HOME - Approfondimenti
 
 
09 Maggio 2019

Gucci utilizza un sorriso imperfetto per lanciare un nuovo rossetto. Poggio (AIOP): la conferma che sono i denti ad attirare l’attenzione nel sorriso


"Qualsiasi bocca merita un rossetto, ma è l’armonia dei denti a valorizzare il sorriso”. A dirlo è il dott. Carlo Poggio presidente dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) in una nota inviata alla stampa a proposito della nuova campagna pubblicitaria di Gucci per il lancio della nuova linea Gucci Makeup, postata sul profilo Instagram del famoso brand. Nella foto viene ritratta la bocca ed il sorriso della rockstar punk e modella Dani Miller a cui mancano i due incisivi laterali.  

Una campagna pubblicitaria che sembra creare curiosità visto che l’immagine ha decuplicato i like ottenuti, rispetto a quanto raccolgono mediamente le immagini del profilo del brand Gucci. 

“Sicuramente è un sorriso che si fa notare proprio per la sua imperfezione”, continua il presidente Poggio che ricorda come spesso, proprio la perdita dei denti frontali sia un fattore di stress, di disagio psicologico. “Anche l’artista in una recente intervista pubblicata su di un noto sito di moda internazionale rivela una lunga storia di sofferenza psicologica per le prese in giro da quando era bambina”, ricorda Poggio.

“La piccola paziente nel suo percorso umano è diventata una rockstar punk ed oggi fa del suo difetto un punto di forza ostentato”. Spesso i pazienti con anomalie estetiche del sorriso ne soffrono parlando con la mano davanti, non sorridendo per evitare di svelare l’edentulia (la mancanza di qualche elemento dentale), fino ad isolarsi per evitare i contatti con altre persone. 

“È importante sottolineare –spiega il presidente Poggio- come una situazione di questo tipo, proprio perché caratterizzata da uno stato iniziale antiestetico ma di salute in senso clinico, quando trattata richieda una gestione specialistica. L’obiettivo è assolutamente di raggiungere un risultato estetico che non determini nel tempo un peggioramento funzionale e biologico. Attualmente le opzioni di trattamento delle agenesie degli incisivi laterali sono due: la chiusura degli spazi con un cosiddetto “camouflage” protesico ricostruttivo, oppure l’apertura degli spazi con l’utilizzo o di protesi adesive (cosiddetti ponti “Maryland”) o di impianti osteointegrati a sostenere le corone protesiche che sostituiranno gli elementi mancanti. A parità di condizioni anatomiche favorevoli la chiusura degli spazi appare essere la soluzione più biologicamente compatibile a lungo termine con uno stato di salute complessivo della bocca. Condizioni anatomiche specifiche possono rendere tuttavia la chiusura degli spazi non realizzabile”.  

Fondamentale, poi, che le terapie siano eseguite da professionisti abilitati e preparati e che quelle con impianti non siano da effettuare prima del completamento della crescita cranio facciale, quindi il più possibile dopo i 20 anni.

“Studi clinici –ricorda Poggio- hanno mostrato come impianti osseointegrati tendano a non seguire i naturali processi di rimodellamento osseo nel lungo periodo, dunque un inserimento il più possibile tardivo può evitare potenziali problemi. In questo senso l’età della rockstar (26 anni) è grosso modo l’età minima alla quale pensare di intervenire con impianti, dunque forse le scelte terapeutiche fin qui fatte non sono state poi prive di razionalità, al di là della scelta soggettiva della paziente di non tenere i provvisori in genere utilizzati”.  

Tornando alla campagna pubblicitaria di Gucci, il Presidente AIOP ammette che la scelta del Brand di utilizzare l’imperfezione del sorriso dell’artista certamente crea interesse, ma guardando la foto “ad attrarre lo sguardo è la mancanza dei due denti e non del colore del rossetto confermando che sono i denti a dare espressività ed interesse al sorriso delle persone”.  

Photo Credit: profilo Instagram Gucci

Tag

Articoli correlati

Al 38° Congresso AIOP si è approfondito il tema “dell’umanizzazione” della protesi e dei pazienti fragili. Guarda la Tavola rotonda organizzata sul tema


AIOP dedica il suo 38° Congresso nazionale alla protesi come strumento riabilitativo per la salute generale dell'individuo ma anche sociale. Il presidente Poggio ci racconta il perché della scelta


Un improvviso malore ha portato via, nel primo pomeriggio di ieri 11 giugno, Paolo Vigolo past president dell'Academia Italiana di Odontoiatria Protesica. A trovarlo privo di vita nel suo studio...


Il flusso digitale della protesi nello studio e nel laboratorio odontotecnico non è il futuro è già una realtà, almeno secondo quanto emerge dalla ricerca condotta da Key-Stone...


interviste     15 Giugno 2018

Protesi: nuova epoca d’oro

L'intervista a Carlo Poggio


Altri Articoli

Un modello riproducibile e sostenibile di umanizzazione dell’assistenza odontostomatologica che parte da una corretta formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra....


A metà febbraio le scadenze: quella sui radiografici che interessa i soli studi odontoiatrici e quella per l’autoliquidazione INAIL che riguarda anche laboratori ed aziende del settore. Per i...


In un cinema milanese uscita pubblica dell’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati per fare il punto su criticità ed avanzare proposte


Sono stati in militari del NAS di Bologna, secondo la stampa locale su segnalazione di un paziente, a scoprire a Riccione lo studio di un finto dentista, un diplomato odontotecnico di 69 anni.Secondo...


L’On. Alberto Volponi è "il papà" di una delle leggi la cui applicazione, o la non applicazione, è da sempre alla base dello “scontro” giudiziario tra Catene, Sindacati ed anche Ordine: la...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni