HOME - Approfondimenti
 
 
30 Novembre 2018

Convenzionamento diretto e concorrenza, un dentista minaccia azioni legali per poter aderire. Il parere del legale


La questione della “legittimità” dei convenzionamenti finisce davanti all’Autorità della concorrenza e del mercato. A sollecitare il parere dell’Autority è un dentista bresciano, il dott. Giulio Grassi, che ha scritto un esposto per denunciare l’impossibilità per i dentisti di convenzionarsi con i fondi sanitari, in particolare con quello mètaSalute che per l’assistenza odontoiatrica si appoggia al network Previmedical. 

Il problema principale segnalato è proprio quello iniziale: la possibilità di convenzionarsi da parte del dentista. Sia che si scelga la richiesta telefonica o che l’invio di posta elettronica certificata non c’è modo di contattare il gestore, evidenza il dott. Grassi. “Il telefono suona a vuoto o occupato di continuo senza che si riesca mai a stabilire un contatto”, lamenta.

“In caso di segreteria telefonica si segue la procedura registrata per poi arrivare al blocco della chiamata”. Sintetizzando, la questione posta dal dott. Grassi all’Autority è la seguente : il fondo offre agli iscritti prestazioni odontoiatriche a condizioni molto favorevoli a patto che si rivolgano ai dentisti convenzionati, al contrario  le condizioni sono penalizzanti se il paziente si rivolge  ad un dentista non convenzionato. Nulla di male se fosse concesso a tutti dentisti (che lo vogliono) di convenzionarsi: ma quando invece tale possibilità sembra negata è chiaro che tale “chiusura” può comportare una importante spostamento del mercato non basato su principi di corretta concorrenza. 

Il contratto dei metalmeccanici – ad esempio - prevede la possibilità di accedere alle prestazioni odontoiatriche secondo quanto concesso dal fondo mètaSalute, ricorda il dott. Grassi. “Nella mia zona di residenza e attività professionale importante, stimo la presenza dei lavoratori di questa categoria con relativi famigliari pari a circa il 30% del totale dei lavoratori e conseguentemente del bacino d’utenza dei miei possibili pazienti/clienti”, scrive.  “Il mio studio –continua- sta subendo un’emorragia di pazienti che, obtorto collo, si devono rivolgere a professionisti “sconosciuti” mentre per anni si erano rivolti al sottoscritto costruendo un faticoso rapporto di stima e fiducia.

Quindi o Previmedical concede la convenzione a qualsiasi struttura manifesti la propria intenzione di convenzionarsi senza alcuna limitazione, e lo fa attivando un servizio con un’efficienza perlomeno accettabile, o è evidente l’attività fortemente turbativa del mercato, soprattutto in aree geografiche dove il numero degli assistiti sia percentualmente così rilevante”. 

Dott. Grassi che chiede un parere all’Autority per poi, sulla base della risposta, attivare una azione legale nei confronti di Previmedical e mètaSalute per “veder riconosciuti i miei diritti”. Ma una azione legale in questi termini avrebbe un fondamento? 

“Se si parla di un territorio ben determinato in cui siano presenti molti cittadini aderenti al fondo e pochi dentisti e solo alcuni di loro hanno potuto convenzionarsi, allora si può parlare di una violazione dei principi della concorrenza”, dice ad Odontoiatria33 l’avvocato Silvia Stefanelli (nella foto) esperta di diritto sanitario in Bologna. “Ovviamente per intraprendere una azione legale su queste basi si deve dimostrare, anche numericamente, il rapporto tra domanda ed offerta in quel determinata area (mercato rilevante) e che le azioni poste in essere (impedimento di fatto all’accesso alla convezione per il dentista) generano distorsioni che esulano dai principi della libera e corretta concorrenza”.

Articoli correlati

Gent.mo Direttore, Leggo il suo intervento “Fondi integrativi ed il coltello dalla parte del manico” le non posso non rilevare che, ancora una volta, si assiste a una sofisticazione del...


No alle convenzioni dirette con terzi paganti, no a qualsiasi accordo che preveda tariffe concordate, sì a un dialogo con i fondi sanitari in merito alle prestazioni da erogare...


Nei mesi scorsi quando Previmedical -la società che gestisce l’assistenza odontoiatrica agli aderenti a mètaSalute (il Fondo sanitario dei lavoratori Metalmeccanici)...


“Cerchiamo il giusto equilibrio perché tutto stia in piedi: garantire le prestazioni agli assicurati, gestire al meglio la rete convenzionata evitando abusi e permettere a chi lavora nella bocca...


Se da una parte Previmedial assicura che la situazione “pagamenti arretrati” si sta risolvendo, dall’altra alcuni studi odontoiatrici convenzionati continuano a lamentare problemi, almeno...


Altri Articoli

A Milano e Roma, con il professor Antonio Pelliccia


Nel pomeriggio di ieri 13 dicembre, la Camera ha convertito in legge il decreto Fiscale. Il testo approvato definitivamente - lo stesso votato in Senato- conferma all'articolo 10 bis l'esonero...


La partita iva era quella per la “coltivazione di cereali”, il diploma quello di odontotecnico ma lo hanno sorpreso mentre faceva il dentista in un locale adibito a studio odontoiatrico privo di...


Il nome dell’operazione, “Golden Tooth”, ricorda i film di 007 ma in questo caso nessun intrigo internazionale ma la scoperta dell’ennesimo abusivo.  A condurre l’indagine la Guardia di...


Nelle superfici in cui si producono rifiuti speciali non è dovuta la TARI ma incombe sul contribuente l’onere della prova.È questa la sintesi delle indicazioni del Ministero della Finanze rese...


 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi