HOME - Approfondimenti
 
 
04 Febbraio 2019

OSAS in aumento tra gli uomini. Dal Congresso dell’IST: maggiore attenzione alle correlazioni con il diabete anche per altre patologie orali

Francesca Giani

Sarà la migliorata capacità di fare diagnosi o una maggiore diffusione dell’obesità, fatto sta che i casi di Sindrome dell’Apnea Ostruttiva nel Sonno (OSAS), nell’ultimo decennio, sono in aumento, in particolare tra gli uomini: se, in passato, l’incidenza era del 4% negli uomini e 2% nelle donne, oggi, secondo alcuni studi epidemiologici, per quanto riguarda la forma moderata o grave, nella popolazione di mezza età, questo dato è salito rispettivamente al 50% e al 25%.

È questo uno dei risultati emersi nel corso del VI Congresso dell’Istituto Stomatologico Toscanoche si è tenuto a Viareggio il 25 e 26 gennaio, dedicato a “L’odontoiatria nel paziente diabetico. Dalle correlazioni fra infezioni orali e diabete alle problematiche del trattamento nelle varie discipline odontoiatriche”.  Un tema, quello dell’Osas, su cui è stato ribadito il ruolo dell’odontoiatra - a partire dalle Linee guida ministeriali per la prevenzione e il trattamento odontoiatrico-, che è particolarmente importante nello screening, per intercettare pazienti non ancora diagnosticati, ma anche nell’attività terapeutica, per i casi che ricadono sotto la sua competenza.  “Nella sezione dell’anamnesi» è stato messo in rilievo da Dario Granata, otorinolaringoiatra dell’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma, secondo quanto riferiscono le Agenzie, «è importante un approccio multidisciplinare e collaborativo con l’otorino, che permette una valutazione delle sub-stenosi delle prime vie aeree, eseguendo una rinofibroscopia con valutazione degli spazi respiratori, effettuando così una stretta collaborazione tra otorino e dentista per il prosieguo terapeutico combinato”.

Il problema è particolarmente rilevante soprattutto laddove sia presente una patologia diabetica: a emergere è anche che tra i pazienti con diabete, l’Osas arriva al 50-60%.

Ma, in generale, è stato sottolineato in una nota da Ugo Covani, Direttore dell’Istituto Stomatologico Toscano, “la presenza di una malattia diabetica presenta implicazioni che investono tutte le terapie odontoiatriche e in modo particolare le infezioni del cavo orale. È noto infatti che fra infezioni del cavo orale e diabete esiste una relazione bidirezionale tale che il diabete aumenta i rischi di insorgenza di infezioni e l’infiammazione secondaria alle infezioni agisce negativamente sul controllo glicemico. In ragione di queste considerazioni gli odontoiatri devono conoscere il diabete e tutte le precauzioni che il paziente diabetico richiede in corso di trattamento odontoiatrico. Le manifestazioni orali della malattia diabetica comportano inoltre un importante ruolo dell’odontoiatra nella diagnosi precoce e nella motivazione del paziente diabetico e da questo nasce l’importanza di un costruttivo rapporto fra odontoiatra diabetologo”.  

Interessante è anche un altro dato che è stato messo in rilievo nel corso del congresso e che riguarda l’igiene orale domiciliare dei cittadini: a emergere è che, nella media, la popolazione italiana tende a spazzolare i denti per 30 secondi durante la giornata, contro invece i 4 minuti consigliati per un'adeguata prevenzione. “La prevenzione permette di evitare interventi più costosi e invasivi” è stato sottolineato da Annamaria Genovesi, docente dell'università Guglielmo Marconi di Roma e responsabile del Servizio di Igiene e Prevenzione orale dell'Ist. “E le prime forme di prevenzione da adottare sono un costante controllo e una particolare cura nella pulizia dei denti. Elemento che va evidenziato tra i cittadini”.   

Articoli correlati

Le considerazioni del prof. Gracco sui due dispositivi: l'errore più comune è credere che siano in contrapposizione tra loro


Un atto che sancisce e rafforza l’alleanza terapeutica fondata su una corretta informazione e comunicazione e solo successivamente sull’esecuzione tecnica della prestazione ...


Le ricadute sociali impongono una particolare attenzione ai fattori predisponenti e un corretto e tempestivo inquadramento nosologico della patologia. A supporto del...


Report INAIL su Obstructive Sleep Apnea Syndrome. “Fattore di rischio per incidenti stradali e sul lavoro e causa di ridotta performance lavorativa, deve essere considerata malattia cronica”


Da EDRA la rivista odontoiatrica specializzata nei disturbi del sonno e in particolare nell'OSAS diretta dal prof. Antonio Luigi Gracco. Scarica gratuitamente il primo numero


Altri Articoli

La CAO di Roma indica come comportarsi. Pollifrone: la nuova norma sarà anche l’occasione per meglio censire i direttori sanitari operanti sul territorio


La capogruppo regionale del PD chiede alla Giunta di farsi promotrice nei confronti del Ministero della Salute per rimuovere il vincolo della specializzazione per accedere ai concorsi


Antonio Pelliccia

Quando parliamo di marketing odontoiatrico e di qualità percepita è importante considerare che in uno studio odontoiatrico non è solo il professionista a dover coinvolgere e...


Immagine d'archivio

Operava direttamente sui pazienti, denunciato e sequestrato il laboratorio. Utilizzava anche personale in nero. Garda il video della perquisizione


Avrebbe dovuto svolgersi questo sabato 22 gennaio, i numeri della pandemia e le nuove regole hanno consigliato di posticiparlo a data da destinarsi 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi