HOME - Approfondimenti
 
 
12 Novembre 2018

Appello alla politica sulla sanità integrativa. Iandolo (Cao): ''Tra terzi paganti e terzi lucranti, a rimetterci è il paziente’’

Nor. Mac.

Dopo aver evidenziato i rischi di “sovradiagnosi, radiografie inutili, trattamenti inappropriati venduti al cliente/paziente solo per  'far cassa' in centri odontoiatrici appartenenti a 'catene' o franchising”, il presidente della CAO Nazionale Raffale Iandolo (nella foto) punta il dito contro i fondi integrativi che definisce “terzi paganti e terzi lucranti” che incentiverebbero “cure al risparmio” e per le quali “ad avere l’ultima parola sui materiali da utilizzare e sulle prestazioni da erogare non è l’odontoiatra, ma una compagnia di assicurazioni”.  

“È il caso dei fondi sanitari, che sempre più spesso stipulano convenzioni con studi odontoiatrici per erogare anche tali cure ai loro assistiti, salvo pretendere poi di avere voce in capitolo anche su questioni di natura professionale, come appunto le decisioni diagnostico terapeutiche, e persino deontologica, intromettendosi nel rapporto medico-paziente”, si legge in una nota FNOMCeO. 

La nota CAO arriva dopo le polemiche nate a seguito delle problematiche sulla gestione delle pratiche, e dei pagamenti, di Previmedical che gestisce gli assistiti del fondo MetaSalute.  

“Il controllo deontologico degli aspetti riguardanti diagnosi e terapia e il monitoraggio della correttezza dell’esercizio professionale sono prerogative esclusive dell’Ordine dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri, messe in atto dalla Commissione Albo Odontoiatre”, ribadisce il presidente Iandolo. È inconcepibile che siano fondi, assicurazioni o società di capitali ad arrogarsi tali prerogative”. 

“Siamo seriamente preoccupati per i nostri pazienti – continua Iandolo –, stritolati tra terzi paganti e terzi lucranti, sballottati tra overtreatment e cure erogate con il misurino e lasciati completamente in balia di logiche economicistiche. Non resteremo spettatori inerti dello svilimento della nostra Professione, che è posta dalla Legge a tutela del Diritto alla salute dei cittadini e mai e poi mai accetterà di svendersi al miglior offerente”. 

“Prima di qualsiasi altra valutazione – afferma – è nostro dovere dal punto di vista etico e deontologico garantire sempre la libera scelta dell’odontoiatra da parte del paziente. A queste condizioni il paziente vedrà tutelata la propria salute anche in caso del cosiddetto terzo pagante”. 

“Ogni deroga rispetto a queste tutele va combattuta in ogni maniera – conclude Iandolo – nel rispetto dell’articolo 32 della Costituzione, che tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività.  Lanciamo dunque un appello alla Politica perché ci sostenga nella tutela dei diritti dei pazienti”.

Articoli correlati

Dopo aver raccolto più di 400 reclami dai propri iscritti, di cui quasi 200 arrivati nel primo semestre 2019, AltroConsumo ha deciso di rivolgersi all’Autorità Garante della Concorrenza e Mercato...


La recentissima iniziativa intrapresa dal Presidente di  Omceo Milano contro Previmedical, che ripercorre esattamente  quanto fatto dalla mia CAO oltre quattro mesi...


Entrare nel merito clinico della prescrizione redatta dal medico o dal dentista da parte del personale che gestisce le pratiche per conto del fondo sanitario, potrebbe essere una pratica non...


Per molti strateghi la miglior difesa è l’attacco e Previmedical pare condividere la lezione. Così, alle proteste della categoria su pagamenti in ritardo e convenzioni poco convenienti, risponde...


Nella sanità integrativa, l’odontoiatria ha la parte del leone. Quanto suggerisce la logica, vista l’esclusione della maggior parte delle prestazioni odontoiatriche dai Livelli essenziali di...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Per l’Agenzia delle Entrate la causa ostativa non potrà trovare applicazione se i due rapporti di lavoro persistono senza modifiche sostanziali per l’intero periodo di sorveglianza


Il problema è per gli studi al piano strada. La provocazione di Migliano: “se non venite voi a prenderli, ve li portiamo noi”


I centri dentistici DentalPro collaboreranno con la rete degli Empori Solidali delle Caritas diocesane per offrire cure gratis a determinati pazienti


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi