HOME - Approfondimenti
 
 
23 Aprile 2019

Dal Ministero della Salute le indicazioni per la presa in carico di pazienti con “bisogni speciali”


Le difficoltà di trovare non solo strutture pubbliche che offrano assistenza odontoiatrica ma anche private, è uno dei fattori principali che limitano le cure per i cosiddetti “pazienti fragili”.

Con l’obiettivo di fornire indicazioni per il miglioramento delle capacità assistenziali in ambito odontoiatrico da parte dei Servizi odontoiatrici presenti sul territorio nazionale il Ministero della Salute ha pubblicato le “Indicazioni per la presa in carico del paziente con bisogni speciali che necessita di cure odontostomatologiche”.

A coordinare la realizzazione del documento, elaborato in collaborazione con altri esperti del settore, è stata la prof.ssa Laura Strohmenger co-direttore del “Centro di collaborazione OMS per l’epidemiologia e l’odontoiatria di comunità, nominata dal Gruppo Tecnico per l’Odontoiatria del Ministero della Salute.

Documento che, indica il Ministero della Salute, “diventa fondamentale in considerazione dell’attuale diversità di presa in carico del paziente con bisogni speciali riscontrate nelle varie Regioni italiane non solo in termini di tipologia di servizio o di caratteristiche dei beneficiari, ma anche in termini di organizzazione dei servizi stessi e specificità del personale deputato alla presa in carico”. 

Il paziente con bisogni speciali, si legge nella nota di presentazione del Ministero,  è “colui che nell’operatività preventiva, diagnostica e terapeutica richiede tempi e modi diversi da quelli di routine”.
Quando in condizione di "non collaborazione" necessita anche della presenza di un ambiente operativo opportunamente attrezzato e di personale medico e assistenziale adeguatamente formato.

Documento che riveste anche interesse per lo studio odontoiatrico privato con untili indicazioni.   

Questi i temi trattati nel documento:

  • Percorso di presa in carico del paziente con bisogni speciali.
  • 
Standard minimi di struttura e personale per l’assistenza odontoiatrica.
  • Appropriatezza per l’erogazione delle prestazioni
.

A questo link il documento integrale sul sito del Ministero della Salute 

Articoli correlati

Giornata di incontri istituzionali quella di martedì 16 luglio tra FNOMCeO e Ministro della Salute On. Giulia Grillo ed il Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca Marco...


Dopo gli interventi di ANDI, UNID e SNO/CNA, alla giornata di apertura della Maratona del Patto sulla Salute, ieri martedì 9 luglio, è stata la volta degli odontotecnici di Confartigianato...


"Grazie per essere qui oggi alla prima giornata della #MaratonaPattoSalute. Sono felice di ascoltare le vostre proposte. Siete i pilastri del nostro Servizio sanitario nazionale, il vostro punto di...


Considerando che sulla questione della possibilità o meno di iscriversi all’Albo dei medici ed anche a quello degli odontoiatri da parte del laureato in medicina, ma anche laureato in...

di Norberto Maccagno


I doppi iscritti, ovvero i laureati in medicina iscritti anche all’Albo dagli odontoiatri, sono tornati sotto i riflettori per via del dubbio interpretativo posto da una OMCeO se poter iscrivere...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi