HOME - Approfondimenti
 
 
15 Gennaio 2019

Al cliente deve essere data la copia di cortesia della fattura elettronica. Come la ricevono gli ‘’esonerati’’?

Nor. Mac.

Chi emette fattura elettronica verso i privati è obbligato a darla in formato analogico o cartaceo, salvo non decida di rinunciarci. Ad indicarlo è l’Agenzia delle Entrate rispondendo ad un quesito.

Per le Entrate “le fatture elettroniche emesse nei confronti dei consumatori finali sono rese disponibili a questi ultimi dai servizi telematici dell'Agenzia delle entrate; una copia della fattura elettronica ovvero in formato analogico sarà messa a disposizione direttamente da chi emette la fattura. E' comunque facoltà dei consumatori rinunciare alla copia elettronica o in formato analogico della fattura”. 

Non è invece obbligatorio, ma ovviamente è una cortesia che il fornitore farà verso i propri clienti con partita iva e che ricevono la fattura elettronica attraverso lo SDI, il consegnare una copia utile anche ai fini pratici, per  poter riepilogare gli acquisti. Questo, per esempio, è quanto potrà accadere dal proprio deposito dentale che vi consegnerà ugualmente una copia cartacea della fattura elettronica o vi invierà via mail il pdf. Copia che, però, non avrà nessun valore fiscale. 


I dentisti come riceveranno le fatture elettroniche dei fornitori ai fini della detrazione? 

Gli operatori sanitari che devono inviare i dati delle fatture emesse nei confronti dei loro pazienti al Sistema Tessera Sanitaria non devono inviare la fattura elettronica allo SDI (ma potranno per esempio utilizzare un software per crearla senza inviarla ma stampandola).  

Altra tipologia di “esonerati” dall’emettere fatturazione elettronica sono i professionisti (dentisti collaboratori o igienisti dentali per esempio) e le ditte individuali (come i laboratori odontotecnici) che nel 2018 hanno fatturato meno di 65mila euro e aderiscono alla flat-tax.  “Esonerati” che devono ricevere ugualmente le fatture emesse in formato elettronico dai loro fornitori.

Se non sono dotati di un programma abilitato all’invio della fattura elettronica che funge da intermediario (quindi con il codice destinatario) questi dovranno indicare al fornitore il proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata. In questo caso si troveranno le fatture elettroniche direttamente nell'area riservata sul sito dell'Agenzia delle Entrate oltre a riceverla all'indirizzo PEC.

Nel caso il vostro fornitore vi consegni la fattura cartacea, per esempio un laboratorio odontotecnico che rientra nella flat-tax, la dovrete consegnare al vostro commercialista per la registrazione.  

Articoli correlati

Per i dentisti, igienisti dentali e laboratori odontotecnici che emettono la fattura elettronica per le prestazioni esenti Ivascade lunedì 22 luglio il termine per pagare l'imposta di...


Con la fine del periodo transitorio, scattano oggi primo luglio alcune novità in tema di fatturazione elettronica a cominciare dalla possibilità di emetterla, ed inviarla allo SDI, 12...


Dal primo gennaio 2020 studi dentistici e coloro che emettono fatture per prestazioni sanitarie che ad oggi devono sottostare al divieto di emettere fattura elettronica, dovranno attrezzarsi. Per...


Sono disponibili nel portale Fatture e Corrispettivi del sito dell’Agenzia delle Entrate, l’apposito servizio telematico che consente di verificare il calcolo ed eseguire il pagamento...


Dal primo gennaio 2019 è entrato in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra privati. Per quanto riguarda l’applicazione della norma alle fatture riferite alle prestazioni...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi