HOME - Approfondimenti
 
 
02 Aprile 2019

Posizione AGCM su pubblicità sanitaria. OMCeO Milano: incomprensibile come una Autority possa schierarsi contro una Legge

Nor. Mac.

Da sx: Roberto Carlo Rossi; Andrea SennaDa sx: Roberto Carlo Rossi; Andrea Senna

Non è passato inosservato il commento alla Legge di Bilancio inviato dall’AGCM a Camera e Senato attraverso il quale si critica gli articoli 525 e 536 in tema di pubblicità sanitaria. 
Ad intervenire, a caldo, è il presidente OMCeO di Milano Roberto Carlo Rossi, anche coordinatore della Commissione pubblicità FNOMCeO, che con il presidente CAO Milano Andrea Senna da sempre si batte per chiarire che le liberalizzazioni in ambito sanitario introdotte dalla Bersani non debbano sconfinare nel carpire la buona fede della gente. 

“Se poteva essere comprensibile (anche se personalmente, lo ritengo comunque sbagliato), il commento dell’AGCM durante il dibattito degli emendamenti sulla pubblicità al disegno di legge di Bilancio –dice ad Odontoiatria33 il presidente Rossi- non credo sia corretto che una Autorità dello Stato si permetta di criticare una Legge dello Stato e mi chiedo perché stia avvenendo tutto questo”.

“Stiamo parlando –chiarisce Rossi- di una Autority chiamata a pronunciarsi seguendo le Leggi dello Stato, che dovrà eventualmente sanzionare chi non le rispetta”. Il presidente OMCeO di Milano si chiede come l’AGCM “farà a giudicare in base al principio che lo Stato ha stabilito, ovvero che in tema di pubblicità sanitaria non possono essere applicate le logiche che regolamentano il commercio, il Codice del Consumo, se si è schierata apertamente contro questa impostazione?” 

“Con lo scritto inviato alla Camera ed al Senato –continua Rossi- l’Antitrust ha chiaramente dichiarato i suoi preconcetti che sono contrari a quanto indicato dal Parlamento. Una Autority dello Stato dovrebbe essere sopra le parti e garantire imparzialità nel giudizio applicando le norme”. 

Per il presidente OMCeO di Milano la situazione è ancora più grave considerando che ad oggi l’AGCOM non è ancora in grado di operare secondo quanto indicato dalla legge di Bilancio 2019, in quanto mancano norme regolamentarie. Il Presidente Rossi ritornasull’assunto dell’AGCM, che ritiene come, regolamentando l’informazione sanitaria, si voglia “limitare la concorrenza e la possibilità del consumatore di scegliere”.

“E’ una posizione illogica –dice- a cominciare dalla parola consumatore, il medico o il dentista si rivolgonoa dei pazienti (cioè a persone che soffrono o che comunque hanno un’esigenza di salute)e non a dei consumatori. La pubblicità genera nel consumatore un bisogno, nel nostro caso il bisogno del paziente è generato, purtroppo, da un malessere, da una patologia e per questo si rivolge al medico o al dentista: per curarsi. Non compra una cura, cerca chi lo cura”. 

Per Rossi è “una battaglia di retroguardia quella di voler sostenere che si protegge il mercato e il consumatore se si tutela la pubblicità aggressiva e commerciale in campo sanitario”. 

“Al contrario, la vera battaglia è quella di tutelare il cittadino:nessuno è contro nessuno ma si deve capire che la pubblicità in un sistema come quello sanitario, che cura le persone, non può seguire le stesse regole di chi vuole convincere un clientea comprare un bene”.  “Io credo –conclude- che sia corretto proteggere il cittadino da chi considera una prestazione sanitaria come un bene di consumo, non so come si possa pensare che questo modo di voler tutelare il cittadino sia in realtà un disegno protezionistico a favore di medici e dentisti. Nessuno vuole vietare la pubblicità, noi riteniamo, e lo Stato approvando la legge di Bilancio ha sostenuto questa posizione, che la pubblicità in ambito sanitario debbaavere delle regole diverse da quella commerciale”.

Articoli correlati

Se i dentisti si lamentano anche i pazienti sembrano non essere contenti di come alcuni Fondi stanno gestendo i servizi che dovrebbero fornire. L’indice del cittadino, come quello del dentista...


Quello dell’obbligo anche per i laureati in odontoiatria, come per i colleghi medici, di avere anche un diploma di specialità per poter accederai concorsi per dirigente odontoiatra nel...


Nel video corso l’avvocato Silvia Stefanelli, esperto di diritto sanitario in Bologna, “spacchetta” la norma Boldi sulla pubblicità in sanità, analizzandola ed indicando, secondo la sua...


Indirizzare i politici per fare in modo che la prevenzione diventi, all’interno delle politiche sanitarie europee e nazionali, un cardine della salute orale, così come, oggi, lo è di quella...


La gnatologia è la madre di tutte le terapie odontoiatriche. Malgrado ciò è la branca dentale menoapprofondita e soprattutto meno applicata nel lavoro di tutti i giorni. Nel mercato odontoiatrico...


Altri Articoli

Rivedendo quanto abbiamo pubblicato questa settimana per decidere a quale argomento potesse essere dedicato questo DiDomenica, l’attenzione è caduta su due interviste che...

di Norberto Maccagno


Blitz del NAS di Parma in uno studio odontoiatrico a Reggio Emilia che ha portato alla denuncia di due diplomati odontotecnici unitamente ad un assistente alla poltrona scoperti ad esercitare...


In queste settimane gli odontoiatri, iscritti presso l’OMCeO di Bari, stanno ricevendo gratuitamente una “spilletta” da apporre su proprio camice  “L’idea di indossare un...


Si è appena conclusa la terza edizione del Rhein83days, un evento nato nel 2015 per il desiderio di riunire gli esperti di protesi rimovibile, gli amici dell’azienda bolognese che continua a voler...


Sono 19,6 milioni gli italiani che nell'ultimo anno, per almeno una prestazione sanitaria, hanno provato a prenotare nel Servizio Sanitario Nazionale e a causa dei lunghi tempi d'attesa, si sono...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi