HOME - Approfondimenti
 
 
23 Aprile 2019

L’odontoiatra attento alla salute del paziente ma anche all’ambiente. Come diventare un “ver-dentista”

Nor. Mac.

Ieri 22 aprile si è celebrata la Giornata Mondiale della Terra. In queste settimane i temi della tutela dell’ambiente hanno attirato l’attenzione dei media italiani anche grazie alla presenza nel nostro Paese di Greta Thunberg, la sedicenne diventata un'icona della lotta contro i cambiamenti climatici. Anche la FNOMCeO, in occasione “Friday for future”, la manifestazione organizzata venerdì a Roma, a pochi passi dalla sede della Federazione, ha ricordato l’impegno dei medici verso l’abbiente postando sulla propria pagina Facebook l’articolo 5 del codice di deontologia medica:

Promozione della salute, ambiente e salute globale
Il medico, nel considerare l'ambiente di vita e di lavoro e i livelli di istruzione e di equità sociale quali determinanti fondamentali della salute individuale e collettiva, collabora all’attuazione di idonee politiche educative, di prevenzione e di contrasto alle disuguaglianze alla salute e promuove l'adozione di stili di vita salubri, informando sui principali fattori di rischio.Il medico, sulla base delle conoscenze disponibili, si adopera per una pertinente comunicazione sull’esposizione e sulla vulnerabilità a fattori di rischio ambientale e favorisce un utilizzo appropriato delle risorse naturali, per un ecosistema equilibrato e vivibile anche dalle future generazioni.

Tra le professioni mediche, l’odontoiatria è sicuramente una di quelle che “influisce sull’ambiente”

“Controllando le risorse e ciò che ‘produciamo’ possiamo modificare l’impatto ambientale della nostra pratica, questo ci responsabilizza, ma anche ci rende consapevoli del nostro ruolo”, dice ad Odontoiatria33 Tiziano Caprara (nella foto), odontoiatria e promotore del progetto “Verdenti” attraverso il quale, da circa 6 anni cerca di sensibilizzare un approccio più “green” dell’odontoiatria.

“Il centro del progetto è il paziente con cui ogni ‘Ver-dentista’ si relaziona in modo particolare”, ci spiega. “Non lo si considera un cliente e neanche ‘pazientela’, ma una persona con un proprio vissuto con cui relazionarsi, prima di curarlo.
La visione è molto distante da quella commerciale delle strutture di capitali e da una visione aziendalistica puramente imprenditoriale”. 

Un dentista aderente al progetto Verdenti anche dal punto di vista clinico pone particolare attenzione sul mantenimento della salute orale in quanto possibile area di influenza per la salute generale. 
“La riduzione dell’infiammazione e dell’infezione orale, il trattamento delle apnee permettono di influire sull’infiammazione sistemica che potrebbe crearsi di conseguenza”, ricorda Caprara. “Si forniscono anche istruzioni sulla nutrizione come coadiuvante della terapia, sia a livello orale (azione diretta), sia come elemento di miglioramento di quel microbioma intestinale che tanto influenza il nostro benessere”. 

Anche i materiali utilizzati vengono valutati e non accettati passivamente, per cercare quelli più biologicamente tollerati.

A questa attenzione al paziente, spiega Caprara, si associa un’attenzione indirizzata “a ridurre l’impatto ambientale della nostra professione”. 

Odontoiatra che durante l’esercizio del proprio lavoro produce molti rifiuti ad alto impatto ambientale. Secondo l'associazione Ecodentistry (di cui Caprara è un gold-member), negli anni passati in America i liquidi per lo sviluppo delle radiografie analogiche (oggi per fortuna notevolmente ridotte) riversavano nell’ambiente più di 28 milioni di litri di sostanze mentre le otturazioni in amalgama più di 3,7 tonnellate di mercurio (anche queste oggi molto ridotte). 

Tuttavia si “producono” ancora 1,7 miliardi di buste di plastica, oltre ad una qualità enorme di bicchieri di plastica e altri imballaggi. “Tutti abbiamo visto gli effetti nel mare di questi materiali difficilmente smaltibili”, commenta Caprara. “Ogni materiale plastico che immettiamo nell’ambiente, come conseguenza della nostra attività, è destinato a rimanere per anni nel circuito ambientale”. 

Il progetto Verdenti si concentra su questi aspetti e attualmente riesce ogni anno a evitare l’immissione di più di 100.000 buste di plastica e quasi altrettanto bicchieri.
“Anche altri ‘accessori’ della nostra attività sono stati sostituiti cercando materiali più facilmente degradabili o riciclabili”, spiega Caprara. 

Altre attenzioni vengono poste sul risparmio di risorse (idriche ed energetiche) con piccoli aggiustamenti o comportamenti che però negli anni e nel numero portano a risultati importanti. Infine il Ver-dentista si concentra anche sugli aspetti economici, spiega. “Questo non con offerte speciali o visite gratuite, che ci accomunano alle strutture commerciali, ma spiegando che la prevenzione può anche dimezzare le spese del dentista, se attuata in maniera regolare.
Del resto bisogna far capire al paziente che anche denti e gengive sono “risorse preziose” che non vanno sprecate prestando loro poca attenzione, ma possono essere gestite con un minimo di cura”. 

Verdenti è iniziato come progetto pilota nel 2013 e dal 2014 si è esteso in tutta Italia. Conta circa 40 studi dentistici, anche se più di 170 colleghi in questi anni ne hanno chiesto l’affiliazione.

La selezione è importante. I requisiti infatti non solo strutturali, ma soprattutto “valoriali”.
“Non si entra nel progetto perché si vuole ottenere qualcosa –chiarisce Caprara- ma perché si crede in qualcosa: in una società più attenta alle persone e più vicina all’ambiente, in una parola una visione più umana della nostra società”. 

Articoli correlati

Le varie differenze, le indicazioni date dai medici, quali i dentisti possono utilizzare ed acquistare in farmacia o dai fornitori


Il caso del dentista di Monreale positivo, riapre i dubbi sugli obblighi nei confronti del personale di studio e dei pazienti, ecco una mini guida. I dubbi sulle Aso e personale di segreteria


Situazione economica incerta ma anche paura di contagio tra le cause. I dati da una ricerca di Key-Stone su di un campione rappresentativo di famiglie italiane


Dai dati Ebipro, durante il lockdown tra tutti gli studi professionali sono stati i dentisti quelli che hanno presentato più domande. Ora ad essere in crisi sono altre professioni 


Chi sono, quali i ruoli ed i compiti e cosa cambia se si utilizza un radiografico endorale o un CBTC. Ecco le indicazioni degli esperti


Altri Articoli

Aziende     30 Ottobre 2020

Informati, ispirati ed educati

TePe Share è un progetto per accrescere ulteriormente la consapevolezza riguardo l’importanza di una buona igiene orale


Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per tre posti a tempo indeterminato. Le domande entro il 23 novembre 2020 


Molti i temi in agenda della neonata Commissione: dalla questione dell’abusivismo, alla sentenza del Consiglio di Stato, passando dall’organizzazione dei rapporti con le Commissioni territoriali...


Video incontro con Giacomo Derchi ed Enrico Manca con consigli, indicazioni e considerazioni su materiali e tecniche da utilizzare. Occasione anche per sfogliare insieme il loro libro edito da Edra


Dal report settimanale del Ministero della Salute, forti preoccupazioni in molte regioni: “si va verso uno scenario 4”, quello di un lockdown. Fine settimana di valutazioni per il Governo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo