HOME - Approfondimenti
 
 
29 Aprile 2019

Risvolti di responsabilità nella gestione della visita in traumatologia orale

di Maria Sofia Rini, Mario Pepi, Marco Brady Bucci, Antonina Argo, Diego D’Urso 

La corretta diagnosi e il trattamento precoci dei traumi dentali rappresentano un’emergenza al fine di alleviare il dolore, facilitare la riduzione di fratture o dislocazioni o limitare i postumi, migliorando la prognosi.

La prognosi delle lesioni dentarie spesso dipende dalla precocità e dall’adeguatezza dell’intervento d’urgenza. Purtroppo, spesso i primi a intervenire sono i medici di pronto soccorso o i pediatri, non sempre preparati a gestire tali eventi o impegnati nella risoluzione di problematiche di maggiore gravità. La traumatologia orale, pertanto, non sempre risulta gestita nell’immediato e con appropriatezza.

Durante la prima visita è necessario cristallizzare l’evento e i suoi esiti immediati, anche attraverso delle immagini fotografando il soggetto e i tessuti lesi. È, inoltre, necessario registrare, oltre ai dati anagrafici del soggetto, le modalità con cui è avvenuto il trauma, oltre agli eventuali interventi già praticati a precedenti eventi traumatici e lo stato generale del soggetto, comprensivo del suo stato vaccinale.

È necessario, altresì, esaminare eventuali ferite cutanee o dei tessuti molli o lesioni a carico di molari o premolari che potrebbero indurre ulteriori approfondimenti e valutazioni cliniche atti a escludere patogenesi suggestive di abusi o maltrattamenti, mentre ematomi sottocutanei potrebbero indicare fratture dei mascellari, così come anomalie dell’occlusione.

La conoscenza delle procedure di intervento e di valutazione clinica e un’idonea raccolta documentale aiutano il clinico a gestire correttamente e in maniera esaustiva il dato clinico e certificativo a tutela del soggetto leso. Un’inadeguata gestione di tale approccio potrebbe ingenerare errori di valutazione clinica e medico-legale e potrebbe escludere indennizzi o risarcimenti, senza trascurare che la mancata individuazione di condotte illecite potrebbe favorire il perpetrarsi di violenze nei confronti di soggetti deboli. Il dato documentativo, pertanto, assume rilievo così come la condotta del professionista intervenuto. La manleva o le tutele delle polizze assicurative si esplicano sulla base di tali evidenze adeguatamente documentate.

Purtroppo l’evidenza ha dimostrato che non sempre gli odontoiatri risultano diligenti a riguardo.

Da qui, l'importanza di individuare linee e schemi comportamentali e un linguaggio clinico e medico-legale appropriato che aiutino a identificare con immediatezza l’evento traumatico e i suoi postumi, e una corretta gestione dello stesso, in modo consono alle esigenze assicurative e/o giudiziarie, oltre che strettamente cliniche.

Nel lavoro "Risvolti di responsabilità nella gestione della visita in traumatologia orale" (Rini MS, Pepi M, Brady Bucci M, Argo A, D'Urso D. Dental Cadmos 2019;87/4:214-22), attraverso l’analisi delle diverse tipologie di trauma e degli schemi procedurali di approccio si cerca di individuare una terminologia comune riconosciuta, che permetta di identificare situazioni, interventi clinici, documentazione e valutazioni del trauma. I meccanismi lesivi si distinguono in traumi diretti (vestibolo-orali, apico-coronali, corono-apicali) e indiretti (oro-vestibolari, corono-apicali). Nel primo caso l’esito lesivo si esplica direttamente nella sede del traumatismo.

Nella seconda ipotesi il trauma determina esiti negativi a distanza dal punto di impatto sia a livello dentale che, talora, osseo. La necessità di avere parametri comuni di riferimento ha portato a utilizzare sempre più frequentemente la classificazione dei traumi dentali di Andreasen del 2011. Questa si basa su quella dell’O.M.S. e applica i principi dell’International Classification of Diseases to Dentistry and Stomatology.

Articoli correlati

Requisiti delle nuove polizze Rc, garanzie minime degli assicuratori, intervento Ivass e definizione dei confini tra assicurazione ed autoritenzione del rischio: sono i temi centrali dei quattro...


Per i giuristi la Legge Gelli non azzera rischi penali


Gli scenari ipotizzati dall’odontotolgo forense e dall’avvocato in tema di rischi ai quali l’operatore si espone


Nell'attività medica e odontoiatrica d'équipe ciascuna figura professionale risponde dell'inosservanza della lex artis relativa al proprio specifico settore. Ma, vi eÌ anche un obbligo...


La Legge n. 24/2017 (più noto come Ddl Gelli) in tema di sicurezza delle cure e della persona assistita nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le...


Altri Articoli

Trovare soluzioni e risposte complete alle problematiche della clientela non è solo uno slogan, ma una costante che da oltre 40 anni anima il Gruppo Norblast, realtà...


Secondo la stampa locale sono stati i Carabinieri, qualche giorno fa, ad arrestarlo dopo essere stato condannato a sei mesi di reclusione per aver svolto l’attività di dentista in svariati studi...


I.denticoop, la cooperativa di dentisti nata nel 2013 entra nel gruppo DentalPro che ne ha acquisito la maggioranza della nuova Srl, in cui entrano anche Coop Alleanza...


Gli otto mesi di tolleranza previsti dopo l’approvazione del Decreto legislativo di armonizzazione al nuovo regolamento europeo sulla Privacy, sono scaduti ieri 20 maggio. Da oggi potrebbe...


È oggi la XV Giornata mondiale contro l'ipertensione arteriosa e, in questa occasione, per il secondo anno, la Società Italiana dell'Ipertensione Arteriosa (SIIA) ha promosso in 400 farmacie,...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi