


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


Un evento che si conferma punto di riferimento dell’aggiornamento culturale del Sud Italia che ha fatto della sinergia tra le componenti del settore il punto di forza


Associazione Italiana Odontoiatri plaude la presentazione dell’emendamento che abilita le sole StP a esercitare l’odontoiatria


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi