HOME - Approfondimenti
 
 
27 Maggio 2019

Il CTP: quando la responsabilità, deontologia e conflitto d'interesse dovrebbero guidare il professionista

Nor. Mac.

Può un odontoiatra non solo curare il proprio paziente ma anche tutelarlo dal punto di vista medico legale come Consulente Tecnico di Parte? A porre il dubbio, anzi a ricordare il divieto, è il dott. Francesco Spatafora (nella foto), Odontologo Forense, citando due articoli del Codice penale: il 359 ed il 348. 

Il primo recita: “Agli effetti della legge penale, sono persone che esercitano un servizio di pubblica necessità: i privati che esercitano professioni forensi o sanitarie, o altre professioni il cui esercizio sia per legge vietato senza una speciale abilitazione dello Stato, quando dell'opera di essi il pubblico sia per legge obbligato a valersi; … ” 

Il secondo è quello ben noto sull’esercizio abusivo di una professione (non solo quella odontoiatrica). Che cosa derivi dal disposto combinato dei due articoli è chiaro, sostiene Spatafora: “il Paziente è obbligato a valersi dell’opera del sanitario autorizzato, e lo Stato si fa garante, attraverso gli Ordini professionali, della preparazione dello stesso”. 

Il dott. Spatafora racconta che, come CTU, talora si imbatte in relazioni di CTP in frasi come la seguente: “la Paziente … richiede di intervenire sia protesicamente sia da un punto di vista medico-legale …”
. 

Ma può l’odontoiatria che ha in cura una paziente essere anche il Consulente di Parte della stessa paziente?
Per il dott: Spatafora no. 

“Il nostro Codice Deontologico– ricorda - al Titolo XI, art. 62 (“Attività medico legale”), recita così:  ‘L’attività medico-legale, qualunque sia la posizione di garanzia nella quale viene esercitata, deve evitare situazioni di conflitto di interesse ed è subordinata all’effettivo possesso delle specifiche competenze richieste dal caso’ (primo comma); ed ancora:  ‘Il medico, nel rispetto dell’ordinamento, non può svolgere attività medico legali quale consulente d’ufficio o di controparte nei casi nei quali sia intervenuto personalmente per ragioni di assistenza, di cura o a qualunque altro titolo, né nel caso in cui intrattenga un rapporto di lavoro di qualunque natura giuridica con la struttura sanitaria coinvolta nella controversia giudiziaria’ (quarto comma).
 

Per Spatafora ogni commento è superfluo. “è evidente il conflitto d’interesse tra chi interviene da curante, spesso con piani di riabilitazione impegnativi anche economicamente, e chi - seppur da CTP - deve invece operare “pro veritate”; ed è appena il caso di ricordare che l’art. 43, comma 3, del Codice Penale definisce la responsabilità come vincolo al rispetto dei regolamenti (“Il reato … è colposo, o contro l'intenzione, quando l'evento, anche se preveduto, non è voluto dall'agente e si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero per  inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline. …”)”.   

Il dott. Spatafora auspica che “la sempre maggiore maturità della nostra Professione imponga ormai di porre attenzione anche a questa norma, talora dimenticata, a ulteriore dimostrazione della nostra credibilità”.

Articoli correlati

Il contesto in cui opera il Professionista Medico Odontoiatra, oggi, si è sempre più strutturato nel senso della tutela della Salute del Paziente a 360°; in questo senso richiama l’art. 1 della...


La costruzione, la gestione e il mantenimento di un buon rapporto con il paziente resta, al pari del valido risultato tecnico, la migliore forma di prevenzione del contenzioso in...


Sono 300 mila in Italia le cause contro medici e strutture sanitarie private e pubbliche. Trentacinque mila nuove azioni legali ogni anno. Ma secondo i dati più aggiornati (Tribunale del malato...


Continua a suscitare interesse e dibattito nel mondo odontoiatrico forense e in vari forum e blog di odontoiatria, la vicenda della "condanna" inflitta al medico odontoiatra dal Tribunale di Vasto in...


La sentenza della Corte di Appello de L’Aquila che ha confermato la condanna nei confronti di un dentista per omessa informazione delle prescrizioni di igiene orale, con conseguente...


Altri Articoli

Cohen (DentalPro): anche le nostre aziende sono penalizzate nonostante le nostre cliniche siano aperte e sicure 


Collaborazione che ha l’obiettivo di preparare gli studenti ad entrare nel mondo del lavoro usufruendo di servizi e attività


Potranno ottenere il 200% di quanto ricevuto con il decreto Rilancio. Stanziati anche 30 milioni per medici e pediatri che si renderanno disponibili a fare i tamponi


Il caso del dentista di Monreale positivo, riapre i dubbi sugli obblighi nei confronti del personale di studio e dei pazienti, ecco una mini guida. I dubbi sulle Aso e personale di segreteria


La CAO La Spezia manifesta la disponibilità a Regione, ASL e Provincia affinché la rete dei medici odontoiatri della provincia sia inserita nel sistema di screening attraverso l’utilizzo dei...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo