HOME - Approfondimenti
 
 
11 Giugno 2019

Fondi Integrativi, Altroconsumo dà voce ai disservizi verso i pazienti. In programma azioni per sensibilizzare le Istituzioni sul problema

Nor. Mac.

Se i dentisti si lamentano anche i pazienti sembrano non essere contenti di come alcuni Fondi stanno gestendo i servizi che dovrebbero fornire. L’indice del cittadino, come quello del dentista convenzionato, è rivolto verso metaSalute ed Rbm Previmedical che gestisce la rete di studi convenzionati e la gestione dei servizi.  
A dare voce ai cittadini “aderenti ai Fondi” è l’associazione di categoria Altroconsumo attraverso un articolo pubblicato sulla loro rivista Insalute, nel quale hanno raccolto una serie di esperienze negative che i cittadini hanno lamentato attraverso il portale. 

“Negli ultimi mesi sono arrivati centinaia di reclami riguardanti i disservizi di Previmedical, a cui la compagnia di assicurazione Rbm affida la gestione delle prestazioni sanitarie previste da diversi Fondi sanitari integrativi”, dicono in una nota da Altroconsumo.  

“Previmedical è la società che gestisce le prestazioni sanitarie, dai Fondi agli iscritti, sia quando si tratta di autorizzare l’assistenza diretta (nelle strutture mediche convenzionate, quindi senza pagare nulla), sia quando si tratta di valutare le richieste di rimborso delle spese sostenute da chi va da un medico o in una struttura non convenzionata (assistenza indiretta).  Per lo più le segnalazioni provengono dagli aderenti a metaSalute, il fondo che garantisce assistenza sanitaria integrativa ai lavoratori dell’industria metalmeccanica, che Previmedical gestisce dall’autunno del 2017. Il contratto nazionale dei metalmeccanici negoziato dai sindacati rende obbligatoria l’iscrizione al Fondo e prevede un contributo per l’azienda di 13 euro al mese per ciascun lavoratore”. 

La tipologia di lamentele sono quelle che anche Odontoiatria33 aveva segnalato, a cominciare dalla confusione sulle prestazioni a cui il lavoratore ha diritto e su come accedervi.
“Le richieste di autorizzazione per le prestazioni odontoiatriche, quelle più costose, restano ‘in lavorazione’ per mesi –scrive Altroconsumo- lasciando il paziente in un limbo che non gli permette di accedere alle cure in tempi clinici ragionevoli”. Poi c’è il capitolo prenotazioni visite, questione che tocca anche i dentisti: Stefania, socia di Altroconsumo, racconta sulla rivista come di fatto il nuovo sistema “rende inutilizzabile l’assistenza diretta per le sedute di fisioterapia, perché bisogna chiedere il voucher per ogni singola seduta anche se è previsto un ciclo continuativo. Un deterrente all’uso del servizio”.

Poi anche i cittadini evidenziano quanto CAO Cuneo e CAO Milano hanno denunciato alle autorità competenti ovvero “come per giustificare il rifiuto Previmedical sia entrata nel merito della prescrizione del medico, contestando la diagnosi o la prestazione medica prescritta”.  
Un “comportamento scorretto”, spiegano da Altroconsumo, “perché la centrale operativa può valutare solo se la prestazione rientri nella copertura, i massimali residui, la competenza del centro medico scelto”. 

Per raccogliere le esperienze e le problematiche dei cittadini, Altroconsumo ha da tempo attivo sul proprio sito una sezione per poter inviare le segnalazioni direttamente alle Istituzioni oltre alla stessa Associazione dei consumatori che, si legge in una nota, per dare voce a questi cittadini sulla questione dei Fondi integrativi al SSN, sta valutando “iniziative verso la Camera dei deputati, al Ministero della Salute e all'Antitrust”

Articoli correlati

In un cinema milanese uscita pubblica dell’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati per fare il punto su criticità ed avanzare proposte


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


ANOMC organizza il 23 gennaio a Milano un momento di approfondimento sul convenzionamento ed i costi di gestone dello studio


CAO Roma approfondisce il tema cercando di capire come le scelte che vengono fatte sul SSN, impattano anche sulla sanità privata e quella odontoiatrica in particolare


Intervista a Maria Rita Vannetti presidente della neonata Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati


Altri Articoli

Rinviato il termine per inviare la dichiarazione dei redditi professionali all’ENPAM. Versamento a rate solo se attivata la domiciliazione


La precisazione arriva dal Ministero della Salute. Ecco fino a quando si potrà assumere ASO senza attestato ed entro quando chi è già assunto deve conseguirlo


CAO, ANDI, ANTLO, SNO/CNA, Confartigianato concordano un documento comune per dare indicazioni sui passaggi operativi che lo studio odontoiatrico e il laboratorio odontotecnico devono condividere


Attraverso una lettera al Governatore della Lombardia i Sindaci chiedono interventi a favore dei pazienti. Un Consigliere racconta le difficoltà di trovare un dentista che continui le cure


Nel CdA gli odontoiatri Claudio Capra (Vicepresidente), Luigi Daleffe Coordinatore del processo di attuazione della politica di investimento e Stefano Mirenghi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION