HOME - Approfondimenti
 
 
08 Gennaio 2019

Fatture ai pazienti, il consulente fiscale AIO: attenzione a non inviarle allo SDI. I dubbi di igienisti ed odontotecnici

Nor. Mac.

Tra le norme introdotte dalla Legge di Stabilità 2019, il comma 53 sostituisce l’articolo 10 bis del decreto-legge 23 ottobre 2018,  n. 119, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2018, n.  136 che dava la possibilità agli operatori sanitari che inviano i dati al Sistema Tessera Sanitaria, di non emettere fatturazione elettronica. La modifica introdotta con la finanziaria, invece, indica che tutti gli operatori sanitari obbligati ad inviare i dati al Sistema Tessera Sanitaria“non possono emettere fatture elettroniche”.   

Il divieto, spiega Gaetano Memeo, segretario sindacale AIO, si è reso necessario dopo le obiezioni del Garante della Privacy che ha indicato il divieto di trasmissioneal Sistema Di Interscambio (SDI) dell’Agenzia delle Entrate, di fatture elettroniche contenenti dati sanitari. Questione quella legata al rispetto della privacy, sollevata nei mesi scorsi anche da AIO. 

Questo si traduce, per tutto il 2019, nell’obbligo di continuare ad emettere fatture ai pazienti nel formato “analogico” o comunque, se per una questione pratica legata al proprio programma gestionale già abilitato alla creazione del file XML, in formato elettronico ma senza inviarlo allo SDI, stampandone una copia da consegnare al paziente. 

Stando al testo pubblicato, chiarisce sul sito AIO il dott. Umberto Terzuolo, dello studio Terzuolo Brunero & Associati, consulenti fiscali AIO, “dovrebbe poi essere sempre possibile, per finalità amministrative e per prepararsi al venir meno dell’esonero dal prossimo 1 gennaio 2020, creare le fatture in formato XML, l’importante sarà però non inviarle allo SDI”. 

Per tutte le altre fatture che l’odontoiatria emetterà, per esempio quelle di consulenza nei confronti di strutture sanitarie o altri colleghi -salvo non si rientri nei parametri definiti dalla flat-tax-, il dott. Terzuolo ricorda che devono essere emesse in “formato elettronico ed inviate allo SDI”. 

Ancora non chiara, invece, la modalità di fatturazione nei confronti dei pazienti per igienisti dentali e laboratori odontotecnici (per esempio quelli convenzionati con le ASL) che non rientrano non aderiscono alla flat-tax.  

La normativa fiscale impone la fatturazione elettronica, quella sulla privacy il divieto di inviare fatture contenuti dati sanitari allo SDI. 
In attesa di chiarimenti della stessa Agenzia delle Entrate (igienisti dentali ed odontotecnici non sono gli “sanitari” in questa situazione di incertezza) il consiglio che arriva da alcune associazioni sindacali è quella di emettere fattura in formato cartaceo con la dicitura “seguirà fattura elettronica se dovuta”. Siccome la norma consente di inviare allo SDI la fattura elettronica entro il versamento Iva (trimestrale in questo caso), motivano, si potrà attendere chiarimenti e non rischiare di incorrere in sanzioni legate alla privacy. 


Articoli correlati

I consigli di Franco Merli sui documenti da conservare, quelli da dare al paziente e come inviare i dati al Sistema Tessera Sanitaria


cronaca     14 Febbraio 2020

Medici e dentisti: è corsa al POS

La possibilità di detrarre le spese sanitarie solo se pagate con strumenti tracciabili ha costretto medici e dentisti a dotarsi del POS. 400% l’aumento di rischiste nell’ultimo mese


L’Esecutivo presenta un emendamento al decreto MIlleproghe. L’On. Nevi conferma la presentazione del suo che posticiperebbe, invece, l’entrata in vigore della norma di un anno


Chi può detrarla, come ci si deve comportare per l’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria, e se il paziente è un minore? Questi i consigli del Commercialista


Dal primo gennaio entrano in vigore le norme sui pagamenti tracciabili per poter detrarre le spese sanitarie. Questi i nuovi obblighi per i dentisti. Scarica l’informativa da consegnare al...


Altri Articoli

Presentato il suo nuovo sito internet con una nuova veste grafica e una soluzione di e-commerce migliorata, che offre una procedura d’ordine semplificata e più efficiente


Molti i dubbi sulle modalità di applicazione per studi e laboratori. ANTLO: molto dipenderà dai decreti attuativi


INAIL: 8 infezioni su 10 sono in ambito sanitario ma dopo il lockdow scendono tra le professioni sanitarie ed aumento di altri settori di attività. I pochi dati sull’odontoiatria, rassicurano


Tra le richieste anche quella di sostenere la produzione europea. Già oggi in commercio prodotti riciclabili che rispettano le indicazioni ministeriali, l’ambiente e risultando anche economici


Finisce davanti al giudice la richiesta di un ASO che riteneva i problemi a schiena e spalle fossero di natura professionale. Riconosciuto l’indennizzo per l’inabilità certificata


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio