HOME - Approfondimenti
 
 
23 Aprile 2019

Dal Ministero della Salute le indicazioni per la presa in carico di pazienti con “bisogni speciali”


Le difficoltà di trovare non solo strutture pubbliche che offrano assistenza odontoiatrica ma anche private, è uno dei fattori principali che limitano le cure per i cosiddetti “pazienti fragili”.

Con l’obiettivo di fornire indicazioni per il miglioramento delle capacità assistenziali in ambito odontoiatrico da parte dei Servizi odontoiatrici presenti sul territorio nazionale il Ministero della Salute ha pubblicato le “Indicazioni per la presa in carico del paziente con bisogni speciali che necessita di cure odontostomatologiche”.

A coordinare la realizzazione del documento, elaborato in collaborazione con altri esperti del settore, è stata la prof.ssa Laura Strohmenger co-direttore del “Centro di collaborazione OMS per l’epidemiologia e l’odontoiatria di comunità, nominata dal Gruppo Tecnico per l’Odontoiatria del Ministero della Salute.

Documento che, indica il Ministero della Salute, “diventa fondamentale in considerazione dell’attuale diversità di presa in carico del paziente con bisogni speciali riscontrate nelle varie Regioni italiane non solo in termini di tipologia di servizio o di caratteristiche dei beneficiari, ma anche in termini di organizzazione dei servizi stessi e specificità del personale deputato alla presa in carico”. 

Il paziente con bisogni speciali, si legge nella nota di presentazione del Ministero,  è “colui che nell’operatività preventiva, diagnostica e terapeutica richiede tempi e modi diversi da quelli di routine”.
Quando in condizione di "non collaborazione" necessita anche della presenza di un ambiente operativo opportunamente attrezzato e di personale medico e assistenziale adeguatamente formato.

Documento che riveste anche interesse per lo studio odontoiatrico privato con untili indicazioni.   

Questi i temi trattati nel documento:

  • Percorso di presa in carico del paziente con bisogni speciali.
  • 
Standard minimi di struttura e personale per l’assistenza odontoiatrica.
  • Appropriatezza per l’erogazione delle prestazioni
.

A questo link il documento integrale sul sito del Ministero della Salute 

Articoli correlati

ANSOC al Ministro Speranza: serve una revisione tariffaria, troppa incongruenza tra il costo di produzione delle prestazioni odontoiatriche e le rispettive tariffe corrisposte


Sicurezza sul lavoro, rinnovo del contratto scaduto ad aprile 2018 e maggiore considerazione del Sindacato tra le richieste avanzate 


Per ottenere i 50 crediti non si dovrà dimostrare di aver continuato a lavorare. Viene posticipata la scadenza per il recupero del debito formativo del triennio 2017-2019


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Il Ministro Speranza nomina il nuovo Comitato Scientifico del’ISS, tra i componenti il prof. Lorenzo Lo Muzio


Altri Articoli

Il presidente Alessandro Nisio con alcune riflessioni su numero programmato, odontoiatria pubblica, futuro e gli sbocchi professionali dei giovani odontoiatri, apre il dibattito sulle riforme da...


Per il prof. Gagliani si guarda al problema come meri sostenitori dei propri interessi mentre manca non solo una programmazione ma anche una visione futura “delle professioni” di odontoiatra


Dentisti, igienisti dentali ed odontotecnici li tengono sotto “pressione” per l’intera giornata. I consigli degli esperti per prendersene cura


Ridurre i laureati in Italia aumenterebbe quelli all’estero. Queste le iniziative dell’Università italiane per garantire una formazione anche pratica di alto livello


Il dott. Calderoli ci aiuta a ricordare la nascita del Corso di Laurea in Odontoiatria e le reticenze e polemiche del tempo, già “caratterizzato” dalla pletora odontoiatrica


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION