HOME - Approfondimenti
 
 
16 Maggio 2019

Pubblicità Sanitaria, chi sanziona le società? Iandolo (CAO): attendiamo una norma attuativa

Nor. Mac.

In tema di sanzioni per una pubblicità sanitaria non corretta la norma Boldi inserita nella Legge di bilancio 2019 indica chiaramente che è l’Ordine di competenza a dover verificare ed eventualmente sanzionare l’iscritto (direttore sanitario, titolare dello studio se Stp, studio associato o studio monoprofesionale) e segnalare all’AGCOM per avviare una verifica ed eventualmente sanzionare, la proprietà nel caso si tratti di una società di capitale il ci proprietario non è iscritto all’ordine. 


Ma quali sono, ad oggi, le reali competenze dell’AGCOM? 

A sollevare la questione la FNOVI (la Federazione degli ordini dei veterinari) chiedendo all’AGCOM di ricevere ogni indicazione ritenuta utile circa l’iter da avviare per chiedere l’adozione dei provvedimenti sanzionatori di competenza. 
Secondo quanto riportato dalla stessa FNOVI, AGCOM, attraverso l’Ufficio relazione con il Pubblico, ha ribadito che “in caso di violazione di tali disposizioni, sono gli Ordini professionali sanitari territoriali a procedere “in via disciplinare nei confronti dei professionisti o delle società”. La segnalazione all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni da parte degli Ordini professionali si riferisce solo all’ipotesi in cui tali violazioni riguardino il divieto di televendite di cure mediche”.
La nota continua indicando che “le violazioni di competenza dell’Autorità riguardano esclusivamente il disposto dell’articolo 37, comma 8, del D.lgs n. 177/2005 che reca il divieto di televendite di cure mediche. L’art. 1 comma 536 della legge n. 145/2018 non attribuisce alcun nuovo potere sanzionatorio all’Autorità, perché non innova la disciplina in materia di pubblicità sanitaria cui rinvia l’art. 37, comma 8 citato. La disciplina in materia di pubblicità sanitaria infatti prevede il potere disciplinare degli ordini e del Ministro per la Salute”.

Sul tema interviene il presidente CAO Raffaele Iandolo, sollecitato da Odontoaitria33 sottolineando come l’AGCOM nel dare la risposta si riferisca soprattutto ai suoi attuali poteri sanzionatori, che ancora non contemplano quanto prevista dalla norma Boldi. “Siamo in una fase transitoria –dice-, per fare diventare pienamente operativi i poteri affidati dal legislatore all’AGCOM servirà probabilmente una norma attuativa che ridisegni i poteri anche in tema di informazione sanitaria”.    

Articoli correlati

Approvata in via definitiva la Legge europea 2019-2020. Ecco come cambiano gli adempimenti per il direttore sanitario


I presidenti OMCeO e CAO di Milano scrivono agli iscritti per condividere la soddisfazione di essere riusciti, insieme alla Federazione, ANDI ed AIO, ad impedire le modifiche  


L’Ordine convoca direttore sanitario, i negazionisti li insultano via web. L’AD della Catena: iniziativa da premiare, incrementa la sicurezza di pazienti ed operatori


Il bonus pubblicità 2021 sarà concesso nella misura unica del 50% degli investimenti pubblicitari effettuati al netto delle risorse disponibili. Entro fine mese le domande


La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Obbligo di tampone bisettimanale, paura di contagio e appuntamenti persi stanno scoraggiando la professione. Il 40% dei dentisti inglesi pensa di smettere


Per l’Associazione probabile l’inserimento nel Milleproghe di un rinvio della scadenza del termine ultimo per registrarsi alla piattaforma come detentori di sorgenti di radiazioni ionizzanti


Un eventuale mutazione del rapporto di lavoro metterebbe a rischio l’equilibrio del sistema previdenziale e il pagamento delle pensioni già maturate


La normativa non indica una soluzione, la FNOMCeO interpella il Ministero. In attesa di indicazioni la Federazione suggerisce come comportarsi 


Rispetto a quello presentato dalla Senatrice Boldrini non compare più l’articolo che consentiva all’odontotecnico prove di verifiche di congruità in studio su richiesta e sotto la...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi